'O figlio 'e Don Nicola

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search

[ 3 ]

BIBLIOTECA TEATRALE GENNARELLI
diretta da CARLO DE FLAVIIS



F. G. STARACE
_______



'O figlio 'e Don Nicola


commedia in tre atti




NAPOLI
Casa Editrice Italiana Cav. Emilio Gennarelli e C.
Monteoliveto, 39 e 40 - Telef. 30-60
1922


[ 4 ]


Proprietà riservata

Per ottenere il diritto di rappresentazione, rivolgersi all’Agenzia generale della Società degli Autori per il Repertorio dialettale napoletano — Napoli — Via Bisignano, 42.








Stab. d’Arti Grafiche Luigi Pieno e Figlio - Via Roma, 402 - Napoli


[ 5 ]

PERSONAGGI



Da Camilla Pulenta

Elvira Bracket right 1.png suoi figli
Luciano

D. Fortunato Caramella

D. Temistocle Spadaforamaestro di scherma

Irenesua moglie

D. Flaviano Matassa

Giuliasua moglie

D. Callisto Cibernamaggiore

Chiarinasua moglie

Biaseportinaio

Mariucciacameriera

Cuosemo

Luigi — cameriere


Invitati — musicisti e facchini


La scena è in Napoli.


[ 6 ] [ 7 ]

ATTO PRIMO


Stanza in casa di D.ft Camilla arredata decentemente, vorte in fondo a destra e a sinistra dell’attore.

SCENA I

Elvira, indi Mariuccia poi Irene.

Elvira — (Seduto al pianoforte che studia musica, dopo aver suonato ) Uff I quanto me secco e sunà sempe 1 istesso pezzo, e ’o maestro rni dice: studiatelo ancora perchè non site arrivato alla perfezione... ma quanno nce arrivo a sta perfezione, quanno inoro?

Mariuccia — Signurì fora nce sta a Signorina D.a Irene ch’è venuta ’a Napole.

Elvira — Falla trasì.

Mariuccia — Signurì putite trasì, ’a Signurina sta ccà. (via)

Irene — Oh! mia cara Elvira.

F.LVIRA — Ire, ma che nc’era bisogno di mancia primma l’imbasciata, tu sei cugina, e fra cugine nce vonno sti cerimonie? ’A primma cosa dimme comme staie?

Irene — Io stongo bona, mo nce songo quasi rimessa e pe’ me rimettere meglio, abbiamo preso un quartino ccà vicino e dimane nce ne passammo. E zia Camilla comme sta?

Elvira — Sta bona. ’O esoleto ’e mammà che patisce sempe eli ’ ’e nitr ve.

Irene — E chella è malatia antica, pure quanno era vivo ’a bon’anema ’e zi Nicola, pur’u stesso era. [ 8 ]ELVIRA — Luciano tu ’o vide spisso, nce dicc ca vene sempe a truvarte... che bravo giovine ca s è fatto... chillu Lucianiello... nun ’o ciclico pecche m è frate.

Irene — Si, è nu buono giovine, affezionato (snpisse elìcilo che tene ncuorpo) Ma di tutto mi parli, fuorché di te.

Elvira — E che t’aggia di ’e me?

Irene — E già, fai le cose nascoste, e nun ce faie sapè niente, io saccio tutte cose, so che sei alla vigilia di sposarti con un avvocato.

Elvira — E quando lo sai, è inutile che te lo nascondo.

Irene — Dunque è overo?

Elvira — È un affare tutto combinato, fra giorni damme parola.

Irene — E tu ’o vuò bene?

Elvira.— Assaie, pecchè Fortunato è stato il mio primo amore. Nce aggio fatto ammore 3 ar.ne nascoste e mammà, e mò finalmente sò arrivata alla vigilia di questo matrimonio.

Irene —Povera Elvira te l’aie faticato stu giovine, e spero che ti sarà affezionato e te vorrà bene.

Elvira - Altro che bene... mi adoru... è nu piezzo è pane tanto ch’è buono.

Irtne — E allora ’e che te miette paura?

Elvira —Me metto paura ’e mammà, pecchè a ogne vutata ’e lengua vò scumbinà ’o matrimonio e n o vò caccia d ’a casa.

Irene — Zi Camilla se l’avarria tenè accattivate nu giovene ’è chesta manera... Gli uomini ’e chisti tiempe sò tutte cattive... si sapissc chillo Temistocle che me fa passa ’a me puverella.

Elvira — Saccio ca è geloso assaie, significa ca te vò bene.

Irene — Si, mentre fa ’o geluso, da n’ata parte po’ và facenno l’ammore pe* tutt’ ’e punitine ’e Napole. Ma si l’arrivo a ncuccià, te faccio a vede che faccio, faccio fa ’e nummere.

Elvira — Uh! sta venenno mammà.

SCENA II

Camilla e dette.

Camilla — Uh! Irene!... comme và da chesta parte, tc si arricurdata alla fine ’e nuie. E già, nuie stan’nie luntane ’a Napoli... ncopp’o Vomero, e nisciuno nce vene a truvà cchiu. [ 9 ]IrENF. * No, zi Cami, vuic cl*e dicite, io ve voglio sempe bene, e sonv;o sempe a stessa.

Camilla — Eppoi io non tengo cchiù’marito, nuu te songo niente*cchiù. D. Nicola era ’o zio|tuior io songo na vedova vecchia, nisciuno me rispetta.

Irene — Ma qucsra è un’ idea ca ve site posta r.capa vaie ma non è a c cu ssì, io e Temistocle vi stimiamo e vi vogliamo bene, ed anze a Luciano ca nce \ene a trova spisso, domandiamo sempre conto di voi.

Camilla — L’avisse visto aiere a Lucianiello?

IkENE — No, perchè mi domandate?

Camilla — Pecche chillu birbantiello aiere se n’ è usciuto c non è venuto stanotte a durmì.

Elvira — Va trova addò s’è gghiuto a divertì.

Camilla — Divertì? divertì? e saie ca chillo è giovine ’c divertimento, sta sempe applicato coi libri e coi professori.

Elvira — Vuol dire che si va a divertire coi compagni suoi.

Camilla — Conosce compagni quello? uno sino ne ha conosciuto quello scapato di D. Fortunato ca ’o steva purtdnno a cattiva strada.

Elvira —Ma mammà Fortunato mi deve csiere marito c io ’o voglio bene e non trovo che sia un cattivo giovine, si no nun m’’o spusarria.

Camilla — Pecchè tu te sì cecata per queiriiomo... E poi marito? Fino a che ti sarà marito c’è ancora tempo ed alla minima combinazione io scombino ’o matrimonio.

Elvira — Mammà vuie che dicite, vuie me facite veni na cosa. Io tengo tutt’’o curredc fatto, è veste già ordinate.

Camilla — T’ ’e stipe per qualche altro matrimonio.

Elvira — Fortunato tiene tutti i mobili comprati, ’a casa fittata.

Camilla — Se sposa a n’ata e nce se và a mettere diuto.

Elvira — Se sposa a n’ata? E nun avite pensato ca putafria muri p’ ’o dolore.

Camilla —T’accuiete comme se songo accuitate tanta figliole comm’a te. Oh! Elvira basta, quanno aggio ditto na cosa io si deve fare! D. Nicola tuo padre quando mi vedeva col naso ncriccato se ieva a mettere subito a letto.

Irene Ma ZI Caini scusate se io ini metto per mezzo. Vuie ve state piglianno tanta collera pe’ ini fatto ca nun esiste, Pe rno stu fortunato se stà piiftanuo [ 10 ]buono, pecchè nienarve o malaurio ncuollo primma d o tiempo.

Camilla — Perchè io veggo delle cose ca nun vede rasa ca è na piccerella. D. F’ortunato non ha nessun rispetto per me, mentre la buon anima di D. Nicola treminava quanno me vedeva.

Elvira — Comme nun ve rispetta? Chilio ve vò tanto bene.

Camilla — Io sò certa ca me svia chill’angclo è Lucieniello che è na vera perla.

Irene — (Ato che perla)

Camili a — Comme non è na perla?

Irenf. — Già, io ckesto dicevo. Parlammo di cose allcgie. Dimme na coca Elvì, dove ha fittata ’a casa o sposo tuio?.

Elvira — In un bel palazzo alla lorretta.

Irene — E vuie sapite sta casa?

Elvira — Sicuro. Ce l’ha fatta vedere... ma a sapimmo senza mobili. Mo dice che l’ha posta na bellezza. Tutti mobili artistici. E pò isso tiene molto gusto.

Camilla —Che gusto e gusto.

Elvira — E poi mi contento io e basta.

Camilla — No, mi debbo contentare pure io che debbo essere la suocera

Elvira — E mo le dico che vi contentasse pure ncopp a cchesto.

SCENA III.

Mari uccia e detti.

