'O funneco verde

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

[ 3 ]

BIBLIOTECA TEATRALE GENNARELLI
Diretta da CARLO DE FLAVIIS
_______________________________



F. G. STARACE
_______



'O FUNNECO VERDE


commedia in due atti




NAPOLI
Casa Editrice Italiana Cav. Emilio Gennarelli e C.
Monteoliveto, 39-40 - Telef. 30-60
1921


[ 4 ]

Proprietà riservata


Per ottenere il diritto di rappresentazione, rivolgersi all'Agenzia generale della Società degli Autori per il Repertorio dialettale napoletano Napoli - Via Bisignano, 42.



Stab d'Arti Grafiche Luigi Pierro e Figlio — Via Roma, 402 - Napoli [ 5 ]

PERSONAGGI
_____




ROSA

PEPPENELLA

BIASIELLO

ALESSIO

BRIGIDA

MARIELLA

PAPELE

MIMÌ

PEPPINO

PREZETELLA

CICCILLO



Guardie, Agenti del Municipio
[ 6 ] [ 7 ]

ATTO PRIMO


MMOC' 'O FUNNECO!


Scena del Fondaco Verde in Napoli, e propriamente all'imboccatura di esso. Piccolo arco, da cui si scorge, in una mezza penombra, diverse abitazioni sudice, e diverse suppellettili immonde in mezza alla via. Vi saranno sulla scena molta quantità di paglia per manifatturare le stuoie, dei panni mezzo sporchi che si stanno sciorinando all'aria.


SCENA I.


Rosa (lavorando una stuoia) — T'esce 'o core da pietto pe fa na stola de chesta, pe te abbuscà che pò? A mala appena 5 sorde, che nun te può accattà manca nu ruotolo de pane! E chelli doie npese che se songhe fatte? Me lassene sola a me puverella, e loro se ne vanne facenno li belle figliole pe lloco tuorne. Anno ragione che Ciccillo sta fora, si no curraria l'asse de mazze, e accussì mettarriame li cervella ncapa. (gridando) Nè Peppenè... Nè Mariè!... (e così ripete parecchie volte).
Peppenella (interno) — Ma' che vuò? Io sto cà!
Rosa — E rumpete li gamme a venì da chesta parte, lasse a mammeta sola, e tu faie 'a sfaticate!... Faccia tosta! Faccia tosta!
Peppenella (fuori) — Mà, che r'è? pe nu poco che steve parlanno cu Prezetella tu faie sti quatte allucche!
Rosa — Pe nu poco? Tu nun vuò faticà maie! Tu te ne vaie sempe zunzulianne tuorne, tuorne, e a me, me
[ 8 ]
 esce l'anema a cuorpo pe fa sti quatte stole. Sorete addò è ghiuta?
Peppenella — E che ne saccie? Starrà a du Nannina!
Rosa — 'O solito! Va sempe ncoppa a du chella faccia tosta de Nannina! Vularria sapè propete che nce va a fà? Signò scanzece da quacche guaie nu iuorne de chiste! Chella tena na capa pazze! Io nun la pozzo parià!
Peppenella — Guè mà, alla fine che nce sta de male che chella va a du Nannina! Mariella me dice che Nannina sape leggere e scrivere, e essa nce va pè se mparà nu poco!
Rosa — Uh! maramè! te npara a leggere e a scrivere e che a da fa lu nutare? Invece de ittà l'acite ncoppa a li stole cumme fa la mamma soia, che è becchia, essa se va nparanno sti sciorte 'e cose! Cu chille puze ferme che tene se putarria fa diece stole a lu iuorne!
Peppenella — E pò chi scrive a Ciccillo che sta Assabia?
Rosa — Nce sta Biasiello lu barbiere che pe duie sorde, te fa na lettera da cà a la bascie.
Peppenella — Ebbè chella vò avè essa 'o sfizio de scrivere a 'o frate! Le vo fa na lettera tutte cu li mane soie!
Rosa — Tu chi lettera me vaie cuntanne, chella va trova che te stanno combinanno essa e chella auta mala npechera.
Peppenella — Nè mà, e che ponne cumbinà?
Rosa — Va trova cu chi se songhe poste a fa l'ammore?
Peppenella — E chelle tutte e doie stano ncaparrate e tu lu saie! Nannine fa l'ammore cu Vicienzo 'o cusutore... e Mariella cu Papele 'o cianciusiello.
Rosa — M''e numinata n'auta bella pezza... Papele 'o cianciusiello! guè... sa che t'avviso?... nun piglià assempio da chella faccia tosta de sorete, pensa che tu sì guagliona, e si state crisciuta, se po dicere da me sulamente, senza pate... pecchè lu puveriello murette, mò fanno tre anne, quanno fuie chella brutta malattia, che li gente dinte a stu funneco, murevano comme alli mmosche... Che brutte ghiurnate! Se me l'arricorda surtanto, me vene lu fridde e la freve!
Peppenella — Mà... e nun pensamme a guaie!... Parlammo de cose allere... Quanta 'auta stole se ne anno da fà, che mo me mette a faticà pure io... e accussì vuttamme li mano leste.. leste...
Rosa — Chesta mo la fernesco, se ne ànna fa n'auti treie a viccanne la paglia.
[ 9 ]
Peppenella — Mò accummenza io pò vene Mariella e m'aiutarrà pure essa! (si mette a lavorare).
Rosa — Aspetta ciuccio mio che vena la paglia nova!


SCENA II.


Biasiello, Alessio agenti e guardie municipali


Biasiello (avanti, gli altri lo seguono) — Cavaliè... favorite da questa parte, venite da ccà..
Alessio — Cavaliè? Ma pecchè me vuoi battezzà per forza pe cavaliere mentre io non lo sono... Faccio 'o nutabile da cinque anni, e nun aggio pututo mai avere na crocella...
Biasiello — Tutte li primme eletti songhe Cavaliere!
Alessio — Io nun songhe affatte nu primme eletto, io nun songhe manghe n'estratto.
Biasiello — Baste... chelle che site... site! Io v'aggio chiammà sempe Cavaliere, pecchè l'educazione mia lu cumporte.
Alessio — Tu chiammame cumme vuò tu, abbaste che me faie spiccià, pecchè io aggia girà tutto 'o rione e nun tengo tiempo da perdere!
Biasiello — Uh! chè? avite girà?...
Alessio — U' rione!
Biasiello — È che r'è lu rione.
Alessio — È na purzione de lu quartiere!
Biasiello — E dicite 'o quartiere, vuie ve ne site asciute cu lu rione, io cumme ve pozzo ntennere. Cu tutte che io songhe alletterate... che me avisseve pigliate pe nu materiale de chiste?
Alessio — E che nce è bisogno di dirlo, io me ne songhe accorto a primma vista! Dunque, spicciammece che se fa tardi!
Biasiello — Cavaliè, io pe revola vosta, io faccio lu barbiere, e me chiamme Biasiello Vammacella... ma cà dinte a lu quartiere, tutti chille che me canascone, me danno lu donne...
Alessio — E pe cheste te voglio perdere; D. Biasiè, vi prego di farmi sbrigare subito perchè come vio ho detto...
Biasiello — E pò che ne vulite da sti mane? Cheste songhe mane d'oro!
Alessio — (appiennele pe vute).
Biasiello — Io faccio la barba! Io ve salasse, io ve mette li mignatte, io, accurrenza, ve pozze ntavulà pure na gamma! Ve pozze nfascià na ferita.
Alessio — Io te pozzo chiavà pure na mazzata ncapa e te manno ai Pellegrini...
[ 10 ]
Biasiello — No!... vuie nun v'avite affennere, pecchè io accussì saccio parlà.
Alessio — E parla nu poco meglio, figlio mio!
Biasiello — E pò, doppe tutto chesto, io sacio tenè pure la penna mmmano... Neh!... Siè Rò... parlate vuie, dicitele a lu cavaliere che lettere io scrivo a lu figlio vuoste, che fa lu surdate!
Alessio — Voi tenite nu figlio militare?
Biasiello — Non signore militare! Sta facenno lu surdate!
Alessio — (Sta bestia m'indispone). E vale lo stesso! E dove sta?
Rosa — Signò sta luntane assaie, sta Assabia!
Alessio — Ah! Sta in Africa!
Rosa — Già sta mmieza chella brutta gente nera, nera... Va trova si lu veco chiù a chillo povero Ciccillo mio!
Alessio — E sta proprio in Assab... o pure a Massaua!
Biasiello — Sissignore... Sta a Massaluna... io lu saccio pecchè le faccio la direzione ncoppa a li lettere.
Alessio — E pecchè quella femmena à ditto Assabia?
Biasiello — E cheste songhe gente gnurante, capiscone sti cose? fanno ogne erba fascio!
Alessio — Vuio site lu dotto che sta ca mmiezo?
Biasiello — Per servirlo!
Alessio — (Tena la faccia tosta)! Oh! D. Biasiè, credete che potessimo nu poco fare stu giretto!
Biasiello — Sicuramente!! Diciteme che avimma fà? pecchè site venute cà bascio?
Alessio — Ah! nun l'avite capite ancora?
Biasiello — No... nun aggio capite de che se tratte!...
Alessio — E facite tante ammuine! IO vado girando con la commissione igienica, per la nettezza, per la pulizia di questo rione, ed anche per vedere se vi sono cibi adulterati.
Biasiello — Nsomma vuie iate vedenno, tuorne, tuorne addò stà la munnezza pe la levà?
Alessio — Chisto, una vota, me à pigliato pe munnezzare.
Biasiello — Mo ve accumpagne nu poco io, e ve faccio abbedè che bella scupate facimme tutte 'e duie.
Alessio — Iamme facenno li scupature. Però, nun tanta chiacchiere ed andiamo avanti.
Biasiello — Ecco cà, Cavaliè, chisto cà è lu Funneco
[ 11 ]
Verde, cà nce stanno tutte nbagliasegge, stulare, e purzì li maruzzare.
Alessio — E chesto 'o saccio, io songo antico del quartiere, te pare me vuò nparà tu a me (vedendo i panni) Oh! e de chi songo sti straccie appisi? Chiste nun ponno stà lloco, levateli subito, pecchè sono contrarii alla pubblica igiene.
Biasiello — Iamme, belli figliò, avite ntise a lu Signore, levate subeto sti pannuccie appiso, pecchè songhe contrario a lo ncienzo!
Rosa — Signò, aggiatece pacienza, vuie site nu brave Signore, e comme tenite la faccia tenite lu core; chisti pannuccie l'appise chella povera Prezetella che tena la criatura malata, e si nun se asciuttene a lu sole cà fora chella nun la pò cagnà.
Alessio — Ma cara mia, io nun aggio che te fa!... chiste songhe affari che nun me riguardano, questa è via di sbarazzo, e nun possono sta sti cenci appise, e poi ti ripeto, che si tratta della pubblica salute, e perciò nun nc'è che fa? Sinò ve faccio pagà la multa e accussì n'auta vota ve nparate e nun li mettite cchiù appise!
Rosa — A murda? Signò vuie state cu la pazzia! e addò ve la pigliate, nuie autri pezzienti cà bascio, nun tenimme che magnà, e ve pagamme a murta a vuio?
Alessio — Questo è un affare che ve la vedrete cu lo Pretore. Intanto chiammate sta femmena che venesse a levà la roba da miezo.
Biasiello — Ubirite subito 'o Signore Cavaliere! Avite ntise? Signò quante vulite na cosa dicitela a D. Biasiello e nun ve ne ncaricate chiù!
Rosa (chiamando) — Nè Prezetella!... Prezetè... (così diverse volte).


