A lettia de San Benardo

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
A lettia de San Benardo
ms. 1.2.7 Bibl. Berio - ed. da V. Crescini, Giornale Ligustico X, 1883
[ 356 ]
EPISTOLA BEATI BERNARDY.

Alo graciosso et biao Cavaler Raymondo segnor de castello Ambroxo Bernardo conduto in vegeza saluo.

Tu ay demandao esser amaistrao da noy de lo moo et de la cura de governar più utermenti la masnà, et como li pairi de le masnae se debiam passar. A la qual cossa noi te respondamo, che avegna dee che lo stao et la fim de tute le cosse mondane lavoren sote fortuna, non è perzò da esser lassà la regolla de viver.

Oddi donca et atendi, che [se] in cassa toa la entrà et la ensia som enguae, casso desprovisto po destruie lo so[1] stao.

Lo stao d'un homo negligente: la soa casa ruinerà tosto. Che cosa è nigligencia de quello chi governa la cassa? Fogo possente et aceisso in casa.

Cerca diligentementy la intenciom et la solicitudine de quelli chi guiam la toa cossa. A l'omo che vem men et non è ancor vegnuo men è menor vergogna astenerse cha lasarse venir men. Veir speso le soe cose como che stam è grande previdenza. Adonca conscidera de lo mangiar e de lo beiver de li toi Animai perzò che elli an fame et no ne demandam.

Le noze habondeiver dano senza honor fan.

La speisa per cavalaria è honore[i]ver; la speisa per ayar li amixi è raxoneiver; la speisa per ayar li prodigi, zoè quelli chi zetan via lo lor, è perdua.

La toa famiga de groso et non de delicao cibo noriga. Chi è devegnuo goliardo no muerà may costumi noma con la morte. La goliardia de vil homo et neglegente è spuza et marzor, la goliardaria d'um solicito et intenduto è solazo.

In li dì de le pasque principai pasci la

[ 357 ]toa masnà habondeyvermenti, ma no delicamenti. Fa la gola tenzonar cum la borsa, et guarda de chi tu sei avocato, et che sentencia tu dagi inter la borsa et la gola, perzò che la gola proa cum desiderij, testemonie senza zurar; la borsa manifestamenti proa per l'arca, et li celer voy, o chi brevementi se som per voar. Lantor mal zuigi contra la gola quando la avaricia liga la borsa. Mai la avaricia non zuigerà dritamenti inter la borsa et la gola.

Che cosa è avaricia? homicidià de si mesmo. Che cosa è avaricia? Temer povertae semper vivando in povertae. Dritamenti vive l'avaro [per] non perder in si le richece, ma servarle a altri: megio val servarle a altri cha perderle in si.

Se tu ay abondancia de biava non amar caristia, che chi ama caristia desira esser homi[ci]da de li poveri. Vendi la biava quando ella val

[ 358 ]comunal prexio, non quando li poveri non la pon acatar, et vendila per menor prexio a li vexim et a li inimixi , che non semper se venze lo inimigo cum la spa, ma speso se venze cum servixo.

Superbia contra li vexim è bagno[2] chi aspeta trom cum sayta. Ay tu inimigo? Non usar con quelli, che tu no cognosi. Semper pe[n]ssa le vie de lo to inimigo: la segureza[3] de lo to inimigo no è in logo de paxe, ma tregua a tempo. Se tu te aseguri no pensar de lo to inimigo, che zo che tu pensi tu te meti per perigolo.[4]

De le toe femene sospete che elle fazan: cerca ignorancia et non sapua. Da poa che tu averai sapuo lo pecao de la mala moger no ne serai meigao da nigun mego. Lo dolor de la malla moger lantor mitigerà quando tu odirai parlar de le mogie d'aotri. Lo cor alto et nober no cura de le overe de le femene. La mala mogie castigerai megio cum lo rider cha cum lo bastun. Femena vegia et putam, se la leze lo consentisse, seria da esser sepelia viva.

De le robe. Nota che roba de gran speissa è proa de poco seno. La roba tropo aparissente tosto apartuise odio a li vexim. Studia de piaxer per bontae et non per roba. La demanda de la femena, chi à roba et ne demanda de le altre non indica fermeza. De li amixi te[n]e quello, chi è pu amigo /f. 56 r./, et inanzi quello chi te da le soe cosse cha quello, chi se offerisse si proprio, perzò che è grande copia d'amixi de parolle. Amigo non reputa quello che te loa in toa presencia.

Se tu consegi l'amigo to digi conseiando: cosi me par, et no: cosi è da far a lo bostuto, perzò che de la rea fim de lo consegio se segue più lengeramenti reprensiom cha loso de la bonna.