Mariuccia — Signurì mo è arrivato ’o signurino D. Lucianiello, e s è andato a spuglià »nt’ ’a cammera soia.

Camilla — Uh! è arrivato Luciamello mio. E comme steva? buono?

Mariuccia —M’è parzo ca steva na poco pallido, à verità teneva cierti brutti canale sott’all’uocchie.

Camilla — Eh l già! ’o ddiceva io, va trova puvero figl’0 comme ha passato a notte. Mariuccia và dnito c dincello ca venesse ccà ca ’o voglio vedè.

Mari uccia — Mo ve servo (si ’o ncoccio a sulo a suL Saggia sceppà ’u faccia) (oia) > e

Camilla — Pe sta pallido e cu e canale sott all u°c’ vuol dire che si è trapazzato..s

frLVIRA — Manmtà nun ve pigliate tanta collera cu « 1 ’e niente. [ 11 ]CaMILLA — Cosa ’e niente? lo tengo queU’unico mascolo.

Dopo la morte di D. Nicola chi più mi rimane?

SCENA IV.

Luciano, Mariuccia e detti.

Luciano — lo! Pecchè nun ce stongo io qua?

Camilla — Uh! Lucianiello mio, comme stale? Comme te sinte?

Luciano — Buono. (Uhi cca nce sta Irene mia)Cara cugina comme và sta visita?

Elvira — E venuta a trovarci perchè viene a villeggiare al casino vicino a noi..

Luciano —Uh! bravo, staremo viaino. E nun m’avive ditto niente. Hai voluto mantenerlo segreto.

Irene — È stata na risoluzione presa là per là.

Camilla — Nun penza ’a nisciuno, viene vicino a mamma toia, fatte vede comme staie?

Luciano — V’aggio ditto stongo buono, ma pecchè aveva stà malato?

Camilla — Non è vero, tu mi nascondi qualche cosa. Eh! l’uocchie stanno appassite appassite, tiene nu paro ’e canale ca fanno paura, tiene na faccia ianca ianca. va te cocca, figlio mio.

Luciano — Ma pecchè me debbo andà ’a coricà, si io nun tengo suonno.

Camilla — Nun è overo... tu ’o ddice pè nun me fa piglia collera, tu tiene l’uocchie ’e suonno, addò si stato sta’ notte?

Luciano — ’A verità aggio durmuto poco pecche...

Camilla — Pecche? quanno maie nun si turnato ’a casa toia?

Luciano — S’è fatto tardi e non mi conveniva saglì fino a cca sopra.

Camilla — Addò ’e durmuto?

Luciano —’A casa ’e Furtunato.

Camilla — Ah! ’o ddiceva io. E perchè si stato a casa di questo discolo?

Luciano — Perchè non avevo dove andare. Era meglio che andava ’a locanda?

Camilla — Addò t’ha portato chillo svergognato?

Luciano — Simme state a cena con diversi amici al Gambrinus, po na parola ha purtata a n ata s’è fatto tardi... e cosi Fortunato ha ditto vienetenne ’a casa mia.

Camilla — Svergognato. Egli sà che tu tieni na mamma [ 12 ]vedova e na sora zitella e te va purtar.no appries$0 a isso.

Elvira — Avita vedè pure si è overo?

Camilla — E come si può mettere in dubbio la parola di mio figlio?

Elvira — E si Luciano nce ha voluto ì isso appriesso }

Fortunato che putcva fa, n o puteva caccia?

Camilla — Luciano non è giovine che andava di propria volontà, è stato lui che se l’ha strascinato. Non è vero Lucianiè?

Luciano — Sicuro mammà., isso mi ha detto: vieni, vieni, e cosi sono andato.

Camilla — Ecco, ha parlato la bocca della verità.

Elvira (a Irene) — (Mammà è cecata pè Luciano, e se crede tutto chello ca isso le dice)

ìRENE — (Elvì, Luciano è birbante assaie, cchiìi è chello ca tu può sospettà).

Elvira — Pecchè che fà?

Irene — E nun ’o può sape tu.

Camilla (in disparte)—Lucianiè, confidati con tua madre Pensa ea D. Nicola ti ascolta. Dopo la cena, D. Fortunato dove ti ha condotto?

LuciANF—Mammà a nisciuna parte.

Camilla —Certo? Ma io veco CÙ tu te si mbrugliato, te si fatto russo russo.

I-UCIANO — Na vota sò janco janco... na vota sò russo russo...

Camilla — E giurami sopra a D. Nicola ca tu non sei stato a nessuna parte

Luciano — Mammà nun ve pozzo giurà niente.

Camilla — Ah! n’ero sicura. Questo ira l’ultimo colpo che doveva avere tua madre. Ma D. Fortunato me la pagherà, egli non sposerà più tua sorella.

Elvira — E che nce traso io?

Camilla — Nce trase, perchè il matrimonio è rotto.

[rene — Ma zi Carni badate a quello che fate... Elvira po piglia pure na malatia.

Camilla — Quanno aggio ditto ca è rotto, è rotto.

SCENA V.

Mariuccia indi Fortunato.

fi

Mariuccia —È venuto o signorino D. Fortunato, trasi?

h* |

r w IU# [ 13 ]£lVIRA — Ah! no. mammà mia, io ve voglio bene, nun me date stu dolore Lucianiè si vuò bene ’a sora toia pregala tu pure a mammà.

Luciano — Mammà mò vado fore e nce parlo io.

Camilla — Nun voglio ca nce parie cchiù, quanno vide a isso comme vedisse ’o diavolo.

MaRH;CCIA — Signò che Saggia di? chillo sta aspcttanno fora.

Camilla —Fallo aspetta... ’E capito? Deve aspettare for’à sala cornine a nu servitore.

Mariuccia — Va bene, mo ncè ’o ddico (tfiu).

Elvira — Povero Fortunato, ma ch’ha fatto per meritare tanti rimproveri, tanti maltrattamenti, manco si avesse assassinato qualcheduno.

Camilla — Ha assassinata chesta povera creatura.

Luciano —Mammà io SÒ vivo, e sto buono.

Camilla — Ti ha assassinato moralmente.

Irene (forte) —lo nun ’o cunosco stu signore, ma si vulite ca nce parlo io.

Camilla — No, nce debbo parlà io! Mo me songo nu poco calmata, nce pozzo parlà.

Elvira — Oh! brava mammà.

Camilla —Ma ho bisogno di parlargli a 4 occhi però.

Luciano — Cioè a 6 pecchè vuie tenite pure l’occhiale.

Camilla — Perciò trasitevenne dentro tutti, e nessuno che si muova fino a quando io avrò ordinato di uscire.

Elvira —Mammà... vi voleva dire.

Camilla —lutti dentro.

Irene (piano)— Iammuncenne mò, nun ’a stuzzecà ca è peggio (via).

Luciano — Io pozzo restà perchè sono uomo.

Camilla — No, ti devi mettere in questa camera (a d.) e nun te movere si nun t’ ’o ddico io,

Luciano — (E io comme faccio p’awisà Fortunato è chello c’aggia ditto? Basta mò vedimmo che n’esce!) (viano tutti meno Camilla).

Camilla (bussa uiene Mariuccia) — Potete introdurre D. Foi tunato.

Mariuccia — Va bene (prende Fortunato fuori e lo conduce) Puveriello a vuie D. Fortunato sta ccà (eia).

Camilla (pausa) — Fatevi avanti accusato.

Fortunato — (Ma io sò venuto a ffa ammore o fosse ve. nuto ’a corte Assise?)

Camilla —Che dite?

Fortunato — Niente.

Camilla — E perchè non dite niente. [ 14 ]Fortunato— Perche non m’avete dimandato niente.

Camilla —Ah! dunque avete l’animo leso, vi sentite reo. Perchè dunque non vi confessate?

Fortunato — Quando viene Pasqua me faccio ’o precetto.

Camilla — Oh! non è il momento questo di scherzare. Avete trafitto il cuore di una nmdre e pigliate la cosa a barzelletta. Oh! se D. Nicola vivesse!

Fortunato — (Chesta che vò, essa e D. Nicola!)

Camilla — Alle corte D. Fortunato, che ne avete (atto di Lncianiello mio figlio?

Fortunato — Niente, chi ha visto?

Camilla — Uh! chi ha visto? E me lo dite cu chesta faccia, che io non voglio più vedere (si volta) Io so tutto, dove l’avete condotto?

SCENA VI.

Luciano sotto le porte e destra ed Elvira u sinistra

e detti.

Fortunato — Addò aveva condurre se io nun 1 aggio visto.

Luciano — (Ja segni che sono stati insieme).

Fortunato —Cioè l’aggio visto, ma da tanto tempo, mo nun me ne ricordavo più.

Camilla — Dite la verità, quando l’avete visto?

Fortunato — Nè io quando l’ho visto?