SCENA III.


Brigida e detti


Brigida (dentro) — Nè, si Ro che vulite?
Rosa — Viene cà fora che nce sta nu signore che vò a te!
Brigida (fuori) — Nu signore va truvanne a me, e addò sta?
Rosa (caricando) — Nce sta nu Signore cavalliere che vene da coppa a lu Municicolo, ave ditte che cà fora nun ponno sta appise sti pannuccie de la criature, pecchè fanno venì la malattia a la gente!
Brigida — Ah! Iete! Iete! Signò, manca se li tenisseve sine ncoppa la vocca de lu stommeco.
[ 12 ]
Rosa — Ave ragione Prezetella, e che ghiate facenno, nvece de dà a magnà la povera gente che se more de famme, vuie iate truvanne tutte sti peleie.
Brigida — E sì! stu signore se ne è venuto tinche! tinche! Isso tene la panza sazia, pò vene ca bascia a fa 'o frulocco!!
Alessio — Nè D. Biasiè?.. Ebbè, cheste me stanno insultanno me pare! E vuio site 'o capo du quartiere, e nun le dicite niente.
Biasiello — Lasciateli sfugà nu poco, pò me mette io miezo e faccio fenì tutte cose.
Alessio — E cheste me ponno pure vattere, e vuie ve state zitte... Meno male che tengo li guardie... (alla guardia) Capurà, facite subito levà chille cenci da là appise! (La guardia esegue)
Brigida (alla guardia) — E lassa stà! Mo lu faccio io... si no me li stracce... Vuio vedite che se passe cu sti quatte magna franche!... Puzzate passà nu guaie... nu guaje avite passà nnanze stasera (piglia i panni e via nel fondaco).
Alessio — Ma pe cumbattere cu sta gente, nce vo lu stammeco de bronzo. Chella mo me à ditto nu sacco de male parole e io me l'aggia avuta zucà! E dire che noi lo facciamo per il loro bene!
Biasiello — E che nce vulità fa. Signore mio, ve l'aggio ditte che cheste songhe gente gnurante! Nce vo 'a pacienza.
Alessio — Iamme a fa la visita nu poco là dinto, figuriamoci che nce à da sta de sporchizia, già io aggio pigliato le precauzioni (piglia un flaccon dalla tasca ed odora).
Biasiello — E che r'è chesto mò?
Alessio — Chesto è aceto aromatico, serve per i miasmi.
Biasiello — Pecchè serve?
Alessio — Per i miasmi!
Biasiello — Vedite comme vo pazzià 'o Cavaliere... isso dice cierte parole accussì curiose (ride) Signò cheste so tutte gente ngnurante!
Alessio — (Isso è chiù ciuccio dell'auto, e vo fa 'o dotto) (Si avviano)(vedendo la paglia per terra) Sè Rò, bella mia, vuie sta paglia l'avita levà da ca miezo, v'aggio ditto che chesta è via di sbarazzo, e cà fora non nce po stà, sta roba! Mettiteve a faticà a parte 'e dinte.
Rosa — Comme io songhe antica de lu quartiere e me dicite chesto a me?
Alessio — Tu sarrai antica de lu quartiere, ma ca fora nun nce può sta!
[ 13 ]
Rosa — Vavella mia ca fora faceva li stole, a bellanema de mamma mia pure ca fora se metteva a faticà, e io pecchè nun nce pozzo sta?
Alessio — Ma tanne erano auti tiempe!
Rosa — Già tanne se magnava e mo se sta diune! Tanne lu pane ieva a quatto rà, e mo va a otto sorde, e nun se pò manco magnà, pecchè è nire e puzzulente! Tanne te abbuscava la pezza e mo pe vedè na livera fauza t'esce lo core da pietto... Tanne...
Alessio — Basta mo sti chiacchiere! Pe mo leve sta robba pecchè te la faccio levà cu la forza.
Biasiello — Iamme sì Rò, facite cuntento o Signore, levate sta paglia da ca miezo! Cavaliè vuie l'avite cumpiatì... pecchè...
Alessio — Cheste sò tutte gente gnurante!... Me l'è ditte na ventina de vote fino a mo!
Rosa — Peppenè aiza cà, aiuteme a purtà sta roba a parte e dinte (eseguono) Avite ragione che chille figlio mio sta fora, pecchè chille nun è guaglione che se fa passà la mosca pe lu nase. Nfaccia a la sì Rosa, 'a vecchia d''o Funneco Verde, se ne è benuto che nce 'o faceva levà cu la forza. Io me ne vaco pecchè me ne voglio ire io, ma cà manco nu reggimento de surdate me cacciava da mmocca 'o Funneco mio. (via brontolando).
Alessio — D. Biasiè, chesta pure me 'a ditte nu cuofene de maleparole?
Biasiello — E cheste è niente!
Alessio — Nce sta chiù robbe?
Biasiello — Nce sta chiù robbe?
Alessio — E io se sapeva chesto nun nce veneva cà bascio.
Biasiello — Signore mio nce vo piacenza. Cheste...
Alessio — Songhe tutte gente gnurante!... Lu dotto site sulamente vuio... aggio capito. (viano tutti nel fondaco).


SCENA IV.


