'O gallo e 'a gallina

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

[ 3 ]

BIBLIOTECA TEATRALE GENNARELLI
diretta da CARLO DE FLAVIIS



DIEGO PETRICCIONE
_______



'O gallo e 'a gallina


commedia in un atto




NAPOLI
Casa Editrice Italiana Cav. Emilio Gennarelli e C.
Monteoliveto, 39-40 - Telef. 30-60
1921


[ 4 ]

Proprietà riservata


(Per ottenere il diritto di rappresentazione, rivolgersi all'Agenzia generale della Società degli Autori per il Repertorio dialettale napoletano Napoli - Via Bisignano, 42).


____________________________________
Stab d'Arti Grafiche Luigi Pierro e Figlio — Via Roma, 402 - Napoli [ 5 ]

PERSONAGGI
_____




LIBORIO SILLECE

NTUNETTA — sua moglie

LUISELLA — loro figlia

TOMMASO ANATRELLA

CONCETTA — sua moglie

CICCILLO — loro figlio



A Napoli. - Oggi
[ 6 ]
[ 7 ]

ATTO UNICO


la scena:Un basso napoletano.—In fondo, la porta comune. — A destra uscio che mette in altra stanza.—Una tavola a destra, ma non precisamente nel mezzo e serve da tavola da pranzo.—Una cristalliera in fondo, alla parete di destra: dentro vi sono in bell'ordine disposti piatti, stoviglie, bicchieri ecc.—All'altra parete, sempre in fondo, una di quelle così dette «credenze» con oggetti per la tavola.—Sedie a destra e a sinistra.—Qualche oleografia alle pareti.—È il pommeriggio di una Domenica di Giugno.—L'uscio comune è aperto.


SCENA PRIMA


Luisella e Ciccillo


Luisella(Ha sparecchiato la tavola. — Ha messo su di essa il boccale di cristallo, ripieno d'acqua, e due bicchieri. Va all'uscio con la tovaglia in mano, e fa cadere le bricciole raccolte in essa, fuori. — Ciccillo la segue, passo passo, senza darle requie.) Ciccì.. E lasseme fà! E statte cuieto! Chella mammà vene, e siente! Che nce vo' a venì d''a cucina? 'O caffè nun è eterno! E statte!
Ciccillo — Comme? Nun te pozzo dicere ca te voglio bene?
Luisella — Chesto me l'ha a dicere...! 'O voglio sentere. Ma songo 'e mmane che s'hanno sta! Tu nun me faie cumbinà niente cchiù!
[ 8 ]
Ciccillo — Comme? Aggio lassato patemo e pateto cu' 'na scusa pe' venì ccà a fa' pace cu ttico... e tu accussì me tratte?... Ah! brutta ingrata!
Luisella(volgendosi e ridendo) So' brutta? E vattenne!
Ciccillo — Seh! me ne jeva! E chi se move 'a ccà?!
Luisella — E tu rummane! (Parlando ha piegato la tovaglia e l'ha messa in uno dei tiretti della credenza. Già prima, sparecchiando, ha messo sul marmo della credenza la bottiglia ancora piena di vino.)
Ciccillo — Io te voglio bene assaie! (La segue sempre, mentre ella mette un po' d'ordine nella stanza).
Luisella (ridendo) — E tu nun nce pienze a mme!
Ciccillo — Luisè, tu me faie ascì pazzo!
Luisella — E tu spiccete!..
Ciccillo — E mammà che dice ca avimmo aspettà ancora...
Luisella — 'O juorno 'o giudizio!
Ciccillo — Luisè, saie ch'aggio penzato? (Va all'uscio di destra e spia se la madre di Luisella sia per venire. Si assicura di no. Indi rapidamente a Luisella) Fuimmuncenne!
Luisella — Ah! che he' ditto? Bella pruposta! So' 'na figliola onesta...
Ciccillo — Ma chille accussì nce hanno a fa spusà pe' forza.
Luisella — Io a' Chiesia aggio 'a jì' cu 'a corona 'e sciure 'arancio 'ncapo... e aggio essere degna d''a purtà!... Pe' te e pe' me... capisce?!
Ciccillo — E nun ne parlammo!... (Pausa.—Ella si è allontanata da lui). M'avisse purtà 'o musso pe' chesto?
Luisella — Ma no. (E gli si avvicina.) Te voglio bene 'o stesso... assaie assaie! (Entra dal fondo concetta. Ella se n'avvede. A Ciccillo rapidamente) Mammeta!