Luciano — (Ieri sera).

Fortunato — Ah! l’ho visto ieri sera. Camillo— Ah! qua vi volevo, l’avite visto ieri sera. El.VIRA — (Nega tutte cose).

Fortunato — Cioè non l’ho visto sera... ieri sera sepp1 che n amico l’aveva visto isso.

Camilla — Dunque l’avete visto stanotte, e siete stat> insiemet (Lue. fa segni di dire di si).

Fortunato — Sicuro, stanotte, siamo...

F.lvira — Di ca no.

Fortunato — Io dico ca no. Siamo andati a fare una pft5* seggiata ma lui non c’era.

Camilla — Ah! dunque voi negate che sia stato con v°‘

Luciano — (Ja segni ili non negare).

Fortunato — No, io non nego affatto... vi dico un*1*»

Elvira — (piano) (Di ca nun l e visto).

Fortunato — Vi dico anzi ca nun Taglio visto. (J

Camilla —Comme nun lavile visto, se m’avete d* ca è stato con voi? [ 15 ]FORTUNATO (a Luciano che fa segni) —Tu che bnó?

Camilla — Comme nfaccia a me? Alla signora Pulenta s»e parla e chesta manera?

Fortunato —Ma cara suocera.

Camilla — Che suocera e suocera, io non sono più niente per voi.

Fortunato — Ma tara D.“ Camilla.

Camilla —Cara D.# Camilla? Pe chi m’avete pigliata pè na femmena ’c niiez’a via? Io sono una Pulenta.

Fortunato — (E io songo nu migliaccio.) Mia cara Pulcnta.

Camilla —Mia cara Pulenta?

Fortunato — Se pò sape comme v’aegia chiùmmà?

Camilla — Ah! se vivesse...

Fortunato — ’A bon’anema e D. Nicola. \ uie da me che ne vulite?

Camilla — Ditemi mio figlio stanotte dove e stato?

Fortunato — E chi ’o ssapc.

Camilla — Ah! non lo sapete, mo v o ffaccio dicere a isso stesso. Lucianiè, Lucianiè, vieni gioia d’ a mamma toia.

SCENA VII.

Luciano e detti.

Luciano (sbadigliando) Mammà m ero menato ncopp o lietto e avevo pigliato suonno.

Camilla — Scu^a, figlio mio, si ’o ssapevo nun te scctavo.

Camilla — Lucianiè, qua sta quel mobile di D. Fortunato.

Luciano — Uh! Fortuna staie ccà, scuseme, nun t’aveva visto.

Fortunato — (Che faccia ’e galiota tene chisto).

Camilla — Dimmi figlio mio, stanotte dove sci stato?

LUCIANI ELLO— Ve l’ho detto una volta. E pò egli sta là

 » * ♦ •

e potete domandare... siamo stati insieme stanotte.

Fortunato — Ah! già siamo stati insieme, nio non me ricordavo più.

Luciano — Siamo stati a cena... e avimmo fatto tardi.

Fortunato — Già, siamo stati a cena ai Giardini di Torino.

Luciano — No, o Gambrinus... mo non ti ricordi più?

Fortunato — E che vuò io stevo mpacchiato ’e suonno, e non ho letto sopre ’a trattoria se diceva Gainbrinus o Giardini di Torino. [ 16 ]Luciano— Poi mi hai portato a dormire a casa tua.

Fortunato — Già a Casa mia, nce simme arr mediate tutt e dduie int o stesso lettino mio.

Luciano — Nce avimmo fatto tutte chelii risate.

Fortunato — Già quanta risate.

Luciano — Abbiamo parlato de chillu fatto là.

Fortunato — Uh — quanto avimmo riso...io rido ancora si nce penzo. (chisto c’arma d a mamma ha accucchiato)

Luciano — Ecco mammà come le cose innocenti vengono subito a galla.

Camilla —Ti credo perchè sci incapace di dirmi na bu^ia Tal e quale la bon’anima di D. Nicola tuo padre.

Fortunato —(VI c’aveva essere ’o pato ’e chisto).

Luciano — (Chisto è ’o murnento ’e mena na stuccata a mammà) Mammà vi dovrei dire na cosa, che non serve per me st’ affare de tasse ’e na cosa ca me fa asci pazzo a me.

Camilla — Figlio mio mo ’c che se tratta?

Luciano —Mamma mi bisognano 300 lire.

Camilla — 300 lire? Figlio mio che n aie fa?

Luciano — Ah! Fcrtunà dincello tu? ’f*. Ifenimené non si persuadono d* certe cose. Tu mo è fatto pure ’o studente, e sai sti ccose.

FORTANO—Già ’e femmene nun se persuadono... io pure ho fatto’o studente (quacc’ata mbroglia ha da essere).

Camilla — Pecchè te servono sti denaro? L avissa dà a D. Fortunato.

Luciano — Io ’e ddevo a Fortunato?

FORTUNAIO (L’aviva accidere).

Luciano — Mi servono perchè debbo pagare un’altra tassa all’università.

Camilla — Cornine, io ’a settimana passata pagaie 300 lire, me debbo pagà n ati 300

Luciano — È una nuova tassa ca è capitata. Che ncc vulite fa?

Camilla —Mo te vaco a piglia e 300 lire. (\h! se D. Ni’ cola vivesse come sarebbe contento) (viu).

Fortunato — Nè Lucià, ccà a che ghiuoco incarnino. |° nun pozzo passà tutte sti guaie pe ccausa toia. Tu faie ’e rnbroglie, e po’ mammeta s a pigile cu ine. ^

Luciano —Tu pecchè te miette tanta paura è man.n1^

Fortunato — Cornine non m uggia mettere paura, quel’1 è na pantera.

Luciano — Ma tu vide ca IO ne faccio chello che vogl’0 "

Fortunato —Ma tu si o carito suie, invece a n»c ll1 [ 17 ]tene comrnc ò lummo int all uocchie, e si nun fosse ca io voglio bene tanto tua sorella, che in confidenza soreta è bbona ’a quanto tiempo 1’ avarria mannata • «

a passia.

Luciano — Chella è tutto fummo,fa bii bà, ma pò fenesce.

Fortunato — Ma io sono un avvocato conosciuto, nun pozzo suffri ca essa me dice nu cuofano e nialeparole ogni momento, ogne tanto pò me ne caccia- vò scumbina tutte cose, ma con ehi si crede di trattare?

FUCIANO (ride).

LORTUNATO— Po nun sulo aggia suffri ’a mammeta coi suoi nervi, ma aggia suffri pure a te che faie mbroglie e mine ’a culata incuoilo a me. Essi sò addiventato ’o pupazziello vuosto. Aiere ’o giorno appuntale ’o tapezzicre ca me purtaie divane, pnltrone, seggie, e che m’aveva mettere pure ’e purtiere ’a casa nova. Arrivo nfi ’a Turretta cu tutt’a robba, vaco pe’ piglia ’a chiave d’ ’o guardaporta e chillo me dicette: qua è venuto ’o cugnato vuosto, se l’ha pigliata e se l’ha purtata...e io restaie c o tapezziere a cu’e mobili sott ’o purtone!...Avetta mettere tutte cose Uà sotto tuonio, tuorno. ’A gente che veneva se credeva ca io vulevo dà na festa e balla abbascio o palazzo.

Luciano — Ah! si, mi ricordo l’aggio visto stanotte. (ride)

Fortunato — E comme 1 ’ ’c visto starotte?

Luciano — Quanno me so ritirato

Fortunato — E ’a casa mia ch e fatta Incanna?

Luciano — Io, ieri sera tenni na cena à Stella ’e Posillipo, e pè nun me ritità lonatno, ine purtaie à chiave toia appriesso.

Fortunato (soggetto c^ruonettiste)— Va trova che guaio m’è cumbinato. Oh! alle corte Lucia. La casa è a mie o è ’a toia. Ma che pagammo ’o pesonc miezo pedono?

Luciano — Aie ragione.

Fortunato —M a schiaffo mt’a sacca sta ragione.

Luciano — Saie, e stata na combinazione ca nun se darrà cchiu. E poi, noi dobbiamo essere cognati che male nce sta che m’aggio pigliato nu poco sta chiave.

Fortunato — E nun t’’a piglia cchiu. N’ata vota ca offaie, dò ordine ’o guardaporta ca nun t’a desse cchiu

Luciano Nuie c e bisogno, pecche io nun ce vaco da chella parte. [ 18 ]SCENA Vili.

Elvira ed Irf.ne e detti.

Ei.VIRA — Ne mammà sta lloco fora?

Fortunato — No, Elviru puoi venire, perchè è andata dentro.

Elvira — Fortunato mio te cerco scusa io pè essa. Quanta suoffre pè causa mia, ma nun fa niente, verrà il giorno ca scuntammo tutte cose.

Fortunato — Eh! quanno vene?