Mariella e Papele


Mariella (seguita da Papele, veste panni laceri) — Tu è inutile che te fruscie, che cu mico nun ne caccio niente; te agio ditto che nun pò essere, e nun pò esse!
Papele (molto effeminato vestito) — Ma comme te cuntiente de fa sta vita, te cuntiente de sta dinta 'a miseria, de magnà pane e cepolla e nun vuò fa chello che te
[ 14 ]
 dice Papele tuio che te vo bene, che darria la vita soia si attocca, per farte fa la signora!
Mariella — Ma, lasseme sentere, che vularrisse che io facesse?
Papele — E me l'addimanne n'auta vota? Siente a me, lasse a mammate e a soreta, levete da dinta stu funneco, na vota pe sempe. Mo che sì figliola videtenne bene della vita toia, miette apprufitte 'e bellezze che tiene; si no quanno si becchia che t'allicuorde? Ch'e fatte sempe stole pe tutte lu tiempe che è campate?
Mariella — Ma quanno parle de chesta manera pecchè nun me spuse lesto, lesto, e accussì me lieve da dinto a lu funneco.
Papele — Se, se nzora marisse e se piglia a maressa! Io nun tengo nè arte nè parte, tu nun tiene niente, e che ghiamme facenne tutte e duje.
Mariella — Nun fa niente, io me cuntento de me murì de famme abbaste che tu me spuse.
Papele — Parle mo accussì, ma quanne è tanne è n'auta cosa, Mariè siente a Papele tuio, lievete sti crapicce dà capa... Vide che purzì Nannina, se à fatto nu poco tennere e pò a prummise a Vicienzo che se ne fuieva cu isso.
Mariella — E chella è Nannina, e io songo Mariella, e cu mico nun la spuntarraie.
Papele — Pe sta capa tosta che tiene, cu tutte lu bene che te voglio, pure nu iuorne de chiste, se me avotene 'e chiocche, te la faccia na sfrittola nfaccia.
Mariella — Overo?... E pò a me, me avive truvate scema... scema. E io nun te sacia chiavà na spatella de Genova dinta a panza.
Papele — O' vularria vedè?
Mariella — E tu pruovete a farme nu teccheto, e vide se io nun te mantengo a parola.
Papele — Vattè Mariè io aggi pazziato! Io te vularraggio sempe bene, e se te ne fuje cu mico, io appriesso te lo ghiuro che te spusarraggio!
Mariella — Ma quante pò sarrà chesto?
Papele — Quanne tenaraggio quacche cosa 'e sorde!
Mariella — Ebbè, quanno è fatto 'e sorde, viene a chesta parte, che cà me truove.
Papele — Vò dicere, che io aggia apprimma spusà, eppò te porte cu mico!
Mariella — E se capisce, avimma ire primme nnanze a 'o parrucchiano e pò me puorte addò vuò tu!
Papele — Io te sapevo comme a na fauza e na traditora ma mo me ne songhe propete persuase. Ma se pozze perdere lu nomme de Papele, se pe tutta stasera io nun te porte nzieme cu Nannina!!...
[ 15 ]
SCENA V.


Rosa e detti.


Rosa (dentro) — Me avite arruvinata na casa! Uh! povera casa mia!
Mariella — Vattenne Papè, sta venenne mammà, nun te fa avvedè!
Papele — Pienzece buone a chelle che t'aggio ditto! Io chiù tarde vengo n'auta vota. Pienze a lu bene che te voglio (via).
Rosa (fuori) — Ah! Galiote! Anno poste a casa mia sotte e ncoppa... Anno ditte che se a da ianchià, pecchè steva tutta sporca. Fusse accise tu e chi te ce à mannate ca bascio!
Mariella — Nè mà, pecchè allucche! che te è succiesso?
Rosa — Ah! Sbruignata de li cane, si benuta?... Mo l'arraggie che tengo me la sconto cu tico!
Mariella — Ma pecchè staie arraggiate?
Rosa — Uh! sbriugnata, e me l'addimmanna pure! Che te ne sì fatte tutte sta iurnata, addò sì stata?
Mariella — Songhe state ncoppa a du Nannina!
Rosa — Nun è overo!
Mariella — E quanne nun o cride addimannancello!
Rosa — E che vaie a fa sempe ncoppa a du chella malla pezza! Va trova che state cunfabulianne tutte e doie Nvece de ciuncà a nu pizze a faticà ncoppa a li stole, tu te ne vaie nzuzulianne nsieme cu chillo npiso de lo nammurate tuie!
Mariella — Uh! Oi mà! e lasseme fa chello c'aggia fa!
Rosa — Uh! Faccia mia! Accussì rispunne a mammete! A na povera vecchia che se fatica lu spirete suio pe te dà a magnà! Sa che t'avviso! Quanno è a fa sta vita, nun nce venì chiù la casa mia! Vattene a n'auta parte, pecchè io nun pozzo dà a magnà na sfurcate comme a te.
Mariella — Me ne vulesse ì averamente io, avarria iusto abbesuogne de stu poco 'e magnà fetente che me daie.
Rosa — Uh! gente! avite ntise... avite ntise che ave ditte!... Ma scuorno ne tiene o nun ne tiene a sta faccia... Ah! che le voglio tirà tutte li capille da cape (si avventa su Mariella)
Mariella — Mà avascia li mane pecchè io faccio la pazza!...
Rosa — Niente, tante songhe cuntente quanne se ne vene la trezza mmane.
[ 16 ]
SCENA VI.


Peppenella (dal fondaco) indi Mimi, Peppino ed agenti del Municipio (dalla strada)


Peppenella — Uh! Mammà sta vattenne a sorema... Uh! povera Mariella (s'interrompe) Mà, lasciala sta nun fa niente... chella nun lu fa chiù. (cerca di dividere)
Rosa — Sta caiotola, à nzurdate na mamma vecchia, ave ditte chelle sciorte de parola nfaccia a me!
Peppenella — Ebbè, nun fa niente, chella è guagliona ancora!
Mariella — Addò! io nun l'aggio ditto niente, senza che vaie a quaglia!
Rosa — A casa mia nun nce venì chiù... sa... A casa mia non è fatto lucanne... quanno nun vuò faticà iesce... iesce na vota pe sempe.
Mariella — Chi nce vo stà... chi nce vo venì chiù!
Peppenella — Ebbè, fernitela mo!
Mimi (seguito da Peppino il quale porta una tavoletta di disegno, ed altri agenti municipali i quali portano strumenti da ingegneri) — Ma che cosa è tutto stu chiasso tutti questi gridi?...
Rosa — Uh! site turnate n'auta vota! E che nce site venute a fa, pe ve piglià li case noste?...
Peppino — (Sì, ce li purtammo ncoppa a li spalle)..
Mimi — Chi le vuole queste catapecchie!
Rosa — E pecchè venite a ncuitare la pace nosta ca basce, che ve avimme fatta? Neh! Che ve avimme fatte?
Mimi — Niente... e che nce avive fa a noi!
Peppenella — Signò che ghiamme nterra?
Mimi — (Quante è bellella sta figliola)
Peppino — Sicuro chesto à da ire nterra... ma no mò! biate chi nce lu vede!
Rosa — Uh! Iamme nterra?... Uh! Iamme nterra? Vuio nun nce l'avite vedè stu iuorne... Sperammo a chella Mamma che chiavate vuio de faccia nterra! Nè pecchè 'e bulite?... Nè pecchè è vuilite?
Peppino — Vedite che affezione tene cheste per la sporchizia!
Rosa (va al fondo e chiama) — Nè Prezetella... Giuvanne... Carmela... Venite cà, songhe venute 'e signore pe se piglià li case noste...
Peppino — Ingegniè iammuncenno che cà le acque si intorbidano e nuie abbuscammo!
Mimi — Oh! che peccato!
[ 17 ]
Peppino — E nun fa niente venimmo più tardi pe vedè se putimme lavorà nu poco!
Mimi — Io nun dicevo chesto! Dicevo oh! che peccato! Che chella figliola è accussì bellella è a da sta cascia! Se fosse na signorina io la sposerei!
Peppino — Ingegniè, nun è momento de fa sti poesie, ca stamme passanne sti quatte guaie!
Mimi — Che bel tipo!!
Peppino — Avite vedè il tipo delle mazzate che avimme appriesso.


SCENA VII.