SCENA SECONDA


Concetta e Detti, indi Ntunetta.


Concetta (entrando, a Ciccillo) — Neh, piccerì, e tu che faie lloco? He' lassato a pateto e si' venuto ccà?!
[ 9 ]
Tu 'o ssaie c''a Dummeneca nun voglio c''o lasse sulo.
Ciccillo — Mammà, io aveva fa' 'na mmasciata a Luisella...
Concetta — E nc''a putive fa' stasera. Va, vattenne a ddu pateto! Chillo po' se mbriaca e va truvanno acciaro 'ncuorpo chi nc''o ddà!... Luisè, me meraviglio 'e te... Nun l'avive fa venì..
Luisella — Avite raggione... scusate... M'avite a essere mamma... scusate... Ma chillo, Ciccillo, è accussì buono... e nun 'o facite piglià collera! Alla fine d''e fatte m'ha dda essere marito... 'Na cosa 'e niente po' è stato... Aiere a ssera nce lassaiemo nu poco ammussate, e ha voluto fa' pace.
Concetta — Va buono, sì... (a Ciccillo) Ma va primma addu pateto... ubbidisce!...
Ciccillo — Vaco. — (Le bacia la mano. — Indi a Luisella). Addio, Luisè... nce vedimmo stasera.
Luisella — Ubbedisce a mammeta sempe... (Ciccillo via) 'A verità: è nu buono figlio... Se vede ch'è figlio vuosto. Comme se dice? Buoni genitori, buoni figli. Fummo d''o stesso lignammo! Tutto è l'esempio. E vuie site 'na femmena 'ncoppa 'a quale nun se pò dicere manco n'a!...
Concetta — Grazie, figlia mia... si' troppa bona tu. Ma io songo venuta a parlà cu mammeta. Chiammammella nu poco,.. Ll'aggio a dicere 'na cosa.
Luisella — Ve servo subbeto subbeto... (Va all'uscio di destra) Oie mà... 'a mamma 'e Ciccillo sta ccà... Ve vo' parlà... venite.
Ntunetta(Di dentro) Vengo subbeto... Scusate nu momento... Tengo 'o cafè 'ncopp''o fuoco.
Luisella — Cummà, mo' che ve truvate... putisseve cumbinà l'ebbreca d''o matrimmonio. Chillo Ciccillo me dice ca si vulite vuie...
Concetta — Sì, sì, Luisè, mo' vedimmo... Ma primma aggia apparà nu fatto cu mammeta.
Ntunetta(entra) Eccome ccà. Guè cummà! E che
[ 10 ]
t'aggia servì? (A Luisella) Luisè, va tu dinto... Pe' nun fà aspettà 'a cummara, aggio lassato 'o ccafè che nun aveva dato ancora 'o vullo... (Luisella via. — Porge, ora, una sedia a Concetta). E faie cerimonie... Nun t'assiette?
Concetta (Sedendo) — Cummà, te so' venuta a dicere 'na cosa.
Ntunetta — Ch'è stato? Tu me miette apprenzione!
Concetta — Nuie simmo cummare, e fra poco tiempo figliemo e figlieta s'hanno spusà... Embè, io te vengo a dicere ca chello che tu faie è brutto!
Ntunetta — Neh? E ch'aggio fatto? E che mmalora! Nun me songo maie addunata 'e niente...
Concetta — A tutto nc'è rimmedio.
Ntunetta — E remmediammo!
Cuncetta — Pe' causa toia, cummà, chella sciorta 'e gallina mia, ca m'aggia crisciuta cu 'e mullechelle, more...
Ntunetta — Pe' causa mia? Neh, cummà, ma ca hè perzo 'a capa?... Tu pare una c'ha magnato sovere agreste!
Concetta — E io mme fragno 'ncuorpo! Pe' causa toia se capisce! 'O gallo tuio fa morì 'a gallina mia...
Ntunetta — Le'.. cummà!.. Chella bellezza 'e bestia, sciacquariello mio, faceva murì 'a gallina toia? Vide ch'aggia sentere!
Concetta — Cummà, io nun pazzeo. Chella, tetella mia me more! Io me l'aggio crisciuta manco 'na figlia... Mme faceva n'uovo 'o juorno... Chella bella gallina grossa e tonna! 'A gente 'a guardava e diceva: Vide che bellezza 'e gallina... E mo' pe' chillo mmalora 'e gallo... 'A quanno l'abbistaie è benuta 'a scaienza pe' essa!
Ntunetta — Macaè pure malaurio 'o gallo mio?! Cummà, tu che cancaro accucchie!
Concetta — Se capisce! Chillo 'o gallo è preputente! Taffete!... e lle sagliette 'ncuollo!... A chillo juorno chella, tetella, ha perzo 'a pace soia... Nun fa cchiù ove... s'è ammalincunuta. Sulo quanno sente 'o
[ 11 ]