Elvira — Irè ti presento l’avvocato Caramella Mio cugina Irene.

Irene — Elvira mi ha parlato tanto bene di voi. Vogliatela bene, povera figliola, perchè ce lo merita.

Fortunato — Oh! figuratevi, io a essa sola tengo ncapa Cioè essa è a mamma. Essa pè na maneru è a mam.T.a pe n ata.

Irf.NE — Nun ve ne ncarricate è zi Camilld, mò spusate e finisce tutte cose.

FORTUNATA — Spusammo? Avimma vede D.a Camilla comme stà cu ’è nierve.

SCENA IX.

Camilla e detti.

Camilla —• Comme tutte ccà ffora senza mio permesso? trasetenne a parte e dinto tu (ad Flviru).

Elvira —Ma io me credevo.

Camilla — Nun c’è che credere, quann’io dico na cosa si d-ve obbedire.

Elvira — Uffà! quanno fenesce sta vita? (via dui fondo con Irene).

Camilla — Ah! bravo, ha fatto ò sfastidio alla madfe questo è roba della vostra scuola, (u Fortunato).

Fortunato — Obbi ca nce traso pur’io?

Camilla — Figlio mio, tu se. il solo che &ei rimasto a fezionato a tua madre. Te pigliati sti 300 lire... v’3 pagare subito.

Fortunato — ’O cunto ’o trattore (lazzi). ^

Luciano — Mammà all’ultimo v’’o ttruvatc, Perc vostro figlio vi darà belle soddisfazioni.

Camilla — Accussì sperammo. ^

FORTLNATO—Accussì è... pecchè è piacire ca ve [ 19 ]chislo nun v ’c darrà nisciuno. (pure ngalcra va a fcrni).

Luciano — Fortuna, scostati, assettete Uà (lazzi) Mammà se io vi dimando n’ata cosa non me la negherete?

Camilla — Che vuò figlio mio ati desiare?

Luciano — No mammà (piange) Io veco là Fortunato, maltrattato, cacciato, ingiuriato (lazzo) per causa mia e mi fa compassione. Povero giovine, sono io il reo, maltrattate me, ma lassate sta ch llu povero infelice.

Fortunato — (0 cuccudrdlo! s’ha pappato 30’; lire e mo fa a vede che chiagne).

Camilla — Che cuore, che angele, tal’è quale il cuore...

Fortunato *-Di D. Nicola.

Luciano --Mammà lo perdonate?

Camilla — Figlio mio, me faie chiagner2 pure a nic*. Lo perdono a patto che mi cerca scusa.

Luciano —Va va, cerca scusa a mammà.

Fortunato — (Ma è che? che 1 agyio fatto).

Ll’CIANO--(Nun è fatto niente, ma cerchele scusa).

Fortunato — Signora suocera, perdonate se involontariamente ho commesso... (E c’aggio commesso?)

Luciano — (Un grave fallo).

Fortunato — (chisto che me fa di) Un grave fallo, ma vi assicuro che non lo farò più.

Luciano — (Vascle ’e mmane).

Fortunato —Vi bacio le mani ed i piedi, i piedi non già mo... (cuanno so cuotte).

Camilla — Ad intercessione di Lucianiello vi perdono. Ma badate però che io conservo le massime di D Nicola.

Fortunato — (All’arma è D. Nicola!)

Camilla — Il quale diceva che per ogni fallo si deve fare un mese di esperimento. Perciò ve dongo un mese ’e tiempo (lazzo) Se in questo ir.ebc facit-, ’a bona condotta, e nun nie date nisciuno dispiacere io vi prometto ca ve faccio spusà subeto subeto. altrimenti siete perduto irremissibilmente me lo promettete?

Fortunato —Ve lo prometto!

Camilla —M« lo giurate?

Fortunato — V? lo giuro.

Camilla —Ncoppa a che?

Fortunato — Ncopp’ all anima è D. Nicobi.

Camilla — Ah! siete veramente degno di essere mio tiglio[ 20 ]Irene — Zi Caini Elvira slà chiagnenno.

Fortunato — Adesso vi domanderò d favore di,ni

a consolare chella povera creatura,!a quale J’ ar°

questo fatto. ’ °n s*

Camilla — Venite con me, adesso vi ci porto ro btcisi avita parla amanze a me.

Fortunato — Come volete voi (Galleja mò, papera è pan tano, appriesso t’ ’o ffaccio scuntà).

Camilla —Che dite?

Fortunato — Dicevo nu rosario allaucma e D. Nicola

Camilla — Oh! anima.

Fortunato — De inammeta e de pateto (viano).

Luciano — 1 rè finalmente stainme sule » te pozzo dì na parola.

Irene — Stattc cuieto e parie comme àia parlà, si no nce

o ddico a mammeta e te faccio ferii! ’e fa o madunnella.

Luciano —Ma Irene mia io te voglio bene, simme cugine alla fine.

Irene — Sì. io te voglio bene comm’ a cugino e niente chiù.

Luciano — E allora te si scurdato tutt e giuramento d ammore che nce facevamo na vota. Allora tu me dicive tanta cose ca mò nun me dice chiù.

Irene —Mo’ so’ maritata.

Luciano — Io so sempre lo stesso per te. Te vulevo bene tanno, e te voglio chiù bene assai mo’.

Irene — ’O saccio; tu che me pierde? Nuie ati femmene simme chelle ca passamme ’e guaie.

Luciano —Ma pecche te Si maretata, e ti si pigliato chili’antipatico e Temistocle?

Irene —Si, mo aspettavo a te!

Luciano —Quann’ io teneva na posizione t’avarria spusato!

Irene —Già cu sta capa pazza che tiene, che vaie su: cutanno tutt’ ’e femmene, peggio e maritemo, c1 tutte ca isso è viecchio e ì so figliola.

Luciano — Comme tuo marito, ti tradisce?

Irene — Accussì me figuro io pecchè l’aggio truvato pJ’ recchie lettere ncnollo, iiia si 1 arrivo a ncuccià,

Luciano —Che faie?

Irene — Me sparte e resto sola.

Luciano — E allora ci ameremo un’altrii volta co’ll( prima?

Irene — Oh! chesto poi no. [ 21 ]LUCIANO — Irò li prometto de farte ncuccià ’a mariteto ncopp o fatto.

Irene — Mo vedimme si ’o ffaie.

Luciano — E allora me prumiette ca me vurraie bene? (la stringe e le bacia la mano).

SCENA X.

Mariuccia poi Fortunato.

Mariuccia — (che ha inteso le ultime parole) (Ah! assassino me faie chesto c me? (oia)

Fortunato (uscendo) — Acqua à!

Irene — Uh! mamma mia e che scuorno (via fuggendo)

Fortunato — • Figlio è D. Nicò 1 ma nun ne lasse manco ’e gatte - Vuò vedè ca mò t’annamure pure e me?

Luciano — Ma io sò giovene aggió passa ’o riempo ’e na manera.

Fortunato — Passelo comme vuò tu, ma nun me fa passa guaie a me.

Luciano — Ma che guaio ’e passato?

Fortunato — F. sultanto na faccia tosta comm a toia po dì chesto.

Luciano — Ma tu Vide ca a ogne pertuso io nce metto a pezza a culore.

Fortunato —Chello ca mo te prego de farme ’o piacere è fa nu mese ’e bbona condotta. Io nu mese aggio avuto. Doppo ’e stu mese sposo, e tu fai - chello che buò. Pecchè allora t’o v vide tu, mammeta e ’a bon’ìnema ’e D. Nicola.

Luciano — Va bene, se tratta ’e nu mese, e per te faccio

Tutti i sacrifizi

Fortunato — Ed io ti sarò grato nfì a che moro.

Luciano — L’aggia fa pure per Elvira, puveiella sò 3 anne che aspetta pè spusà.

Fortunato — Mo parli da uomo. Damme nu bacio.

Luciano — Damme nu bacio (lazzi).

Mariuccia — Siente, piezzo ’e nfame, io aggio visto tutte cose. Tu faie lega c’a signorina D. Irene.

Luciano — Statte zitto ca mammà sta dinto.

Mariuccia —Ca io a mammeta voglio fa sentere, ammacaro me piglio nu sfizio.

Luciano —Ma tu ’e pigliato nu sbaglio.

Mariuccia — Io nun sbaglio, lo nun SÒ nè sorda, Iiè cerata. Nun t’avesse visto...va bene! Nun t avasta [ 22 ]c

chello che vaie facenno pè ffora? 0 vuo fa dint’J casa, proprio sotto all’uocchie miete.

Fortunato -- (Ma che stanno facenno n ato mbruoglio^)

Luciano (a Fort.)—(Fa ’a spia, vide si vene quacchcduno)

Fortunato — Tu mò ’e ditto ca vu’ive fa nu ’e bbona condotta.