Prezetella ed altre donne indi Biasiello, Alessio e guardie


Prezetella — Addò stanne! Chi se vò piglià li case noste?
Rosa — Li biccanne songhe venute a piglià 'a mesura!
Prezetella — E pecchè nun se piglieno a mesura de lu tavuto lloro.
Peppino — All'ossa de mammeta!
Prezetella — Guè nun ve facite prorere a capa de trasì dinte a casa mia, pecchè io piglie la mazza de scope e donche mazzate de cecate!
Rosa — E dinte a la casa mia manco li voglie, si no faccio succedere na ghrisse!
Mimi — Ma persuadetevi che qui nessuno vi farà niente nuio pigliammo sultante li mesure.
Rosa — Comme doppe tant'anne che stamme cà, mò nce ne vulite caccià? Nuio cà simme nate e ca vulimmo murì. Avimma dà cunto a vuio?
Alessio (dal fondaco) — Che puzza! Che fetenziaria! Io nun saccio cumme nce ponno durmì la dinto!
Biasiello — Avite visto chillo ciuccio malato che steva dinto a nu vascio?
Alessio — E là era nu cimitero addirittura... Guardia... facite subito levare 'o ciuccio, e poi fate subito fare nu lavaggio generale... e fate imbiancare tutto quelle case che sono segnate nella nota.
Guardia — Vi servo subito Signor notabile (via).
Alesio — D. Biasiè, che d'è stu ruciello!
Biasiello — Che r'è lloco? pecchè state lloco tuorne?
Rosa — D. Biasiè, li bedite a chiste npise, se vonne piglià li case noste!
Alessio — Ah! sono l'ingegneri municipali! (vedendo Mimi) Uh! che vedo Mimi!
Mimi — Uh! D. Alessio mio, me capitate propio approposito.
[ 18 ]
Peppino — Meno male avimmo avuto n'aiuto!
Alessio — E che vaie facenno pe chesti parte?
Mimi — Io vado piglianne li mesure; ma chesti femmene nun nce li vonne fa piglià!
Prezetella — E li vene a piglià a li case noste li mesure? Pecchè nun se li piglie a la casa soie.
Biasiello — Zitte voi ciantelle! Non capite niente!
Alessio — Bravo D. Biasiello! Mettete voi un poco di ordine.
Biasiello — Nun dubitate, mo li faccie sta a duvere io!
Mimi — D. Alessio, voi comme ve truvate pure cà!
Alessio — Songhe venuto per la commissione igienica.
Peppino — E avete avuto l'istessa accoglienza nostra?
Alessio — Qualche cosa di peggio! E se nun nce fosse state qui D. Biasiello, che è il capo de lu quartiere nun avarria susuta la partita. A proposito D. Biasiè ve lo raccomando questo signore è amico mio!
Biasiello — L'avite raccomandate a me e nun nce penzate propete chiù mo me lu beco io! Avite sapè ingegnere mio che chesti cà songhe...
Alessio — Tutte gente ngnurante.... Mo te lu dico io primme d'isse, pecchè io saccio la canzone!
Biasiello — Ebbè me avite levate la parola da vocca?
Alessio — Aggie pazziate, ma nun ve pigliate collera pe chesto!
Biasiello — Pazziate sempe, cu salute!
Alessio — Mimì statte buone, che io vade de presso pecchè nun aggio ancora finito il giro... (piano) Tu cu nu poco de prudenza, cerchi di persuaderle. Povera gente è la miseria che le fa fa sti cose. (forte) D. Biasiè ve lo raccomando! (via)
Biasiello — Nun nce penzate!
Mimi — D. Biasiè io dovrei lavorare nu poco, ma se nun ne mannate sti femmene, io nun pozzo fa niente.
Biasiello — Siè Rosa, vuie che site a chiù vecchia, iatevenne a parte e dinte, date vuie assempio.
Rosa — Mo me ne vaco, e levammo accasione!
Prezetella — (a Mimi) Siente nun t'accustà vicino a casa mia pecchè piglie 'o zuocchelo e te sciacco! (via con altre donne)
Rosa (a Mariella) — Iesce a parte de dinte... allicordete chello che t'aggio ditto... si no songhe guaie... ma guaie guaie gruosse! (via)
Mariella — Abbiate nnanze che io vengo appriesso!
Mimi (piano a Peppino) — D. Peppì vorrei dire due parole a chella guaglione, che è bona assaie, teniteme vuie mane!
Peppino — E cheste nce mancave de la pure lu ruffiano
[ 19 ]
ingegnere mio! Ma vuie pecchè me pigliate io songe nu galantome! Avite distinguere lli perzone!
Mimì — Ma io nun v'aggio offeso certamente! mannateme cu na scusa quei fattorini, e facite la spia se viene l'ingegnere capo!
Peppino — Comme fosse na cosa de niente! Io fatico nove ore a lu iuorno pe na Lira e 80, vale a dire a 4 solde all'ora, mo ci aggiungo pure quest'altro incarico! e io nun nce pozze ascì! M'avite consignate la tavuletta mmano e io me songhe state zitto! Alla fine io sono di buona famiglia. A necessità me fa sta ca bascia. Nce ave corpa a capa mia!
Mimì — Tenite pigliateve stu sicarie abbaste che ve state zitto!
Peppino — A voi nun ve pozzo negà niente (piglia il sigaro) Belli figliù aspettateme a lu pontone de lu vico pecchè avimme piglià cierte mesure a chella parte (agenti viano)
Mariella (Fra sè) — Che saccio nu core me dice trase dinto e vattenne cu mammete; e n'auto core me dice aspietto a Papele! Chillo me a fatto tanti belle prumesse... me à ditto che appriesso m'avarria spusate!...
Peppino — D. Biasiè... diciteme na cosa sta tavulette addò l'avarria nasconnere?
Biasiello — Pecchè nun vulite faticà chiù!
Peppino — L'ingegniere tene da fa, e me a mannate accattà o pepe, chesta cosa mmano me da mpiccio!
Biasiello (guarda Mimì che si accosta a Peppenella) — Ah! aggio capito! O 'ngegnere spierto apierto l'uocchie cu la guagliona!
Peppino — Vuio site omme e munne, sapite sti cose!
Biasiello — Dateme sta tavulella, ve la metto cà dinto a nu vascio... Quanna à vulite me lo dicite... (entra nel fondaco)
Peppino — Grazie tanto... (E io mo vaco a fa la spia!) Ingegnè cummannate cose?
Mimì — Vattenne nun me seccà!
Peppino — Vi che passe pe na prubbeca a lu iuorne... songhe arrivate a fa pure lu ruffiane! (via)
Mimì (accostandosi a Peppenella) — Bella figliò... Comme ve chiammate?
Peppeniella — Puzzate sculà!
Mimì — (Tu e mammeta!) Ma è maniera di risponnere a nu galantome chesta?
Peppenella — E vuie pecchè ve vulite arrubbà a casa nosta?
Mimì — Meglio... Mo so pure mariuolo! Ma chi te vò
[ 20 ]
arrubbà niente. Noi simme venute a piglià li mmesure de la strada nova, e poi fino che se fa, va trova quante anne passarranno, tu te sarai pure maritata! tenarraie pure li figlie gruosse! Faie a l'ammore cu quaccheduno?
Peppenella — E a vuie che ve ne preme?
Mimì — E se nun me premesse, non te l'avarria addimmannate!...
Peppenella — Ebbè vuie site nu signore e io songhe na povera stulare.
Mimì — Alle volte chi sa succedeno tante combinazioni!! (seguitano a parlar piano)
Mariella (tra se) — Eppò alla fine è stata essa che me na cacciata, e se io me ne fuio cu Papele, a corpa è da soia, pecchè na figlia zitella nun se mette mieza la strada! comme a nu cane. A gente nun pò dà tuorte a me! darrà tuorte a essa!


SCENA VIII.
Papele e detti.


Papele (in fretta) — Iamme prieste che Nannina sta dinta na carruzzella che t'aspetta a lu puntone de lu vico... a vì là che mò te fa nu signale!... iamme cammina... che paura aie!
Mariella — Ma tu addò me puorte?... io me metto appaura... No... no... io nun nce voglio venì!
Papele — Mena mò nun fa a spruceta... Papele tuio te sta sempe vicino e nun te lasse maie! Iamme leste che Nannina te sta chiammanne!
Mariella (quasi barcollando chiama) — Peppenè... Peppenè... sora mia... viena accà!
Peppenella — Che vuò ne Mariè?
Mariella — Damme nu vaso... statte bona.. nuio forze nun nce vedimme chiù...
Peppenella — Tu che dice?
Mariella — Saluteme... a mamma, dincella che essa me n'à cacciata... e io me ne vaco cu Papele!...
Peppenella — Uh! sora mia nun lo fa chesto!
Papele — Iamme priesto, nu perdere tiempo!...
Mariella — Addio Peppenè... Te volarria dicere tanta cose... ma me è scise nu nuozzele nganna e nun pozzo parlà!... (la bacia e piangendo va via, tirata da Papele.)
Papele — Ah! e nc'è voluto tanto! (via)
Peppenella — Mariella... Mariella... Ah! nun me dà audienza, mo chiamme a mammà e currimme appriesso... (chiamando) Oì... mà... Oì mà!...
Mimì — Che sarà succiesso?
[ 21 ]
SCENA IX.


Rosa, Prezetella altre donne e Biasiello dal Fondaco
indi Alessio, guardie, agenti e Peppino dalla strada.


Rosa — Che è stato, che te è afferrato?
Peppenella (piangendo) — Mariella... Mariella!...
Rosa — Che à fatto? Sentimme!
Peppenella — Mariella... se ne è fuiute nzieme cu Papele!... A' ditto che nun nce vene chiù!
Rosa — Uh! gente, femmene currite... Uh! angappatela... afferratela... Uh! mo me vene na goccia! Uh! e cumme faccie senza Mariella mia. Ah! che me voglio accidere cu li mane meie. (si strappa i capelli)
Prezetella (fuori) — Siè Rò, che ve è succiesso?
Rosa — Figlieme se n'è fuiute cu lu nammurate!
Prezetella — E accussì aveva succedere, chella era troppa capa allerta.
Rosa — Uh! mo me vene nu tocco! IO nun pozze parlà chiù!
Prezetella — Pigliate nu poco d'acqua e acito! Uh! povera siè Rosa!
Peppenella — Uh! mamma mia bella!
Alessio (seguito da guardie ed agenti) — Venite cà... fatemi nu bello lavaggio... menate acqua assaie n'ora e meza accussì s'addefrescone.
Prezetella — St'acqua vene?... o nun vene?.
Alessio — Vonne... l'acqua... datencella (il facchino che porta una lancia con getto d'acqua gitterà acqua sulla scena)
Tutti — Ah! Ah!
Rosa — M'anne nfosa tutta quante! Uh! assassine... assassine!
Biasiello — Che songhe sti strille?
Prezetella — Se ne è fuiete la figlia de la siè Rosa!
Biasiello — Ah! nè... ben fatto!
Peppino (correndo) — Ingegnie... ingegniè sta venenno l'ingegniere capo!
Mimi — Uh! e piglia la tavoletta... addò sta?
Peppino — D. Biasiè dateme a tavulletta.
Biasiello — Vuio nun ne sapite niente? Se ne è fuiute la figlia della siè Rosa!
Peppino — Uh! e a me che me ne preme!
Biasiello — (va dentro) — Chesta è la tavuletta (la tavoletta sarà tutta bagnata)
Mimi — E cà anno spugnate lu cartoncino e io comme disegno!
[ 22 ]
Peppino — Nun fa niente, facite avvedè! (Mimi siede e finge di disegnare) D. Biasiè mettiteve nanze nun facite avvedè! (Peppino finge di pigliare le misure)
Mimi — Lunghezza!
Peppino — 25.
Mimi — Larghezza.
Peppino — 4....
Mimi — Calate na perpendicolare.