chichirichì d''o gallo tuio... 'a vide aizà 'a capà... Mannaggia 'o gallo!... Cummà, tu t'he' tenere 'o gallo dint''a casa 'nchiuso!
Ntunetta — Comm'a nu carcerato, cummà! E chillo me more 'o gallo! Chillo 'o tengo pe' buono aurio. Chiuttosto tienete 'a gallina 'nchiusa 'into 'a casa toia. Chella è femmena... e 'e ffemmene hanno sta dint'a casa!
Concetta — Comme? Tu me nieghe 'na cosa 'e niente?!
Ntunetta — Te pare a tte! Ah!... chillo me l'aggio crisciuto pullastiello... No, cummà! Chisto è nu capriccio ca t'he' miso 'ncapo... Lievatillo 'a capa! Nun pò essere!
Concetta — Tu me nieghe chesto? Avimmo a essere pariente... Figlieta s'ha dda spusà a figliemo... E m''o nieghe? (Le due donne cominciano già a turbarsi. — Alzano, gradatamente, il tono della voce.)
Ntunetta — Che nce trase chesto c''o gallo e' 'a gallina?
Concetta — Nce trase! E tu 'a parentela 'a tiene 'ncunto meno 'e nu gallo!
Ntunetta — E tu 'a valute quanto a 'na gallina?
Concetta — Ma se vede che tu 'a mo' vuo' fa' comme te pare e piace! 'Na femmena ca vo' afforza fa paparià 'o gallo suoio e ncuietà 'a pace 'e ll'ate!
Ntunetta — 'Onna Cuncè, pe' revula toia, io nun 'ncuieto 'a pace 'e nisciuno! (Con voce aspra).
Concetta — Già, comme si nun se sapesse! Tutt''o juorno, mmoc''a porta a fa' uno ciù ciù, 'ncopp''a chisto e 'ncoppa a chillo! (Ha un riso ironico sulle labbra.)
Ntunetta — Vi chi parla! 'A trummetta 'a Vicaria!
Concetta — A mme trummetta 'a Vicaria?! 'O voio chiamme cornuto a ll'aseno!...
Ntunetta — Vattè, ca nuie nce canuscimmo! (Parlando ed accalorandosi hanno alzato sempre più la voce).
Concetta — Vita, geste e miracule!
Ntunetta — Pecchè... avisse dicere quaccosa? Sciacquate
[ 12 ]
primma 'a vocca, quanno parle 'e me! Nun si' degna... (Si è alzata) Ccà nun ce stanno fose 'appennere!
Concetta — 'A principessa d''o cassero! (Fa un atto di disdegno.) A chella povera bestia l'avite vuttato 'o 'ngiarmo!
Ntunetta (avanzandosi verso di lei con l'indice teso) — A me chesto? E tu si' 'na femmena bona, tu?!
Concetta (alzando ambo le mani per difendersi, come gesticolando) — Tustaie dint''a casa toia, e pecchesto te faie a ttènere!
Ntunetta — Io so' bona ccà e fora! Nun me metto paura 'e nisciuno!.. Vattè!.. Chesta è benuta a ncuietà a casa mia! Vattè!
Concetta — Me ne cacce? (Grida come una forsennata) Ma figliemo, a chella millurdina 'e figlieta, 'a lassa... Chillo 'e sanghe mio, e cierte affronte nun se scordano.
Ntunetta — E figliema ne trova ciento e uno 'e marite! Iettava ll'uosso 'o cane! (Le due comari si sono accalorate, e guizzano fuoco per gli occhi).
Concetta — Ah! tu 'o vuò rompere stu matrimmonio... E sta bene! Tutto è sconchiuso! Figliemo 'a ccà nun nce passa cchiù! Dincello a fliglieta che s''o scurdasse! Vide!.. Pe' 'na cosa 'e niente... nu gallo... Fortuna ca s'è visto comm'è fatta! Ah! Figlio mio addo' capitave! Signò, te ringrazio ca mm'he' apierto ll'uocchie!
Ntunetta (scattando) — E quanno te ne vaie?
Concetta — Me ne vaco, sì, te levo st'onore! Vi' che superbia! Ha miso 'e scelle 'a signora!.. Sciù!...
Ntunetta — P''a faccia toia!.. (Sono sull'uscio. — Frattanto è comparsa Luisella che assiste alla scena).
Concetta — Ah! Avimmo spezzato... è meglio!... Aglie fraglie, fattura ca nun se cquaglie. (Sputa, fa le corna e via).
Ntunetta(Non ne potendo più, sta per slanciarsi dietro a lei; ma l'altra è già fuori).
Luisella(Ferma presso l'uscio di destra, non ha avuto il coraggio di intervenire).
[ 13 ]
Ntunetta(Prende la scopa e getta la spazzatura verso e fuori l'uscio donde è uscita Concetta, come scongiuro) Janara mmediosa! Fora... fora!... 'A mmidia, 'e maluocchie fora 'a casa mia! (Scopa con rabbia).