Luciano —’0 mese accummencia cchiù tarde... Fa ’a spia, ca si vene mammà sfaie fnsco.

Fortunato (in fondo) Eh! arma e D. Nicola, min fa

veni a chella vufera.,

Luciano — Siente Manù, nun fa scenate. Si avimmo fatto

a in more po passato, c stata na cosa ’e picconile, ma % ^%’t adesso dobbiamo conservare la debita distarla, perche io so nu galantomo e tu si na vaiassa.

Mariuccia -- E aie ’o curaggio ’e dirme nfaccia ca è ^tato r

l’ammore ’e piccerillo? Nu piccerillo nun cerca ’e ngannà na povera figliola, sola, senza mamma, senza paté senza nisciuno. Tu perciò te nè s’ prufittata. Ma sicnte, si me seenne ’o san^o nnanze all’uocchie, io te faccio na ntaccata nfaccia e benanotte.

Fortunato — (Teneva stu ppoco ncuorpo Lucianiello?)

Mariuccia — Nun me chiammo cchiù Mariuccia Scatola. p

si nun faccio nu servizio ’e chisto.

Fortunato — Scarò, Scarò, faPo p’ ’a cicoria...Ccà si v- ne D.“ Camilla ’o guaio ’o pass’io.

Mariuccia — Vuie che facite ’o paglietta? E gghiate a nghiaccà carte ncopp ’o Tribun ale.

Luciano — Oh! basta mò, basta mò. Mo ’o ddico a mammà ’e te ne faccio caccia d a ca.’a.

Mariuccia — A me, me ne faie caccia d a casa? Guè io nun tengo pile a Mungila, e nun me metto appaura e nisciuno a disperazione fa fa chesto e ato.

Luciano — Mj che vularrisse fa? sentiamo.

Mariuccia —Te vurria Strafucà cu ’e mmane meie.(/> i’)

Luciano —Non tanta confidenza.

Mariuccia — Uh! nun tanta confidenza? E pecchè me l’ ’e date a cnnfidenza?

Fortunato — Sta venenno D.‘Camilla.

Luciano — Uh! mammi...

SCENA XII.

D.* Camilla, Elvira, Irene e detti.

CaMILL.V—Che *ò st: strilL? Io o ddicevo ca net D. Fortunato pe’ mmiezo. [ 23 ]Cartuccia Signò io ve voglio dicere tutte cose, io voglio mettere ntcrra.

Fortunato — (Oh! è fervuto ’o matrimonio! )

Lt’CIANO (Che bell idea;) Si, parla, parla e discolpati innanzi a questo nobile consesso che ti deve giudicare, Tu fosti rea evvero. IVI a per te milita la foiza irresistibili. ed il vizio parziale di mente. (Mariu io te voglio bene ma statte zitta)

Camilla — Nè che ’è ’o fatto?

Fortunato — Non l’avete capito? È na causa che s"a passa cu me.

Luciano — Di fronte a tanta abnegazione, con queste prove così convincenti chi di voi oserà condannarli. F. adesso vi dirà il resto, il mio collega!

Fortunato — Si, illustrissimo signor presidente, similori giurati, signori della Corte. Questa donna che vedete innanzi a voi è affetta da vizio ineritale. Povera vittima della miseria. Ella cadde, cadde per non rialzarsi mai, mai più, che ne volete dunque da una povera pazza!?

Mariuccia — Paglie io non sò pazza!

Fori UNATO — Tutti i pazzi dicono cosi. Questi poveri disgraziati non conoscono la loro sventura, ed ecco perchè spesso sono trascinati nella colpa e nel delitto. Et sic consequoniam justizia mea superlecit in aeternum tabernaculis sui! Aggio scanzato n atu guaio!!

fine dell’atto primo. [ 24 ]ATTO SECONDO

Ballatoio di un palazzo al viale Piena in Napoli. I3 quinta a sinistra porta del quartiere di Fladano, 2:l quinta scala da cui si discende. IH quinta poria di casa di F 0T. tunato. 2* quinta idem scala da cui si ascende ai piani superiori. In fondo una gran porta aperta da cui si vede l’interno sfarzosamente illuminalo e moligliati, Ai lati della porta di fondo si vedono due piccole porte, una da servire pel guardaroba e. l’altra pel riposto. Sulla scena vi saranno vasi di piante e lumi accesi sulle pareti come nei palazzi signorili. Sulle due porte laterali vi sono le maniglie dei campanelli, e le targhette di metallo coi relativi nomi degli inquilini. Gran movimento Stilla scena nell’ alzarsi il sipario, come Ji gente che va ad un ballo.

SCENA I.

C LOS EMO nel guardaroba. Biase innanzi alla porta di mezzo prepara i vasi di piante. Ijn facchino che viene dall’ scale a sinistra porta sgabelli e letterini. Luigi camenert ravviva i lumi. Dei suonatori portano trombone, contribasso. All’alzar si del sipario tutti sono occupati

Biase — Iammo vuttammo ’e mmane!

Voce DI donne — Luigi, illuminate subito il salone

Luigi — Subito vi servo, eccellenza.

Voce (c.s.) I professori sono arrivati?

LuiCI — Adesso vengono eccellenza. <}

Biase (ai suonatori) Da chesta parte, da chesta pa,t fesla ’e ballo. (suonatori uicno). [ 25 ]SCENA ll

Flaviano e detti.

Flaviano — Ve Savi te rotta ’a noce d’o cuolio?

fllAS£~Caro D. Flaviano, vui ’o scapito, ’a signora Battaglia stasera dà na festa e ballo pe’ ngignà a Ccòa nova, e nuie stamme accuncianno tutt ’a rrobba.

Flaviano — Zitto bestia! ’F. ffestc ’e ballo nun se danno perchè molestano di vicini, tutte ehi Ile ca ’e danno so’ della gente immorale, lo nun sò stato invitalo, protesto contro questa immoralità. (via e chiude la porta)

Cuosemo — Vedile che ciuccio, isso prutesta.. e chtpruteste?

BlASE —Chillo da quanno s’è spartuto c ’ ’a mugliera pe mezzo ’e tribunale, è asciuto ampazzì.Cuòtu và dinto e nun te movere ’a vicino ’e cappotte, pecche rmezaminuinas ’c ponno arrubbà. Uh! ’a vi là chella signora c’aggio visto meza scummigliata.

Cuosfmo — Comme meza scummigliata?

Biase — Già, pecchè mentre scenneva d’a carrozza, a coda d ’o vestito ’e rimasta ncappata ncoppa dmt’ a carrozza, e essa è rimasta abbascio meza scummigliata.

ClfOStMO— Ah! mò capisco (uno nel gaarduroha e l’altro via dalla scala).

SCENA III

Temistocle e Giulia.

Temistocle (a braccetto) — Sono fortunatissimo signora d essermi trovato presente al momento che vi è capitata quella disgrazia, quindi mi sono slanciato in vostro soccorso. Il vostro vestito si è lacerato?

Giulia — Si, ma ho rimediato in certo modo. Sono tanto agitata e confusa che non so io stessa quello che dico. Oh! che disgrazia, che mortificazione, quando penso che la gente deve saperlo.

  • EMlSTOCLE — Oh! e perchè deve saperlo? Sono troppo

ammiratore della vostra bellezza signora, e quindi potete esser sicura del mio silenzio.

-*f U LI a — Vi prego signore di non farlo palese a nessuno, a nessuno capite. [ 26 ]TLMISTOCLE — Oh! vi pare? ( Tene ’a gamma sinistra na bellezza, mi figuro che dev’essere la dritta). C*è

Giulia — E voi venite al ballo della Signora Battagli i

Temistocle — E come avrei potuto mancare dal mento che era certo di trovare voi. È qui che vi veduta per la prima volta, è qui che m’avete dett° che voi eravate separata da vostro marito.

Giulia — Si, da 2 anni. Io però non tengo nessun torto egli mi ha fatto la causa e 1 ha vinta, ma io porto appello, e allora faccio sapè a tutte quante che mio marito è un vero...

Temistocle — Guaio! (Giulia fa segni di no) Si nu guaio Ditelo francamente perchè voi siete giovane e bella e isso sarà viecchio e brutto. Vedete signora, io sono maestro di scherma e mi son dedicato esclusivamente a difendere le mogli oppresse. Quindi qualunque cosa vi occorre io sono libero e mi metto interamente a vostra disposizione.

Giulia —Come non siete ammogliato?

Temistocle — Lo sono e non lo sono. Perchè mia moglie è in campagna, sul Vomero, ed io adesso sono interamente libero.

Giulia —Ma Sapete che siete un originale.

Temistocle —Vi piacciono gli uomini allegri, friccecarielle?

Giulia — Uh! molto.

1 EMISTOCLE — Embè io me metto in allegria, e vi faccio ridere dalla mattina alla sera.

Giulia — E bravo, allora incominciamo da stasera, prendete (si toglie il mantello) datemi il braccio.