SCENA X.


Un Ingegnere e detti.
Ingegnere — Va bene... Va bene... Il servizio procede con ordine (passa e via)
Mimi (gitta la tavoletta) — Ah! è ghiuta bona! Evviva. D. Peppino! (saltano tutti e due per allegria)
Biasiello — Se, e avimmo fatto lu sventramento cu na pressa.


Cala la tela


fine del primo atto


[ 23 ]

ATTO SECONDO
'A DISGRAZIATA


Stanza terrena con le pareti semplicemente attintate con porta in fondo, e senza alcuna laterale. Ammezzato praticabile, al quale si accede per mezzo di scala in legno a scalini larghi. Un piccolo tavolo di legno grezzo ed una cassa di legno a scalini larghi. Un piccolo tavolo di legno grezzo ed una cassa di legno anche grezzo; poche sedie ordinarie. Sul tavolo vi sarà una immagine della Madonna con lampada accesa.


SCENA I.


Rosa indi Biasiello


Rosa (seduta che lavora le calze) — Aggio fatte cinche scagniente! Mo li conte n'auta vota, voglio vedè si songhe tante... (conta) Una doia... treie... ecc.
Biasiello — Siè Ro, se pò trasì?
Rosa — Trasite D. Biasiè. Che r'è cu vuie nce vonne li cerimonie!
Biasiello — Aggio saputo che stammatina è arrivato Ciccillo, songhe venuto subeto pe lu vedè.
Rosa — Già, è turnato chillo bello figlio mio. Si vedite cumme se è fatto nire!
Biasiello — E addò sta mò?
Rosa — S'è appesuliato nu poco ncoppa a lu lietto, pe se fa na mezz'ora de suonne! O' povero figlio steva stanche, nun saccio quanto iuorno è stato de mare.
Biasiello — Ave ragione! Ave abbesuogne e ripose. Nun fa niente io mo aspetto, quanno se sceto, tanno lu veco.
Rosa — E parlate zitto... zitto pecchè sta durmenno ncoppo 'o mezzanino. Io mo le steva fecenno stu pare de cauzarielle, pe nce lu fa mettere frisco, frisco!
[ 24 ]
Biasiello — E quanno è venuto che à ditto?
Rosa — A' ditto: Uh! mà comme te sì fatte chiatta! E a Peppenella l'ha truvate chiù grossa e chiù bella!
Biasiello — E à ddimmanate de Mariella?
Rosa — La ieva truvanne?
Biasiello — E vuie che l'avite risposte?
Rosa — Aggie ditte che s'era maretata!
Biasiello — E isso se l'ha creduto?
Rosa — Tanto bello! Ma à ditto: Mà e pecchè nun me l'è scritto?
Biasiello — Ah! già!
Rosa — E che ne saccio io! Fuorze D. Biasiello se sarà se sarà scurdato de te lo dì!
Biasiello — Io, quanno me l'addimmanne, le dico che io nun nce l'aggio scritto pe le fa na surpresa, quanno turnavo. Dico buono?
Rosa — Se, bravo! Dicitele accussì!
Biasiello — Ah! Mò chella pazze, starria bona a casa soia, cu lu frate che è venuta da fora, invece adda fa chella vita!... Lu signore nce lu perdona.
Rosa — Nun me à vuluto sentere D. Biasiello mio, nun a vulute sentere.. Figlia mia, siente a mammeta, sta vita nun è cosa, miette cervella. Quanno io era cumme a te, steva annascosa! Mò na zetella nun è chiù zetella, mocc'a gente, si nun se guarda de li prete che tocca a' vunnella. Chella genta llà, t'alisce te accarezza, ma pò... luntane sia da ogni figlia de mamma... tu me capisce!!
Biasiello — E essa che rispunneva?
Rosa — Se ne faceva na resata.
Biasiello — Se iereve arrivate cu li parola doce, llà nce vuleva la mazza Siè Rosa mia!
Rosa — Ogne sera quanno essa se cuccava, io la raccumannavo a la Madonna, Madò tienela mente, dalle lume Madò! E cierte sere ch'essa veneva annotte io nun me cuccava fino a quanno nun s'era arreterate e diceva sempe groliapate e avvemmaria! E quanne veneva l'addimmannave addò sì state? Primme me diceva ncoppa a du Nannina, addimannacello! Pò nu iourno sapite che me dicette: Oì-mà, famme fa chello che aggio da fa!
Biasiello — Giesù!... arrivaie a chesto?
Rosa — Chillo iuorno che se ne fuiette, vuio lu sapite nun me venette na goccia propete pecchè lu Signore nun vulette. E fosse morta meglio sarria stata!
[ 25 ]
Biasiello — Arrasusia!
Rosa — Nun tennarria stu dulore a lu core de vedè na figlia mia che è na disgraziata! (piange)
Biasiello (dopo lunga pausa) — L'avite vista chiù?
Rosa — Comme? Ve pare? sere fa venette, D. Biasiello mio, s'è fatta accussì bella! e accussì bella! c''a io a primma botta nun a canuscette! Che lazziette! che sciucquaglie, che anella che veste de velluto! che scialle de crespo! che merliette!
Biasiello — Ah! nè tene tutto chesto!
Rosa — Io senteva na voce: Nè Mammarella, mammarella mia a do sta? Ntela e currette!
Biasiello — E che dicette?
Rosa — Dicetto... oi mà, che ve ne pare de sta figlia vosta? Vuie comme state?... Embè nun nce che fà, mo è succiesso!...
Biasiello — Ah! neh! Ce vo na bella faccia tosta!
Rosa (allegra) — E me purtaie nu bello taglio de satinè venite ca ve lo voglio fa avvedè!... (va verso la cassa in fondo)
Biasiello — A se' Rosa à avuta a vesta, ha fernute 'e scrupele!


SCENA II.


Ciccillo (il quale veste la divisa antica dei soldati d'Africa, cioè di tela bianca) e detti.