SCENA TERZA


Luisella e detti.


Luisella (Trattiene il braccio della madre, tutta tremando) — Mammà... ch'è succiesso?...
Ntunetta — Chella è pazza... Non ce penzà, figlia mia, meglio accussì! Ah! Ha ditto ca nun vo' cchiù?! E io te faccio spusà... nu signore, p''a faccia soia! E te voglio fa nu corredo a dudece a dudece... Meglio 'e 'na signora! (Frattanto depone la scopa in un angolo.)
Luisella — Mammà, che?!... Io voglio bene a Ciccillo... Io non voglio ca isso! Voglio a isso!
Ntunetta — Ce ne stanno meglio assaie!
Luisella — IO voglio a Ciccillo... Madonna mia, mo' me vene 'na cosa!... Madonna mia...
Ntunetta — No... no... Luisè... figlia mia... (Accorrendo a lei). P'ammore 'e Dio! Che te piglia?!
Luisella(È per venir meno) Io moro! (Sviene).
Ntunetta — Luisè... Ched'è? Aiuto!... (Tiene Luisella svenuta fra le braccia) Figlia mia bella!...


SCENA QUARTA


Liborio e Ciccillo e detti.


Liborio(Entra, insieme con Ciccillo dalla comune, getta il cappello con furia sulla tavola e accorre presso le due donne) Ched'è? Che succede?
Ciccillo — Luisè! (Accorre anche lui).
Ntunetta — Ah! Libò... Arrive a tiempo.... Tiene nu poco a figlieta, (Gliela depone fra le braccia) Vaco io a piglià quaccosa. (Esce dalla destra precipitosamente).
Ciccillo(Ha frattanto preso dalla tavola un bicchiere nel quale ha versato l'acqua) Nu poco d'acqua 'nfaccia...
[ 14 ]
Accussì se repiglia... Ma ch'è stato? (Dà il bicchiere a Liborio).
Liborio — E che ne saccio!... Songo trasuto cu tte! (Spruzza l'acqua in faccia alla figlia) Meh! Luisè... è cosa 'e niente... figlia mia!... (Rientra Ntunetta con un bicchiere, nel quale ha versato dell'aceto).
Ntunetta — Lasseme fa' a mme... Nu poco acito 'a ripiglia. (Mette sotto il naso di Luisella il bicchiere, avendo adagiata la figlia, aiutata da Liborio, su una sedia), — (A Ciccillo) E tu vattenne addu mammeta!
Ciccillo — 'Onna Ntunè! (Sorpreso.)
Ntunetta (a Liborio) — Vattenne! Aggio spuntà nu poco 'o busto a Luisella... Libò, e puortete a chillo... (I due si allontanano. Ella, frattanto, ha sbottonato la camicella a Luisella) Zi'.. zitte!.. Se ripiglia.. (Chiamandola amorosamente) Luisè... cor''e mamma toia!... (A Ciccillo che si è ridotto in fondo). Tutto pe' mammeta! (A Luisella che comincia a rinvenire) Te siente meglio?
Liborio (È ritornato presso Luisella) — Luisè... pateto sta ccà. Parla!... Tu saie ca io faccio chello ca vuò tu!
Luisella (Scoppiando a piangere) — Ah! papà mio bello!... Si io 'o perdo me ne moro!