Temistocle — Oh! fortunatissimo (/ accom pag na fino alla porta) Vi chiedo scusa se vi debbo lasciare un momento... ma debbo parlare prima con un avvocato che sta al piano superiore. Più tardi ci vedremo e non vi lascerò per tutta la serata.

Giulia — Oh! non voglio disturbare i vostri affari.(uia nella festa). t

Temistocle — Che affarone c aggio combinato. Una donna maritata divisa di corpo dal marito. Vale a dire una rosa senza le spine. E che rosa? na rosa ’e maggio! [ 27 ]’0

0

0

0

0

e

o

e

a

o

0

1 )

Fortunato e Biase (da dentro).

|T0rTUNATO (d. do) E chisto è nu scherzetto che me l’ha cumbmato n ata vota il Signor Luciano. Ma tu pecchè nce l e data?

J3IA-*1 E(«/- do) — Signò ma lei non m’av.te dato nessuno ordine. E poi quello sta sopra che v’aspetta.

Temistocle — Basta, mò vado a truvà nu poco Adelina.

ali ultimo piano.

Fortunato (fuori) — M ’e ccumbine semp isso sti guaie. vuleva di ca eremo state 28 iuorne cuieto. Isso vene, se piglia a chiave da ’o guardaporta e se ne trase int’a casa mia.

Temistocle (guarda l orologio) —Caspita sono le 914

Fortunato — E 91/2 avete detto?

Temistocle — Sicuro... le 9% precise.

Fortunato — E comme simme arrivate accussì ampressa

’e 9 y2.

Temistocle — È passato o tiempo... (Che ciuccio!)

(Via scala a destra).

BlASE M hanno chiammato all’urdemo piano. ’E piede ’e piede (via).

Fortunato — È 9Yi E Da Camilla mi ha scritto ca veneva e IO. Mezz’ora ’e tiempo; pozzo sta cuieto. Quanno pcnzo ca dint’a sta casa debbo venire abita sulo sulo, nzieme con Elviruccia mia, me sento veni

o friddo p’ ’o piacere, (suona) Sono passati 28 giorni da quanno D. Camilla me ne vuleva caccia, n ati 2 giorni, finisce l’esperimento e spusammo (c. s.) Luciano m’ha mantenuto ’a promessa e s è stato cuieto.. ma stasera s’ha pigliato ’a chiave? Forse teneva nu poco ’e suonno e s’è posto a durmì. (suona) Chillo dinto sta, pecchè ’o guardaporte me l’ha ditto. Vi che suonno forte c’ha pigliato (suona forte).

SCENA V.

Flaviano e detto.

Paviano — Nè mio signò, e che ve credite e scampani»

tutta stanotte.

Fortunato — ’O campamelo e o mio.

Paviano — Io nun me e scn 1 [ 28 ]*

•I,

Forti nato — Io pago 3 lire e y2 o giorno, e poz2o ^ * fino a che struio 3 liree meza’e camPa i l avi.\NO — Ma cheste sò risposte ’e pazZoi V ■ ^ lo ut un ATO — Io non sono pazzo sono avvocai

Flaviano — È ’o stesso.

FuRTl.NATO— Vuie invece ’e strilla faciarrisseve r*. i.

è dir me se avite visto trasi nu giovinotto qua denti

Flaviano — lo nun me ntrico d’ ’efatte’e ll’ate. NunVa°* e;io visto trasì, ma me pare ca l’aggio visto asci. | Fortinvto—Asci? E comme se permette asci, si ten^

’a chiave d a casa mia io comme traso cchiù } A*

Flaviano — lo vi tomo a dire ca nun me ntrico 1 latte e nisciuno. t

Fortunato —Niente, sarrà muorto. I ^

Flaviano — No, vuie me tacite muri a me. Venite a ccà...r e pusate ’a lune d ’ ’o campaniello... Sapite che pò es-* sere? Quanno se n è asciuto ha cunzignato a chiave

0 guardaporta.

Fortunato — Vedete che site nu ciuccio.

Flaviano — Nè non vi pigliate confidenza.

Fortunato —’O guardaporta ha ditto a me ca Luciano

steva dmto, dunque vò di ca nun teneva a chiave}

Flaviano — Volete vedere che siete na bestia.

Fortunato —Nè non vi pigliate confidenza. Chi vi conosce }

Flaviano — Se vede d’a faccia. 0 guardaporta stasera tene a capa a X, pecchè nce stà ’a festa e ballo, e

1 jma e mammeta st’amico vuosto avarria lassato a chiave dint o casotto e isso nun ’o sape manco. ■ (,

Fortunato —Nè scusate se vi ho chiamato ciuccio. \ \ Voi siete il primo uomo di talento.

Flaviano — E io vi ringrazio tanto tanto.

Fortunato Mo vaco a bedè abbascio ’o casotto si ncè stà ’a chiave.

Flaviano —-Nè sapete che a me nun m’hanno invitato alla festa?

Fortunato — Veramente? (dopo lazzi) Nun me passe maco p ’ ’a capa (via).

Flaviano — Che nuttata c’ aggia passa, c’a musica dint’ e recchie che buò chiudere uocchio. lo avevo stabilito che dimane me vulevo applicà e sanguette. E si io nun dormo stanotte nun pozzo fa niente dimane» Me vene n arraggia che dama a ffuoco ’0 palazzo!

Fortunato (ritorna) — Ne sapete, ’o casotto Stà chiuso, ’o guardaporta nun ce steva. [ 29 ]<viaNO - Veramente? (c. >■) Nun.ne passa manco p a

’ rMATO - Cuè a’ha pigliato a rivincita. Ah! io aggio f0 visto correre -a chella via...mo o vaco a ncuccia (uio).

-.viano- E chisto è n’atu pazzo («unr./u) Sta venenno [l ala gente, ve puzzate affuccà (entra).

SCENA VI.

Luciano indi Camilla ed Elvira.

Luciano — Quanta folla e quanta gente. Chella povera

Irene stà chiusa Uà dinto. L’aggio purtataccà ncoppa c a scusa e farle abbedè ’o marito che la tradiva per un altra donna. Essa ha voluto restà sola, e non mi ha permesso de restà Uà dinto a farla compagnia. Ma io pe di ’a verità me so sfastediato d’ aspetta, mò traso e zitto (cerca di aprire la porta).

Camilla (con Veste da ballo e Elvira con abito bianco) Nun te pig ià paura gioia mia ca nun è niente.

LLCIANO (Uh! mammà e Elvira, e comme a cumbino?)

\nasconde la chiave nella tasca dello chemise).

Camilla — Luciamè e comme te truove ccà, tu m’ ’e ditto ca ive add ’o prufessore.

UCIANO Ah! già... o professore steva malato.

Camilla E mò trasimmo dint’a casa ’e Fortunato?

Luciano — Fortunato non c’è, aggio tuzzuliato tanto tiempo ma nun c è. Non aprite a nessuno.

Camilla Comme non aprite a nessuno.

Luciano Non ha aperto a nsssuno, quindi vuol dire che non ci stà.

Camilla Ma è nu scrianzato, fa aspetta na Signora e na signorina for’ ’a porta. Me dispiace ca sta povera figlia doppo chello ca lè succiesso se vuleva nu poco ripusà.

Luciano —Pecchè che l’è succiesso?

Elvira — Na cosa ’e niente. M’è uscito nu poco ’e sangue

d’o naso..

Camilla —Comme na cosa è mente? t e asciuto tanto sangue È venuto subito ’o figlio do guardaporta, ha rtato ’o bacile dentro ’a carrozza.

tr. F dò tutto è passato.

Luciano — Manco male ch-è riuscito accus.1. puteva es8ere pc«K’°nto che,u |>c8ti;i e D. Fortunato nce ha

Camilla " ‘ [ 30 ]rimasto for’ a porta, c si nun truvavemo a LUcian comme facevcmo a prcsentarce a festa e bal|°’

Luciano — E che tenite intenzione d’essere accompagni da me là dinto? >

Camilla —E si capisce, mo che t avimmo truvato cKi te lassa cchiù.

Luciano — E lo tengo n affare grave, aggià turnà add’ ’0

professore.

Elvira — E na vota che sta malato che nce tuorne a fa

chiù..

Luciano — Pò essere ca mò se ristabilito.

Elvira — E chcde se ristabiliva int’a n’ora!?

Luciano — Ma io nun sto vestuto pè balla, nun tengo 0

Camilla — Non fa niente, vieni con noi, ncè o ddico i0 a Da Marianna Battaglia.

Luciano (Addò me steva astipato stu guaio).

Camilla — Posa ’o chemise add o guardaroba.

Luciano — (Mo e lasso là dinta e po vengo a truvà a

Irene ).

SCENA VII.