Ciccillo (dall'ammezzato) — Oi mà cu chi staie parlanno?
Rosa (piano) — Nun è cosa mò, ve la faccio avvedè n'auta vota (forte) Ciccillo steva parlanno nu poco cu D. Biasiello!... Te vò vedè... Te l'allicuorde?
Ciccillo (sopra) — Comme nun me l'allicorde, a Biasiello, o' varviere. Mo scengo e lu vengo a vedè.
Biasiello — D. Ciccì, quà stanno i vostri severi!
Ciccillo — Che r'è mò, è asciuto D. Ciccillo, e quanno maie me è date o' Donne!
Rosa — Nun 'o vide che chille sta pazzianno! (piano) Ve raccumanno chello che v'aggio ditto, nun me facite scumparè!
Biasiello — E si 'o vene appurà pe auti perzone?
Rosa — Eppò tanne se penze, cumme arreparà lu fatte!
Ciccillo(abbasso) Uh! Biasiello mio, viene cà damme nu vase, cumme te sì fatte belle!
Biasiello — E tu comme te sì fatte nire (si abbracciano)
Ciccillo — Doppe 18 mise che songhe state a chelli terre arze de lu Sole, te pare che me puteva fa ianche!
Biasiello — Ma però te trove buone, staie chiatte, benediche, de bona salute!
[ 26 ]
Ciccillo — La fatica, Biasiello mio, la fatica rinforza a nevratura, e fa venì la famme!
Biasiello — Aì ragione, là se fatica assaie!
Ciccillo — E che fatica! propete d'animale! ma vuie lo sapete che me è piaciuto de faticà sempe, e perzò la fatica non me à fatto specie.
Biasiello — Eh! Carne avvezza a patè dolor non sente!
Rosa — Ebbiva D. Biasiello, a fatto pure li vierze!
Biasiello — E conteme quacche cose de chilli parte llà... Fiurete cà quante bubbele e buscie se accochiene, Si uno vulesse sentere a tutte lli gente perdarria la capa.
Rosa — È overo che llà l'uomene songhe cumm'animale, che se magnene li cristiane.
Ciccillo — Mà, chi te dice sti cose? songhe uomene cumme a nuie, invece de tenè la faccia ianca la tenena nera comme a lu tezzone.
Biasiello — Anna parè tante diavule!
Rosa — Uh! sequenzia! e che brutta gente!
Biasiello — E tu sì state pure mmiezo a chella guerra addò murettene tanta surdate de li nuoste?
Ciccillo — E sì nce fosse state mò nun starria cà a parlà nzieme cu vuio! Tutte chille che nce iettere, poche turnaine vive, e chille poche songhe tutte struppiate!
Rosa — E ò vero, me l'allicordo quanne venettero a Napule! Povero figlie 'e mamme! Nun sia maie lu Cielo e figlieme fosse state uno de chille là.
Ciccillo — Figliete sarria state annurate, si le fosse attuccate na sciorte e chesta! Ah! meglio che fosse muorte io ciente vote, che chille povero tenente mio!
Biasiello — Pecchè nu tenente tuio è muorte miezo a chille aggrisse?
Ciccillo — Già lu tenente che io serveve, io era l'attendente suio!...
Biasiello — Cumme se 'ntenne?
Rosa — Ah! tu le facive li servizie!
Ciccillo — Era nu figliule che te l'avarrisse vevute dint'à nu bicchiere d'acqua, tanne era asciuto da lu culleggio e lu mannarene da chelli parte! Io lu vuleva bene comme a nu frate... e isso pure n'aute tante!... Faceva abbedè lu sostenuto, pecchè cu la disciplina militare accussì se a da fa! ma pò nun vedeva che pe l'uocchie mieie! Lu tengo ancora dinta a li recchie, quanne steveme sule e nun aveva che fa, me diceva... Esposito vien quà dimmi qualche fatto di Napoli... E io tante le diceva tanti fatticielle che sapeva, e isso tutte se arrecriave! Me chiammava pe pazzia lu
[ 27 ]
lazzarone napulitane! E mò, nun nce sta chiù! Quanne me l'allicorde io chiagne sempe!
Biasiello — Ma nun era napulitano stu tenente?
Ciccillo — No, era tuscano! Ma chesto che fa? Mo forze pecchè nun era de lu paese mio, io nun lo vuleva bene co tutto lu core! Abbasta che te persuade Biasiè, quanno tu è poste lu primmo pede dinte a nu quartiere, e te miette sta scorza ncuollo, addeviente n'auto omme. Là è una cosa, simme tutte frate! Nè io chi era? e tutte ca me sapite, era nu vastaso, nu materiale de chisto, nu iettate de mieza a la via, che si o no me l'abbuscave 7 o 8 sorde a lu iuorno! Ascette a leva e ghiette a fa lu surdate a mala voglia. Ebbè llà me songhe fatto omme, llà me songhe nparate de leggere e scrivere, llà m'aggio poste annore nfaccia e mo putarria sta affrunte de lì meglie signure, pecchè capesche che vene a dicere ò dovere mio.
Biasiello — Ebbiva Ciccillo me faie stravedè, tu nun sì chiù chillo Ciccillo de na vota.
Rosa — Stu figlie mio che belle parole che à ditte, teh! mammate te vo dà nu vaso!
Ciccillo — Ciente vase a chella mamma mia (esegue) Biasiè quanno stamme nu poco, a sulo a sulo, t'aggia cuntà tante fatte che me songhe succiesse! mò lu tiempe è accurte, nun te pozze dicere niente.
Biasiello — Quanne me vuò io so sempe a cà tuorne, tu te ne viene dint'à puteca, e parlamme nu poco.
Ciccillo — Io sarria rummase da chelli parte, me sarria fatte vuluntarie, ma lu pensiere de sta mammarella mia, e de li sore che io voglio bene, me ne à fatte venì!
Rosa — Eh! 'e fatte buone che nce stive a fa chelli parte
Ciccillo — Mà, nun veco a Peppenella, addò stà?
Rosa — Sta fatecanne nzieme cu Prezetella, pecchè io nun la pozzo aiutà.
Ciccillo — Me 'e diceme addostà de case Mariella, pecchè io la voglio ì a truvà subete, le voglio fa na supprese!
Biasiello — (Se, staie frische!)
Rosa (turbata) — Ma io nun la saccio la casa de Mariella pecchè nun nce sò ghiuta maie, è venuta sempe essa cà!
Ciccillo — Comme nun sai la casa de figlieta?... de Mariella? Chesto me fa maraveglia!
Rosa — A saccio, me lo dicette! ma me l'aggio scurdate!
Ciccillo — Mà, comme io nun capesco, tu te mbruglie a parlà... me dice cierte parole mazzecate... a me sta cosa nun me persuadesce... Biasiè parle tu, dimmi tu quacche cose.
Biasiello(Mò assomma la trupea) Eh! Ciccillo mio
[ 28 ]
che te pozzo dì?... se nun lu sape mammete comme lu pozze sapè io...
Ciccillo — A lu manco dimme comme se chiamme stu cainato mio, stu marito de Mariella.
Rosa (fa segni di tacere Biasiello) — Mo vide che nbruoglie che fa?
Biasiello — Se chiamma.. se chiamma.. e io nun me l'arricorde!...
Ciccillo — Comme tu sì antico de lo quartiere, tu me le avive scrivere dint'a lettera, e non saie o' nomme de lo marito de soreme!... Io nun lu pozze credere... Biasiè nun me dicere buscie, vire cumme te à mettere, pecchè io cu tico me la sconte.
Biasiello — (E chella a là, che fa 'e zignale... io ch'aggia fa)... Ah! mò me l'arricorde se chiamme Papele...
Ciccillo — Papele? chì?
Biasiello — Io nun saccio a casata, perzò te diceva che nun lu sapeva; 'o chiammene pe strangianomme Papele 'o cianciusiello!
Ciccillo — Che sento? Soreme se à pigliate a Papele 'o Cianciusiello!
Rosa — (Chillo me 'a fatto, lu guaio e cumme l'arrepare chiù)
Ciccillo — Mà, e tu pecchè me è ditto stammatina, che s'era spusate nu cucchiere che se chiammava Luigi.
Rosa — Pecchè accussì m'è venute mocca!
Ciccillo — Comme accussì t'è venuto mmocca! A cà nbruoglie nce sta sotto, diceva buone io Papele... nu malandrino... nu mariunciello... mo che tene l'ammunato mio? Ah! chesto nun pò essere! no, no, nu pò essere! Chillo nun eva nu guaglione che se nzurava! Mà, guardeme nfaccia dimme la verità soreme se è maritata overamente?
Rosa (a stento) — Sì... averamente.
Ciccillo — Ebbè, si dice a verità ghiurammelle ncoppa all'anema de pateme... allicordete quanno isso, tre anne fà, steve murenne a chillo pizzo là te arruccumannaie sti doie piccerelle!... E sì tiene ancora nnanze all'uocchie la faccia soia, tu iurammelle e io te credo!
Rosa (piange e non risponde)
Ciccillo — E che vene a dicere chesto? tu chiagne? Mà, pe quante vuò bene a chi tiene nparaviso, leveme da sti turmiente... che n'è de soreme? Che n'è de Mariella?...
[ 29 ]
Rosa (a stenti) — Sorete... è na disgraziata!...
Ciccillo — Na disgraziata? Soreme Mariella che io vuleva tante bene, na disgraziata? Mo, aggia avuta na curtellata a lu core! Biasiè e tu lo sapive e te stive zitte!
Biasiello — E che puteva fa io puveriello!
Ciccillo — Meglio ch'avesse ntiso che fosse morta sorema... o' manco me sarria accuietata na vota pe sempe... ma chesto che me è ditte è freve de la morte!
Biasiello — Mè Ciccì nun te piglià collera a tutte nce sta lu remmedio.
Ciccillo — Lu remmedio, e che remmedio nce pò sta a na cosa de chesta? Surtante e levarne da lu munne!
Rosa — Uh! Ciccì, nun sia maie, nun lu fa chesto, penza che chella t'è sore, e che io murarria appriessa a essa!
Ciccillo — No... io l'aggio ditto pè dì! Ma io nun me spurcarria li mmane ncuolla a na femmena! Se diciarria nu surdate à accise a na figliola, bella guapparia! Ma isso, isso! chillo Papele che se è venuto arrubbà l'onnore de la casa mia, cu isso me la sconte... a da murì accise pe li mane meie.
Biasiello — Tu che dice, chillo è n'assasseniello, te po fa la pelle a tradimento.
Ciccillo — E io nun me mette appaura de isso, nè de ciento cumme a isso... e si l'aggio dinta a li mano, me magne lu core a mmorze!
Rosa — Pe l'aneme de patete nun lo fa! penza che tu sì la sola cannela che faie luce a sta casa. E sì tu vaie carcerate, nuie cumme facimme!
Ciccillo — Mà, isso me à fatta sta tagliata de faccia, che sulamente cu lu sanghe se pò levà, perzò statte zitta e lasseme fa a me!
Rosa — D. Biasiè dicitencello vuie! priatelo vuie pure!
Biasiello — E io che pozzo fa, chillo a me nun me sente!


SCENA III.


Mariella e detti.