Liborio (A Ntunetta) — Ma ch'è stato? Parle!
Ntunetta — 'A mamma 'e stu signore... (Mostra Ciccillo) 'o vi'... ha ditto c''o matrimonio nun s'ha dda fa cchiù...
Ciccillo — Ah! Luisella mia, e chi te lassa!... M'accido! cchiuttosto.
Luisella — Ciccillo! Ciccillo mio!... (Sono vicini e si stringono le mani).
Liborio — Ma 'a cummara fosse asciuta pazza? Chisto è nu matrimmonio cumbinato tutt'ammorcunzenzo? Comme, 'o cumpare Tummaso me faceva chesto... A mme?! Vattè! Chella 'a cummara ha vippeto!
Luisella — Io voglio a Ciccillo, o moro!
Ciccillo — Io m'accido!
Liborio — Aspettate, guagliù! Aspettate! Ch'avite murì. Vi' che se passa! Nu povero ommo vene 'a casa... pe' truvà un poco 'e pace, e trova st'arrevuoto... (A
[ 15 ]
Ciccillo). Pateto m'ha accumpagnato... s'è fermato comm''o soleto d''a tabaccara pe' s'accattà 'e sicarre... Vallo a chiammà... fallo venì ccà... Acconc'io... và!
Luisella — Va... Ciccì... va! (Ciccillo s'avvia) Si me vuò bene, fa priesto. Curre!
Ciccillo Corro!... (Via dalla comune).
Liborio (a Ntunetta) — Tu po' m'he' a spiegà...
Ntunetta — Che saccio... essa... 'o gallo, 'a gallina soia... ll'uovo che non fa... 'a malapasca c''a vatta!... Neh? Che ll'era venuto 'ncapo? C''o gallo nuosto nun aveva cchiù cammenà p''a strata... pecchè 'a gallina soia s'è ammalincunuta!
Liborio — E tu, pe' nu gallo, vuo' fa murì a figlieta!
Ntunetta (gridando) — Chi 'a vo' fa' murì! Io aggio ditto: tienete 'a gallina 'int''a casa, e te fa l'uovo!
Liborio — E chella... pe' 'na gallina... n'uovo! Ah!... 'e femmene! Tutte 'e stesse. Mannaggia 'e galline, 'e galle, 'e pulicine... ll'uove, 'e frittate, e chi s''e cresceno... chi lle danno 'a farenella!... Aaaah! Aggio sfucato!
Ntunetta — Libò, e ched'è? Tu me daie tuorto?
Luisella — Papà... e tu, allora, accuonce tutte cose? (Lo accarezza).
Liborio (prendendola fra le braccia) — Ma se capisce, figlia mia! Chelle doie cape sciacque vonno fa perdere n'amicizia 'e tant'anne? Vonno fa perdere 'a pace a tte e a Ciccillo?! Ca se rumpessero 'e ccape lloro! Nce lassasseno npace a nuie!
Ntunetta — Mo' l'avesse cercà pure scusa? Comme? Essa ha ditto: rumpimmo!... (Risentita), E già. Tu mm''e' a dà sempe tuorto, se sape... ggià!
Liborio — E marito tu nun ne tenive? E chell'ata mia signora, marito manco ne tene? E 'o cumpare Tummaso nun conta? E io nun conto? E ghiateve a fa' squartà... (È presso l'uscio, Scorge Tommaso e Ciccillo che vengono. — Subito va loro incontro).
[ 16 ]
SCENA QUINTA


Tommaso, Ciccillo e detti.