Callisto Chiara e detti (entrano e vanno dal guardaroba e sono urtati da Luciano).

Callisto Ma signore non è questa la maniera di urtare. Li CIANO Vi domando scusa, ma noi l’ho fatto apposta.

Callisto Hai visto quante scuse mi ha fatto quel giovinotto? Eh! con me non si scherza.

Luciano — Va bene, pò m’o daie.

Camilla — Dunque ’e fatto?

Luciano —Mammà sò pronto.

SCENA Vili.

Temistocle e detti.

Luciano — (Uh! Temistocle)

Camilla — Ah! site venuto ’a festa vuie Sulo, e pecchè nun avite purtato Irene?

Temistocle — Irene stà in campagna, vicino a voi. IG sto solo a Napoli, perciò sò vedovo e ne profitto

Camilla — Bella cosa! Nun ve mettete scuorno ’e stl ccose, e si chella facesse conim a bbui-», fttrrja buono. [ 31 ]Temistocle — Oh! pecchesto non c’è paura. Ir ne me conosce e sape ca io so un uomo che nun m a faccio fa a nisciuno. È overo nè Lucia?

Luciano — Oh! si capisce. (Avarria sapè che stalla dinto nchiusa).

Temistocle —Mia moglie chesto ’o ~sap% perciò io pozzo durmì sicuro.

Luciano — Tu duorme sicure?

T EMISTOCLE — Altro.

Luciano — (E staie frische)!

Camilla — Và, iammoncenne dinto (Entrano tutti).

SCENA IX.

Fortunato e Biase indi Flaviano.

Fortunato — Me staie facenno correre a mez’ora appresso a te. M a vuò dà sta chiave?

BlASE— Io v aggio ditto ca nun ’a tengo, forse ’o signurino quann è asciuto. l’ha rimasto a mogiierema int o casotto. Mo vaco a vede.

Fortunato —E fa priesto.

Flaviano — Bià, compreme IO sanguette. Giacché tutte quante se spasseno, me voglio spassa pur io.

Fortunato — Vi che bello spasso ch’ha truvato chisto.

BlASE—Mò scenno e ve servo.

Fortunato — Primma a chiave a me.

Flaviano — Primma ’e mignatte meie, e che siano fresche mascoline (lazzi).

BlASE — Mo vaco subito, a vuie ve porto a chiave e ’a vuie ’e ssanguette (a Falv. e Fort, e via).

Fortunato — Fino a mò v’aggio rispettato, mò nun ve rispetto più. Sapite ca io aggia trasì int a casa mia?

Flaviano — Sapite ca io m’ aggia mettere ’e sanguette?

Fortunato —A me che me preme d’ ’e sanguette voste?

Flaviano — A me che me ne preme si trasite o no dint’ ’a casa.

Fortunato — Ho detto bene prima ca site nu ciuccio.

Flaviano — Ho detto arcibene ca site na bestia.

• SCENA X.

Biase e detti.

Biase (d. d.) —Signor avvocato... Signor avvocato.

Fortunato — Ah! ha trovato ’a chiave. Bià dammeli a subito sta chiave. [ 32 ]BlASE — Sentite che fatto curiuso è succiesso, ve,

fa ridere. # °?1»> |

Fortunato —Damme ’a chiave.

Biase —Na signurina mentre scenneva da Carr,

l’è asciuto tanto sango do naso, mogliema è r ll i *i ». cor$3

cu nu bacile e na tovaglia.

Fortunato — Damme a chiave.

Biase —Ve voglio fa ridere.’O guaglione mio. 0 Cc(,j grussiciello, tene un talento signore mio, e chi v’ ’r po dicere.

Fortunato —Mo aggia sentì pure ’o talento d’ ’o gUa. glione.

BlASE — Ha visto ca ’o sangue nun se stagnava... Ha fatto na bella penzata.

Fortunato — Nè ma io quanno rido?

BlASE—Ha pigliato na bella chiave masculina ca steva ncopp’ o tavolino, e ncè l’ha posta addeteto e rine d’ ’a signorina, e là pe là o sangue s’è stagnato.

Fortunato — È bravo ’o guaglione, nè lo qu3nno rido?

BlASE — Signò redite... ’a chiave masculina ha da essere propetamente ’a chiava vosta.

Fortunato — È chella masculina era—nè io me sto attaccanno ’e nierve, difficilmente rido.

BlASE —’A tene dint’ ’e rine ’a Signorina. Mo avita ridere

Fortunato — E m’ ’o ddice cu chesta faccia? E Si vene D. Camilla? Uh! arma ’e D. Nicola mantienila tu

BlASE—Ma nun ve pigliate collera, pecche a signurina è gghiuta dint’ ’a festa ’e ballo.

Fortunato —Meglio (Chello mò se mette abballa di tutt’ ’a chiave mia dint’’e rine, à chiave doppo ballato nu valzer se ne seenne, se ne seenne, e io addò j vaco a truvà cchiìi. Ma chi è sta signorina? comme se chiamma?

«

BlASE — Signò pe ve dicere ’a verità, moglierema e 0 guaglione nun’a sanno, nun l’hanno vista mai.

Fortunato — Ma tu m’ ’a paghe tu, moglieta e o?llJ’ glione,

SCENA XI

Luigi indi Flaviano.

Luigi (dal fondo)— Bià damine subito ria mano 3 1 ’e cumplimente ’a parte ’e dinto.

BlASK—Mò vengo.

Flaviano — Mè portato ’e sanguette [ 33 ]Biase N atu poco e sò fatte.

Flaviano — Sò fatte? E comme l’ha fatto?

Fortunato —C a pummadora.

Flaviano —Che brutta grazia che tenite. Pii d’ ’a faccia toia (via).

Fortunato — Io a chillo femesce ca ’0 vatte. Si arriva a veni chella iena io sò bello erovinato. Peccato, pe n ati 2 juorne e pò steva a cavallo, (si sente la musica) Seh! chella mò a chiava mia se stà spassanno a ballà. E mò che vene D. Camilla abballo io. Putesse arapi cu n ata chiave che tengo int’a sacca? (vuole aprire) Chell’era masculina e traseva, chesta è femminina nun pò trasi (ritenta).

SCENA XII.

Irene e detti.

Irene (d. d.) — Lucià? Lucia si tu?

Fortunato — Na femmena int’a casa mia?

Irene — Lucià si nu scustumato... pecchè i° te 1 aggio ditto che nun vuleva restà sola.

Fortunato — Signorina... io non sono Luciano sono Fortunato il padrone della casa, potete apri.

Irene — Io aprevo a vuie maie.. maie!

Fortunato — (Comm’arapesse ’o cane!) Io voglio trasi int’ a casa mia.

Irene — Per carità non mi scovrite, voi mi rovinate, 10 sò accisa a maritemo.

Fortunato (Ma io sta voce ’a saccio, ma nun m arricordo chi è) Signori, vuie tenite ’o manto vuosto... ma io tengo ’a suocera mia, ca si ve vede chella scanna a me e a vuie. Ascite.

Irene —Nun pozzo asci cchiu, se ne parla quanno è fernuto ’o ballo.

Fortunato — (E stamme frische! ) ma io vi faccio riflettere.... Seh parlo io e ’a mascatura. Mò avama veni D. Camilla e avarria truvà na femmena int a casa. M ’e cumbina tutte Luciano sti servizie. ’O mmeglio ca putarria fa sarria de truvà sta chiave. Putesse trasl int a festa. E comme nce traso Uà dinto, io sto e chesta manera. [ 34 ]SCENA XIII.

Biase indi Flaviano e detto.

Biase —Avite truvato a chiave? (con sorbetti in Vassoio)

Flaviano — Nè a me nuli me spetta niente?

BlASE —Nun site stato invitato e nun pulite tuccà niente.

Flaviano — Sei un porco! Te dò 5 lire ’ò mese, e nun m’ ’e vuluto accatta manco e sanguette, e mò me nieghe nu poco e limunata.

BlASE— Pigliatavella, abbasta ca nun ve sento cchiù.

Flaviano —Nun ’a voglio, che porcheria (piglia e mangia).

Biase — E s a piglia (via)

Flaviano —Che schifezza, che purcana... (via col bicchiere)

Fortunato — Purcana e se 1’ ha pigliata. Ah, me pa e sempe e vederme D. Camilla ncuollo.

SCENA XIV.

Callisto, Chiara e detti.

Callisto — (prende la mantella e la da a C hiara, la quale viene sul davanti ed egli resta in fondo).

Fortunato —Na signorina, a tenesse chesta?

Chiara — Callisto, aiutarne un poco a mettere a mantella.

Fortunato — Se la signorina permette potrei io essere

Fortunato di metterle la mantella sulle spalle.

CHIARA — Oh! troppo buono signore, (gli dà la mantella e si volta Fortunato la tasta) Vuie me cellecate.