Mariella (dentro) (tutta pomposamente vestita, come le donne del popolo) — Addò sta... addò stà chillo frate mio, lu voglio vedè!
Rosa — È essa!
Ciccillo — Ah! Sbriugnata! tene pure lu curaggio de venì cà!
Biasiello — (Mo venene lli botte!)
Mariella (fuori) — Uh! Ciccillo mio! Frate mio! Quanto sì bello, damme nu vase!
[ 30 ]
Ciccillo — Iesce sbriugnate! Levate da nnanze all'uocchie miei e sì nò io faccio nu guaio!
Mariella — Mena mò, nun fa lu sprucete, damme nu vaso. (si accosta)
Ciccillo (rinculando) — Scostate!... Nun me tuccà!... Me faie libbrezzo!...
Mariella (resta confusa) — (A' saputo tutte cose!)
Ciccillo (dopo pausa) — Mà, iescetenne nu poco a parte 'e fore!
Rosa — Figlio mio, che vuò fa mò? Io te capesco! Tu me faie mettere appaura!
Ciccillo — Mà, t'aggio ditto iescetenne! Nun ne avè appaura!
Rosa — Giesù, povera casa mia! (esce facendo segni a Ciccillo)
Ciccillo — Biasiè, allippe!
Biasiello — Pur'io?
Ciccillo — Se, mo te teneva cumme a canneliere nnante!
Biasiello — Nzomma, nu pozze restà?
Ciccillo — Quanta vota te l'aggia dicere, abbia, si no te ne caccio!
Biasiello — Quanne è chesto me ne vaco io! (Resto cu la gulia nganno de sapè quacche cosa! (via)
Ciccillo — E tiene pure lu curaggio de venì a vedè a fratete? A chisto frate che ntramente isso stevo mmieze a chille servagge, arresecanne la vita soia pe se magnà nu tuozze de pane annurate, tu l'aie sbriugnata la casa soia! E mò te sì vestuta tutta sfarzosa, pe fa avvedè la lota che te sì vestuta tutta sfarzosa, per fa avvedè la lota che te sì poste nfaccia! Ma già tu scuorne nun ne tiene chiù!
Mariella — Tu àie ragione, frate mio, Io songhe... me metto scuorne pure de lo dicere!... Ma nun 'nce aggio corpa io!
Ciccillo — E chi nce ave corpa?
Mariella — Nce ave corpa chillo fauzo, traditore de Papele, e che me à ngannata a me povera figliola! Me à ditto che me avarria spusata, e mo, me maltratte me vatte, e quanno io parle de spusalizie, me ride nfaccia, e me dice: io me spusava a te? che fosse pazze?
Ciccillo — Ben fatte! Nce aggie sfizio accussì te e mmierete! Tu nun lo sapive Papele chi eva! E pò na figliola che se sape guardà, nun se ne fuie dalla casa soia.
Mariella — Ma chella Mamma me ne cacciaie!
Ciccillo — Mamme te ne cacciave a te? Nun lu pozzo credere!
Mariella — Già dicette che io nun vuleva faticà.
[ 31 ]
Ciccillo — Ah! addonca o vire che a corpa è sempe a toia, tu ti ire sverticellata cu la capa, e perzò chella povera vecchia t'amminacciaie. Ma tu sbriognatella ive cercanne nu presteste pe te ne scappà!
Mariella — Sì... io songhe na sgrata, na nfame, ma mo me so pentuta! Io sta vita nun la voglio fa chiù! Cu Papele nun nce voglio sta, chill'omme me fa appaura! Nun è overo che me vuleva bene! Me à vennuta comme a na schiava! Va truvanne sempe denare da me puvverella! e quanno nun nce ne donche, me vatte e me ammenacce de acciderme!
Ciccillo — Tu me dice chesto, e io m'addecreo! Chillo a da essera la forca toia! Isso farrà lì vennette meie! Pò doppe addà fa n'auto cunto cu mico, ma è na cosa che nce la vedimme tutte e duie, tu nun nce trase!
Mariella — Ciccì, frate mio! sarveme! sarveme! Falle pe l'aneme de lu pate nuoste!
Ciccillo — Statte zitto! nun sì degna d'annuminà chill'omme!
Mariella — Falle pe carità! io me ne voglio turnà a la casa mia! nun voglio sta chiù cu Papele!
Ciccillo — Tu nun tiene chiù case! tu nun tiene mamma! nun tiene frate, nun tiene sore, nun tiene nisciuno! Iesce na vota pe sempe, e cà nun nce mettere chiù lu piede, pecchè io se te veco n'auta vota lu passe nu guaie!
Mariella — Ma comme nun tiene lu core npiette! Nun te fa cumpassione lu state mio!
Ciccillo — E tu è tenuto core npietto quanne è lassate la casa toia?
Mariella — È state nu mumento che me songhe nbriacata!
Ciccillo — E chillo mumento lu pavarraie pe tutta la vita toia!
Mariella — Frate mio, perdoneme! (si avvicina)
Ciccillo — Iesce!... Iesce!... (Mariella fa controscena e via) Iesce! (Ciccillo cade sopra una sedia) Aggie fatte lu duvere mio! accussi aveva da fa!


SCENA IV.


Rosa e detto


Rosa — Che l'è ditto a chella povera Mariella che se n'è ghiuta chiagnenna!
Ciccillo — Mà, sì me vuò bene, nun me ne parlà chiù de chella! Essa nun te è chiù figlia, e a me nun me è chiù sora.
[ 32 ]
Rosa — Ma io sempe songhe mamma e n'aggie cumpassione!
Ciccillo — Io pure me senteva sbattere lu core, io pure le songhe frate. Ma che nce vuò fa? Accussì è fatto lu munno!


SCENA V.


Peppenella, Alessio, Mimi e detti.


Peppenella — Trasite, trasite, mammà sta cà! Mà, nce stanno chille Signure che vonno a bedè la casa!
Ciccillo — Chi sò sti Signure? che vonno?
Rosa — Ah! site venute n'auta vota? Che ve credite che 'e fatte i tanne, mo nce sta figlieme, vulite sta frisco!
Alessio (piano a Mimi) — Mimì pe causa toia mò me faie fà, una figura infelice! (forte) Noi siamo venuti a vedè se tutte le disposizioni che abbiamo date sono state eseguite!
Mimi (piano ad Alessio) — D. Alè, vedite quanto è bellella, io me ne songhe nammurate pazzamente!
Alessio (c. s.) — Statte zitto, si no pò essere che abbuscamme de lu frate!
Rosa — Ciccì, lli biccanne, cheste songhe gente de coppa a lu Municipio, che se vonne piglià li case noste!
Alessio — Noi non nci vogliamo prendere niente da nessuno, veniamo quì per fare il nostro dovere!
Ciccillo — Parlate, de che se tratta, io nun ve capesco!
Rosa — Mà, statte zitto lassa parlà lu signore! Vuie chi site?
Alessio — Io sono un notabile della Sezione Porto, vengo quì per la Commissione igienica, per curare la nettezza di questo luogo.
Ciccillo — Nnsomma site n'autorità?
Alessio — Sicuro, sono un'autorità?
Mimi — Io sono un ingegnere del Municipio, che vengo per fare le piante per l'abbattimento di questo rione!
Rosa — Lo siente, nce vonne menà nterra! Se vonne piglià li case noste!
Ciccillo — Mà... statte zitta! Chiste signure songhe duie superiore nuoste! E quante annore putimme ricevere che beneno dinta la casa nosta?
Rosa — Uh! tu che dice?
Ciccillo — Signò, perdunate, cheste songhe femmene
[ 33 ]
tenene nu cerviello quanta a na gallina! La casa mia e chella de nu poveromme, ma vuie site patrone de fa chelle che ve piace! avasta che ve cuntentate. Vuie venite pe fa lu bene nuoste, e nuie ve rispettammo sempe!
Alessio — Bravo. Mi piace! Si vede che siete un giovane di cuore. Siete un soldato! e nnu puteva essere diversamente!
Ciccillo — Quanno se tene sta divisa ncuolle, se tene care npiette e annore nfaccia!
Alessio — E nnanze a sta divisa spariscono 'e lazzere e 'e signore, simme tutti uguali... Tu comme te chiamme?
Ciccillo — Ciccillo per servirvè!
Alessio — Ciccì, si t'addimanne nu piacere me lo faie?
Ciccillo — Co tutte o core!
Alessio — Damme n'abbraccia e nu vase.
Ciccillo — Signore mio vuie me date st'annore?
Alessio — Pe me cu tutte lu piacere pecchè sì un giovane che te lu mmierete! (si abbracciano)
Rosa — Ebbiva chillo signore curazzone! D. Biasiè a tiempe a tiempe!


SCENA VI.