Tommaso (entrando) — Eccoce ccà... 'O guaglione m'ha cuntato cos''e pazze. (Ha la lingua un po' grossa, per il soverchio bere. È un po' brillo. Parla risoluto).
Liborio — 'O vi' l'ommo ca raggiona! (Gli stringe la mano). Assèttate. (A Ntunetta) Nu bicchiere 'e vino 'o cumpare.
Tommaso — Io mo' aggio fernuto 'e vevere... Me fa male... Grazie!
Liborio — 'O vino fa sempe bene... rinforza! E te l'he' a vevere ccà, ogge spicialmente. È 'na mancanza d'amicizia!
Tommaso — Quanno è chesto, sta bene! (Si sono seduti, intorno alla tavola, l'uno a destra, l'altro a sinistra). L'amicizia mette 'a coppa a tutto!
Ntunetta(è andata alla credenza, vi ha preso una bottiglia di vino, due bicchiari, ed ha portato tutto in tavola). Ecco ccà.
Tommaso (mentre Liborio versa il vino) — Cummà, allora se premmettete, nc'appicciammo pure nu sigarro (Offre nu sigaro a Liborio) Tu m'uoffre 'o vino, e io nu sicario.
Liborio — E io accetto (Accendono insieme il sigaro). (A Ntunetta) 'O vi'? Se pò scumbinà 'o matrimmonio fra figliema e 'o figlio 'e cumpà Tummaso, quanno nuie simmo un'anema e cuorpo? (a Tommaso) Dincello, cumpà... Nue primm''e nce spusà, avevamo già cumbinato 'o matrimmonio fra 'e figlie nuoste, si n'avevamo... Che mmalora!... Nun l'avevamo? Ch'eramo fucete?
Tommaso — Combinato e giurato! (A Ntunetta) Cummà, nuie nce avimmo spartuto 'o suonno... 'a meglia giuventù nosta 'avimmo passato 'nzieme. N'avimmo fatte campagnate, n'avimmo purtate serenate. Chi ve venette a dicere ca isso ve vuleva bene?... Fuie io! — Embè,
[ 17 ]
pure 'o rucco - rucco p'amice.. Ma p'amice comm'a isso! E chi è stato 'o cumpare d''o matrimmonio vuosto? Io! E chi è stato 'a cummara 'e battesimo 'e nennella vosta, 'e chisto zuccariello 'e Luisella? (La mostra). Muglierema!.. (A Luisella) Viene ccà. Luisè... (Luisella gli va vicino) Tu 'o vuò bene a Ciccillo?... E 'o vuò spusà?
Luisella — Ve pare! Me pareno mill'anne!
Tommaso — Ebbiva 'a franchezza! Seh!... E accussì me piace e ha dda essere 'a femmena... Liceta e spliceta! Te piace? E nun nce penzà... Parola 'e cumpare Tummaso, Ciccillo fra un mese te sposa. (A Ntunetta) Cummà, vuie site pronta? Tenite 'o curriero appriparato? No? E che fa! Lle date chello ch'è pronto! Una figlia tenite, uno guaglione tengo io... Ciccillo fatica, Ciccillo 'a vò bene... (A Ciccillo) A tte è inutile ca t'addimmanno!... E quanno vaie? Staie ancora ccà?! Va 'a chiammà 'a mammeta. Dincello ca io 'aspetto ccà... Hè capito? Io aspetto! Poche chiacchiere!... Aspetto. Iesce... curre, va! (Ciccillo via. — Anche Luisella esce per la sinistra, dopo di averlo accompagnato alla comune).
Liborio (si è alzato) — Cumpà, damme nu vaso! (L'abbraccia e lo bacia) Amice comm'a tte songo poche! Viva 'amicizia!.. .(Si abbracciano. Riseggono).
Tommaso (riversandosi da bere) — E vevimmo! (Alza il bicchiere) 'A saluta toia! Addo' va!
Liborio — 'A toia! (Toccano i bicchieri) Addo' va!