E' ò oddio che li zugolai te visitam. Atendi che se ne segue: l'omo, chi è

[ 359 ]intento a zugolai averà tosto moger, chi averà nome porvertae, ma chi serà so figio? Beffe. Piaxante le parolle de lo zugolar? Infenzite de [non] odir et pensa d'altro. Chi se alegra e se rie de le parole de li zugolai li à za daito pegno. Li zugolai, chi reproiham som degni de la forca. Lo zugolar chi reproiha è animal re, chi porta conseigo l'omecidio. Li instrumenti de li zugolay non son piaxuy a Dee.

Oddi de li messi. Lo messo de alto cor caza via como quello chi de esser to inimigo. Lo messo chi t'aluxenge cum soe luxenge caza via. Lo fante chi te loa seandogi ti [pre]sente scrialo che ello ha covea de inganate unna altra volta. Lo fante, chi se vergogna lengeramenti, amalo como to figio.

Se tu voy casezar, induer[t]ege inanzi necessitae cha voluntae; che la voluntae de edificar no se leva edificando. La tropo desordenà voluntae de edificar aparega et aspecta tosto vendita de li edifficij. La torre livrà et compia et l'arca voa fan tardi l'omo esser savio.

Voy tu alcunna fià vender? Guarda che tu non vendi parte de la toa hereditae a più possente de ti, ma inanzi dala per menor prexio a un menor de ti. Ma tuta la hereditae vendi a chi te ne da più. Megio val sostener greve fame che vende lo so patrimonio, ma megio è vender cha sostenerse a uxure.

Che cossa è usura? Venin de lo patrimonio, perzò che ella è leal layro, chi dixe pale[iz]e zo che ello intende de far.

No acatar niente in compagnia de più possente de ti. Soste’ pacientementi lo pice’ compagno azò che ello no te* acompagne cum più forte de ti.

Spiao ay de l'uso de lo vim. Chi in diversitae et abondancia de vin è sobrio, zoè atemperao, quello è telem Dee [5]. La envrieza no fa

[ 360 ]niente drito noma quando ella caze intra lo lavagio. Senti tu vim in ti? Fuzi la compagnia; cerca de dormì inanzi cha de parlar. Chi se scusa cum parole che ello no è envrio la soa envrieza apertamenti acusa et manifesta. Mal sta in zoven cognoscer vim.

Fuzi lo mego envrio. Guardate da mego, chi vogia proar in ti como ello dè curar altri de semegante marotia.

Li cagnoy franceschi lassa a li iheregi et a le reine. Li caim de guardia son uter. Li caim de caza più costan che elli non zoan.

Ay tu figio? No lo ordenar despensaor de li toi bem.

Ma tu diray: se la fortunna, zoè ventura, [è] contraria, che zoe la dotrinna de viver? Oddi che de zo ò visto mati far zo che elli no dem et a la fin se scusam sum la ventura. Chi serva la dotrinna raira fià acuserà la ventura, perzò che raira fià s'acumpagna solicitudine cum desaventura; ma più raira fià se parte desaventura da pigricia. Lo preigo aspeta esser sovegnuo da Dee, chi à comandao vegiar in questo mondo. Adonca ti vegia, e la lengereza de spender computa cum la greveza de guagnar.

Acostase la vegieza? E' te consegio che tu t'acommandi inanzi a Dee, cha a to figio. Fay tu testamento? E' te consegio che tu comandi che primeramenti li servioy toy seam pagay.

A chi ama la toa personna non cometi la toa anima. Commeti l'annima toa a chi ama l'annima soa. Tu de’ testar /f. 56 v./ inanzi la marotia, inanzi che tu devegni servo de l'infirmitae, perzò che servo no po testar. Donca testa quando tu e' libero, innanzi che tu devegni servo.

Oddi de li figi. Morto lo paire, cercan de partirse. Se li figi som gentilomi megio val speso che elli seam dispersi per lo mondo cha partir la soa hereditae. Se elli som lavoraoi faran zo che elli vorem. Se elli som mercanti più seguro è che elli partam cha che elli seam in communitae, azò che l'um non reproihe la desaventura de l'aotro.

La maire per aventura cerca de remariarse. Mata monti[6] fa. Ma azò che ella

[ 361 ]pianza li soi pecai vogia Dee che ella vegia piie un zoven, perzò che ello spenda le soe chose e ella non zeta. Le quai cosse speisse beverà con seigo lo carexo de lo dolor, che ella ha desirao. A lo qual la conduga la soa dannaber sentencia et vegieza. Amen.


  1. to
  2. Tl. balenum. Cosi FR. BA. SM.; PZ.2 bagno. Forse nel testo latino del nostro volg. balenum era scritto balnum senza segno abbreviativo, e balnum si intese per balneum, errore di lezione, che si propagò, comparendoci in PZ.2.
  3. Segureza. Tl. debilitas . Cosi FR. SM.
  4. Tl. Semper cogita quod inimicus sagax cogitat inimicitias... Si te securas non cogitare inimicum quae tu cogitas, periculo te exponis.
  5. Tl. ille est terrenus Deus.
  6. Matamenti, Tl. stulte agit.