Biasiello e detti


Biasiello — Che r'è, nè siè Rò?
Rosa — Stu signore Cavaliere à voluto abbraccià e vasà a figlieme!
Biasiello — O' Cavaliere sta ca? Uh! Cavaliere bello! cà sta o' cape de lu quartiere ai vostri comandamenti!
Alessio — O vì lloco l'ammuinatore!
Biasiello — Signò che lu cunusciveve a Ciccillo nuoste?
Alessio — No... è la primma vota che lo veco, ma songhe rimasto incantato dalla sua educazione! Quanne vide nu giovene de chiste... ah! se allarghe o' core!
Biasiello — Vuio aviveve canoscere tre anne fà, a chisto lloco! Signore mio era nu vagabunne! nu iucatore, nu mbriacone... nzomma teneva tutte cosa cu isso!
Ciccillo — Neh! Biasiè, aie dicere niente chiù? E comme te vene ncane?
Biasiello — E se nun me faie fernì. E mò è turnate da fora n'auto omme, io nun 'o canosco chiù!
Alessio — Cari miei, persuadetevi che la grande scuola di civilizzazione sta là, sta nell'esercito! Là dinto se fanne chiste miracoli, e fra 50 anni, lu munne sarrà de n'auta manera!
Biasiello — E ave ragione o' Cavaliere.
[ 34 ]
Ciccillo — E chill'auto Signore che è venuto cu buio addò è ghiuto?
Alessio — Starrà piglianno misure!
Biasiello — Sta piglià a mesura de lo vestito de Peppenella, pecchè sta azzeccate vicine a essa.
Ciccillo(si volta e vede Peppenella e Mimi che parlano) — Me pare che chesta nun è a maniera! Ebbè io ve arape a casa mia, ve faccio padrone de tutte cose? e vuie ve mettite a fa ammore cu soreme?
Mimi (balbettando) — No... scusate... perdonate... io le stavo dicendo!...
Alessio — (Chillo nu guaio me lu vo fà passa a forza!)
Ciccillo — Vuie che scusate... e perdonate me iate cuntanne... vuie avite ragione a lu signore che sta cà, ma sì nò io ve pigliarria pe dinto a lu cravattino e ve accumpagnarria a cauce fino a fora a strada!
Mimi — Ma... io sono... un galantuomo!... con chi credete di parlare!
Ciccillo — Site nu galantome e iate facenno chesto?
Alessio — Ciccì, abbi pazienza, chille sò giuvinotte, nun sanno chello che fanno!
Ciccillo — Isso a da barà, a casa addò è trasute! E tu n'auta faccia tosta, pure te vrucculiava, saglie ncoppa o' mezzanino, si no te faccio na faccia de pacchere!
Peppenella — Ma io nun aggio fatto niente!
Ciccillo — Statte zitto! si no te azzecco nu cinche prune!


Scena VI.


Mariella, indi Papele e detti.


Mariella (viene dal fondo in fretta) — Mà, pe carità sarveme tu... Ciccì, frate mio, aiuteme!
Tutti — Ma che è stato!
Ciccillo — Che t'è succiesso!
Mariella — Papele, me vene currenne appriesso che me vo fa na ntaccata nfaccia!
Ciccillo — Addò sta stu carugnone che le voglio levà lu core da pietto! (si avvia verso la porta)
Papele (correndo) (porta un rasoio in mano) — Mariè te ne sì fuiete e ovè? (vede Ciccillo) (Uh! 'o frate sta cà!)
Ciccillo — Ah! nun te credive de truvarme cà! Tu credive de truvarla sola; e tu che sì na carogna te mettive pò ncuolle a na femmena?
Papele — Na femmena? Ma 'e a' vedè che specie de femmena è sta sora toia!
[ 35 ]
Ciccillo — Ah! (dopo pausa) Si... aie ragione... ma io nun tengo sore... io difenno na femmena che è trasute dinto a lo vascio mio, e tu le à rispettà! Iette o' rasule nterra e lievete a coppola!
Papele — Che vene a dicere chesto mo?
Ciccillo — Io t'aggio ditto, iette lu rasulo nterra e levete a coppola, pecche staie dinta la casa mia!
Papele — Io ubbedisco... e acqua mocca! (esegue) Ma io da te propete voglio na suddisfazione!
Ciccillo — E quanne!! IO la ieve ceranno da tanto tiempo sta occasione!
Papele — Ebbè si dice overamente e tu damme na posta!
Ciccillo — Sempe che vuò!
Papele — Pure mo! Ma cà nce stanne troppa gente!
Ciccillo — Cammina nnanze, carugnò, che io vengo appriesso, nce vedimme miezo a lu lario!
Papele — E io là t'aspetto! nun fa o' retepere! se pozze perdere lu nomme de Papele se un te faccio la pelle pe tutte stasera! (via)
Mariella — (E a vedè si nce aie lu tiempo!) (esce in fretta senza essere vista da nessuno)
Ciccillo — Tenite nu curtiello, tenite nu rivolte... pecchè io nun tengo niente, aggia ire a levà da lu munno a chille svriugnato che à levato l'annore a soreme!
Rosa — No figlio mio, tu nun nce è a ire, Biasiè... Cavaliè, dicitencelle vuio...
Ciccillo — Isso, me à ditto che me vo fa a pelle a me?... Dateme n'arme, pecchè io un ne tengo!... Biasiè tenite lu curtiello ncuolle?
Biasiello — Porte curtiello, io? Io songhe n'omme de pace...
Alessio — Ciccì, tu sei un soldato d'onore te vaie a cumprumettere cu nu cammurristiello, questo non stà!
Ciccillo — Mà dateme n'arma, v'aggie ditto! (vede il rasoio a terra) Ah! cheste me basta! l'aggia accidere cu l'arme soia stessa! (si avvia, rattenuto dagli altri. Si odono dei gridi interni.)
Tutti — Che sarrà succiesso?
Ciccillo — Che songhe sti strille?


SCENA ULTIMA


Prezetella, indi Mariella, guardie di P. R, e detti.


Brigida — Siè Rosa! siè Ro! Uh! scasata vuie!
Rosa — Ch'è state ne Prezetè?
Brigida — Mariella... a figlia vosta!
[ 36 ]
Ciccillo — Che à fatta! Chella mò steva ca!
Rosa — Parla... tu me faie murì.
Brigida — A' data na botta e curtiello a Papele e l'à stiso nterra!
Rosa — Tu che dice figlieme à fatto chesto!
Ciccillo — Pure stu sfizio me à levato!
Rosa — Povera figlia mia, mo va carcerata!
Peppenella — Povera sora mia!
Biasiello — Ma comme è stato?
Brigida — Quanno isso è asciuto da cà dinto, l'è curzo appriesso, e cu la spatella 'e Genova l'à data na botta dine e rine!
Alessio — A' avuto il coraggio de fa chesto?
Ciccillo — Nun nce perdimme nchiacchiere, iamme avvedè Mariella!
Mariella (fuori) — Mariella sta cà! L'aggio fatto friddo! Accussì aveva succedere! Chisto era lu destino!
Rosa — Ma mo vaie carcerate!
Mariella — Annascunniteme pecchè me vanne truvanne!
Rosa — Viene, miettete a reta a mamma toia, me anna accidere primme a me e po te pigliano! (la nasconde)
Guardia (entra in fretta) — Cà è trasuta na figliola che à data na botta de curtiella a nu giovene!
Tutti — Cà nun nce sta nisciuno!
Guardia — A cà nce stà nu surdato? Patriò, ditemi voi la verità, nce sta sta figliola?
Ciccillo (esita, poi si rivolge) — Sta figliola è sorema, la vedite cà pigliatevella!
Rosa — Ah! Ciccillo che è fatto?
Ciccillo — Aggio fatto lu duvere mio!
Guardia — Bella figliò venite con noi in questura!
Mariella — Mà, statte bona raccumanneme a Madonna! Peppenè addio, guarda l'assempio mio, e miette cape!
Rosa — Uh! figlia mia (l'abbraccia)
Peppenella — Uh! sora mia!
Mariella (si avvicina a Ciccillo) — Io vache a scuntà li peccate miei e dinte a li carcere, ma t'aggie sarvate a te! e chesto me premeva! Tu pienze a mamme e a Peppenella! Frate mio tu me perduone?
Ciccillo (esita poi si volge e le dà un bacio sulla fronte) — Sì te perdono! Quanne iesce da là dinte t'arape n'auta vota la casa toia!
Mariella — E io mò nce vaco cuntente! (alle guardie) Iammuncenne! (via seguita dalle guardie)
Tutti (gridando) — Uh! puverella!
Rosa — Uh! figlia mia bella!
[ 37 ]
Biasiello — Vuie pecchè ve disperate, chella a n'auti quatte iourne esce n'auta vota!
Rosa — Tu che dice?
Tutti — E pecchè?
Biasiello — Già pecchè là nce sta la forze resestebele!
Alessio — Dice bene! Egli vuol dire la forza irresistibile!
Biasiello — Già... io accussì aggie ditte!
Tutti — E che r'è sta cosa mò?
Biasiello — Signò... Cheste songhe tutte gente ngnurante... Mò le dico io ò fatte comme è ghiute! Avite sapè... (mentre egli seguita a parlare, tutti fanno circolo intorno, e la tela cadrà a poco alla volta)


FINE


[ 38 ]