Tommaso (riversandosi ancora da bere) — E pure 'a saluta d''a cummara (Bevono c.s.) Po' a' salute 'e muglierema... (Bevono) E a' salute d''e piccerille nuoste! (Bevono c.s.) Facimmo uno scampolo 'e salute! (Ritoccano i bicchieri. — Ora offre il bicchiere ricolmo a Ntunetta). Cummà, vevite.
Ntunetta — No, grazie.
Liborio — E vevo io pe' vuie! (Beve. — Si forbisce, con la destra i baffi. — Una pausa) E mo' ragiunammo.
Ntunetta — Eh mo' avite ragiunà!... (Ride).
[ 18 ]
Liborio (a Tommaso) — Avimmo persuadè a mugliereta.
Tommaso — Già... ma è cosa 'e niente!
Ntunetta — No... cumpà, nuie nce simmo appiccecate buono!
Tommaso — E facite pace!
Ntunetta — No, cumpà, nuie ncesimmo mparuliate, nce avimmo cantate ll'aneme d''e ccorne!
Liborio — Chi n'ha ditto cchiù, cerca scusa a ll'ata!
Tommaso — Che scuse e scuse! N'abbraccio e fernesce tutto.
Ntunetta — Cumpà... chella, 'a cummara Cuncetta, nun cede.
Tommaso — E ne facimmo ammeno! (Rientra Luisella).
Ntunetta — Gnernò! Figliema l'ha dda essere nora, e nun voglio ca, trasenno 'int''a casa vosta, po' avè mala accuglienza.
Tommaso — E avite ragione! Chesto è parlà 'a femmena 'e munno! Dunque, 'o fatto è ghiuto ca ve site pe' 'na cosa 'e niente mparuliate?
Liborio — Si sapisse! P''a gallina 'e mugliereta e p''o gallo 'e muglierema!... Pare c''o gallo ha 'ngallata 'a gallina... chella nun fa cchiù ove... e pirciò...
Ntunetta (a Liborio) — Guè!... Oh!... E abbade comme parle... Nce sta 'a piccerella nnanze!.. (A Luisella) Luisè, va... vattenne dinto.
Luisella(arrossendo, esce).
Tommaso — E me pare ch'ave ragione 'a cummara... Tu 'nnanze 'a guagliona dice 'ngallata!... Se dice l'ha cupruta!
Liborio (proseguendo)... — 'Nce ha truvato gusto, he' capito?
Tommaso — È femmena, e basta! (A Ntunetta) Scusate, cummà.
Ntunetta (Ride) — Ma 'o bello era ca vuleva ca io mme tenesse 'o gallo dint''a casa! Chill''è abituato a ghì sbarianno p''a strata...
Tommaso — Già, chillo nun è capone, è gallo, e trova 'a congiuntura!..
[ 19 ]
Ntunetta (a Liborio) — 'O vvi', Libò, 'o cumpare mme dà raggione.
Liborio — Ma mugliereta... 'a gallina nun 'a vo' tenè nzerrata. Dice ca s'ammalincunisce, e 'a vo' fa ji' spuzzulianno p''a via... 'O gallo 'e chesta ha 'ncuitato 'a gallina 'e chella... Tu capisce? 'A vo' 'ncuietà ancora... 'O divertimento piace a tutte...
Tommaso — E se capisce!
Liborio — Mo' a mugliereta 'a capacite tu?
Tommaso — Quanno nun riesco, tengo nu buono remmedio... Una vota l'aggio miso mprattica... 'o siconno anno 'e matremmonio! Ma fuie nu remmedio santo, veramente putente assaie... Basta che nce arricordo, e 'a capacito subbeto... (Alza il bastone).
Liborio — Ma pigliala primma c''o buono...
Tommaso — Lasseme fa'! 'A piglio cu 'e bbone, pe' nun dà cattivo esempio a figliemo... tu capisce.
Liborio — Eh... capisco! Nce sta figliema p''o miezo! Si piglia stu cattivo esempio figlieto...
Tommaso — No... no... (Ride) Nun avè paura! Figlieta è n'ata cosa!


SCENA ULTIMA.


Ciccillo, Concetta e detti, poi Luisella.


Ciccillo (a Concetta, che è riluttante ad entrare, di dentro). — Mammà, e trasite... Papà v'aspetta...
Tommaso (alzandosi e andando verso Concetta che non entra ancora), — Cuncè? E ched'è? Trase. T'avesse prigà mo'? (Esce e rientra seguito da Concetta) 'E cumpare t'hanno mannato a prià 'e venì... T'aggio mannato pure a figlieto a chiammarte a nomme mio. Apparammo 'a facenna, meh!
Concetta(siede, senza rispondere, alla sedia che Ciccillo le ha portato).
Tommaso (a Concetta) — He' perza 'a lengua? E rispunne!
[ 20 ]
Ciccillo — Mammà, meh! Chella 'a cummara tene riguarde pe' buie... e stima assaie.
Concetta — Bella stima, belli riguarde!... Pe' nu sfizio, pe' nu crapiccio... me fa murì chell'ammore 'e gallina! Se ne avesse mettere scuorno!
Ntunetta — 'O vvi', Libò... po' tu dice...
Liborio — Statte zitta!
Luisella (che è rientrata) — Mammà, nun fa niente!
Liborio (a Concetta) — Cummà, vedite.. quanno s'è San Giuvanne comm'a nuie, 'ncopp'a cierti ccose se passa...
Concetta — E passatece vuie! Io dico ... sissignore... me puteva dicere: cummà, accunciammo.. che saccio? cu nu poco e razia... c''a maniera... Nonzignore!... Superbia! aria! E che mmalora! Io po' che l'avevo cercato? Ca se tenesse 'o gallo 'int'a casa! Pure p''o buono esempio 'o quartiere? Cierti ccose nun s'hanno vedè!
Ntunetta (gridando) — Qua' superbia? Qua' aria?... Chiuttosto, si' venuta tu cu 'a prepotenza! E 'a prepotenza cu mme nce tozza!
Concetta (a Tommaso) — Comme? Tu m'he fatta venì ccà pe me fa senter chiste insulte? (S'alza inviperita) Me ne vaco... me ne vaco!...
Tommaso (L'afferra per un braccio) — Addò? statte ccà! E facite pace!
Concetta — No!
Tommaso — T'aggio ditto: fa pace! (vibrato).
Concetta — No! no e no!
Ntunetta — Libò, ma chella me fa scappà 'a pacienza!
Tommaso (a Concetta) — Vi' ca si m'avotano 'e canchere, me faie arricurdà 'e specie antiche! E t''o faccio ccà! (A Ntunetta) Cummà, dice muglierema ca è stato nu malinteso. Tutto è passato... chello ch'è stato è stato! (Dando un forte pizzicotto a Concetta con tuono autorevole, dice:) E parla!
Concetta (volendo ribellarsi al marito, ma timorosa dice a denti stretti:) — Già... è passato...
[ 21 ]
Liborio — Va... dalle nu vaso...
Ntunetta — Cummà, nun ne parlammo cchiù!
Liborio — E brava!
Concetta — E nun ne parlammo cchiù!
Tommaso — Finalmente! (Le due donne si avvicinano, spinte dai rispettivi mariti, ma, mentre stanno per abbracciars, ecco che dalla via una voce di donna chiama:) 'Onna Cuncè, 'o gallo 'ncuieta 'a gallina vosta... 'onna Cuncè!
Concetta (Si ferma) — 'O vi'... n'ata vota! E tu nun t'o vuo' tenere dint''a casa! Ma vuo' fa murì afforza 'a gallina mia!... No, niente, nun se fa 'o matrimmonio si essa nun se retira 'o gallo 'int''a casa e 'attacca c''o pere, cu nu spavo, 'nfaccia 'o gallenaro!
Ntunetta — No... niente! Nun se fa 'o matrimmonio, si essa non se retira 'a gallina 'int''a casa soia e 'a mette sotto chiave.
Concetta (inviperita) — Io faccio cadè 'a casa! (Alza le mani).
Ntunetta (di rimando) — Io arrevoto 'o quartiere! (fa atto minaccioso).
Concetta — Io vaco add''o diligato!
Ntunetta — Io vaco add''o prisidente!
Liborio (A Ntunetta) — E ferniscela!... Mannaggia!... (Cerca calmarla, non riesce, se non minacciandola con pugni e fermandola su di una sedia).
Tommaso (accoppando quasi Concetta). — All'arme 'e mammeta! E ferniscela!... (La spinge contro il muro, impedendole di avventarsi contro Ntunetta).
Ciccillo (a Luisella) — Seh! Cheste p''o gallo e p''a gallina nce vonno 'nfelicità a nuie?! Mo' 'e servo a tutt''e doie! (Esce correndo).
Concetta (minacciando dalla parete presso la quale Tomaso la tiene ferma) — Tu m'he' fatto vattere 'a maritemo!... E mo'... mo'... spartenza pe' sempe!
Ntunetta (di rimando verso Concetta) — Allora figliete se spusarrà a figliema quanno avarraggio 'nzerrate st'uocchie!
[ 22 ]
Liborio (gridando) — Tu si' 'a siè nisciuna!...
Tommaso (a Concetta) — Tu nun cunte nu saciccio!...
La Voce (di do) — Cummà, currite! Chillo 'o gallo ha dato 'ncuollo 'a gallina... è passato 'o trammo e n'ha fatto 'na frittata 'e tutt''e duie!
Concetta — Ah, tetella mia! (Cade a sedere.)
Ntunetta — Ah! sciacquariello 'e mamma toia! (Cade anche lei a sedere.)
Liborio — Signò, vasammo 'nterra!... (Le due donne piangono).
Luisella (a Ciccillo che entra giulivo con i due animali morti fra le mani) — Che he' fatto?
Ciccillo — Ch'aggio fatto? Aggio pigliato 'o gallo e 'a gallina e ll'aggio menate sotto 'o trammo!... N e ll'avimmo levate 'a tuorno!
Tommaso (alle donne) — E abbracciateve! Chiagnite 'nzieme... (Le donne s'abbracciano).
Liborio — Chiagnite! chiagnite! Mettiteve 'o lutto!... (A Tommaso) Iammo, Tummà, abbracciammoce pure nuie! (Eseguono.)
Ciccillo (a Luisella) — E ched'è? Nuie sule stammo senza fa' niente? Abbracciammoce pure nuie!... (Abbraccia Luisella. — Quadro.)



La tela cala rapidamente.