Callisto —Come, voi avete cellecate mia moglie?

Fortunato — (Mò abbusco!)

Callisto — Sapete che io sono Callisto Ci ber na, maggio^ in riserva, questa è mia moglie.

Fortunato — Ah! la signorina è vostra moglie?

Callisto —Ma perchè l’avete cellecata?

Fortunato —Ma io non l’ho cellecata, è stata essa ca se credeva ca io ’a cellecavo. Se volete a cilleco n10

Callisto — Voi siete un impertinente.,,

CHIARA — Vieni Callisto, vieni. Pecchè te vuò ncui**1 cu stu ridicolo, imbecille.

Callisto — No, io na soddisfazione la voglio.

Fortunato — Ma voi avete pigliato un equivoco.

Callisto — Io non piglio equivoci. Voi mi renck’1 conto di questo insulto. t,

Chiara — Calli jammo, nun perdimmo tiempo ’-’u bestia. [ 35 ]Callisto — Vi prometto che vi passerò il cuore da parte a parte con la mia sciabola.

Fortunato — Quanno sarà stu fatto?

Callisto — Il giorno che sarò richiamato in servizio attivo.

Fortunato — E allora aggio voglia d’aspettà.

Callisto — Ci vedremo. (via borbottando con Chiara).

Fortunato — Susete matina e pierdete st’accunto.

SCENA XV.

Temistocle e Giulia.

Fortunato — Ah! ecco un’altra signora.

Temistocle —Avete deciso di andarvene?

Fortunato — (chella che tene dinte ’e rine me pare na chiave, po essere pure ’a stecca d o busto).

Giulia — Bisogna che mi ritiri presto a casa.

Temistocle —Perchè, non siete padrone di voi stessa?

Giulia — ll mondo è tanto cattivo.

Temistocle — Il vostro poi è un fatto che può succedere a tutti.

Fortunato — (Pò succedere a tutti? Ah! è essa che 1’e asciuto ’o sango d o naso).

•:i Giulia — Datemi il boà.

t* TEMISTOCLE — Vi servo subito, (va al guardaroba).

Fortunato — Perchè vi prendete pena signora è na cosa ’e niente È un fatto che succede a quasi tutte le donne.

Giulia — (Chi è chisto? io nun ’o saccio, e che ne sà che io sono separata da mio marito?) (la tasta) Voi siete un’impertinente, perchè me cellecate?

Temistocle —Perchè toccate la signora??

Fortunato — Le stavo accomodando i merletti dietro le spalle.

Temistocle — Vi proibisco di accostarvi a lei, altrimenti la dovete fare con me.

Fortunato — Alle corte, a questa signora l ’è uscito ’o f. sangue d’ ’o naso, e tene na chiave dint’ ’e rine.

y Giulia — Che chiave, che sangue? Io non ne sò niente di questo fatto, f Fortunato — Ah! voi non siete chella signora là?

Giulia — Non sono io.

Fortunato — E me facite perdere tanto tiempo.

Temistocle — Ma quest’uomo è pazzo I [ 36 ]SCENA XVI.

BlASE e detti con trombone.

BlASE— Nun se pò accumincià pecchè manca ’o trumbonCUOSEMO — ’O strumento l’ha mannato ’o tengo i0 CCi

Fortunato — Ha mannato ’o strumento? Embe ’0 tru~.

bone ’o sono io (lo piglia).

BlASE — Che vulite fa, vuie nun sapite sunà.

Fortunato — Io so nu professore, nun me rompere 3 capa (ivia nell’interno).

Temistocle — L’bo detto io che quest’uomo era pazzo.

Giulia —Eppure m’ha divertito molto.

Temistocle — Biagio fate venire una vettura perche | la signora vuole andarsene.

Biase — (/azzi, gassometro e via)

Giulia — Mi sembrano mille anni di andar via.

Temistocle — Un altro poco di sofferenza e sarete contenta. (le bacia la mano)

SCENA XVII.

Flaviano e detti.

Flaviano — Bià è mignatte... che! mia moglie!

Giulia —Mio marito.

T emistocl E — (T ableau).

Flaviano —Che cosa state facendo qua?

Giulia — Sono stata a divertirmi in quella festa da ball^

Flaviano — In quel luogo di perdizione?

Giulia —Mi è piaciuto di andarvi, non devo dar con^ a voi.

Flaviano — Non dovete dar conto a me? Io sono seinprd vostro marito e vi proibisco di ballare.

Temistocle — Caro Signore voi non le potete pr°* niente. j j

Flaviano — Questi sono affari di famiglia, voi nf" entrate.

Giulia — Questo signore è il mio protettore.

Flaviano — Ah! avete pure ’o protettore? va beneTemistocle — Ma voi siete separati si o no?

Flaviano — Non parlo con voi.

Giulia — Sicuro, siamo separati di beni e di coip°Flaviano — Separati e per sempre. ’O lupo è a p° possono stà più nzieine. [ 37 ]«i

5tS

Giulia Ah! lo confessale che siete un lupo.

Flaviano No io sò na pecora, d lupo siete voi.

Giulia No, o lupo si tu.

Flaviano — No, io sò piecoro, piecoro!

Temistocle —Và bene, nun ve pigliate collera, site ’o £ I piecoro 1

i SCENA XVIII.

,Jty(Jl Biase e detto.

BlASE — Signurì ’a carruzzella è pronta (la musica suona un ballabile, e di tanto in tanto si sente un forte suono di corno).

Temistocle — Venite Signora.

Flaviano — Vi proibisco di andare in carrozza.

Temistocle — Voi lo Proibite?

I GlULIA— E come fate a proibirlo?

Flaviano — Piglio na mazza, te sciacco, e te manno o spitale, Biase, non fate passare la Signora.

Temistocle — Oh! voi non volete levarvi di mezzo, vi farò levare io. (si bisticciano)

SCENA XIX.

Irene dalla sua porta e detti.

?’ Irene (per uscire) — Che so sti stnlle? I emistocle.

Giulia — Signora, aiutatemi voi.

Irene — Venite con me (entra con Giulia e chiude la porta senza che alcuno se ne avveda).

,y TEMISTOCLE—Ah! l’avete fatta scappare ma io la raggiungerò (via in fretta dalla scala a sinistra).

  • SCENA XX.

Fortunato e detti.

)

/Invitati (di dentro)— Fuori, fuori, alla porta il corno, alla porta.

Fortunato (con il trombone in disordine)—Che maniera è la vostra, io eseguivo un assolo. Prggio per voi che non l’avete voluto sentire. I utto è finito, questa sera l’ultima speranza che mi restava, il trombone. [ barbari non l’hanno voluto sentire, sapete quello che mi è successo? (racconta a soggetto ad uni sono con [ 38 ]Flaviano che racconta anche lui il suo accaduto, /er. minando il discorso).

Fortunato — Era mia suocera!!!

Flaviano —Era mia moglie!!!

Fortunato —Che me ne mporta d’ ’a mutilerà vosta!

Flaviano —Che me ne mporta d a suocera vosta (yia).

Fortunato — Se mia suocera, mi ha conosciuto io sono

un uomo morto. Eh! anema ’e D. Nicola aiutcme tu.

SCENA XXI.

Elvira e detto.

Elvira — Guè io sò scappata nu mumento ccà fiora pecchè t’aggio cunusciuto che sunave o trombone Ched’è mò pure chesto te si iniso a fa?

Fortunato — Si io sono dilettante di trombone.

Elvira —Mammà sta strillanno ancora contro o sunatore ma nun l’ha cunusciuto.

Fortunato — D. Nicola ti ringrazio.

Elvira —Tu saie ’o guaio c’aggio passato io?

Fortunato — Che guaio?

Elvira —Quanno sò venuta ccà, m’è asciuto tanto sangue

d«i

o naso.

Fortunato — Che piacere.

Elvira —Comme che piacere!

Fortunato — Che dispiacere (la tasta) ’A tene, a tene, ’a tene!

Elvira —Che tengo?

Fortunato — La chiave che t’ha posto o guaglione il ° portinaio!

Elvira — Ah! è vero, e tu che ne saie?

Fortunato — Questa è la chiave mia.

Elvira —Uh! povero Fortunato, e allora pigliateli*

Fortunato (piglia la chiave) Ah! quanta fatica me costJ sta chiave.

SCENA XXII

Camilla e detti.

Camilla — Oh! ti ho trovato finalmente.

Fortunato — Suocera mia.,[t

Camilla — Suocera? Dopo quello che avete lati1’ ( sera, credete che io ve faccio spusà a mia l’tf 1 1

S.LVIRA —Mammà pecche ch’ha fatto? [ 39 ]CaMILLA —Ha fatto aspettare ’a Pulenta mmicz ’e ggrade. D. Nicola questo non lo faceva.

Fortunato — È stata na combinazione che mi ha fatto ritardare, ma nun ’o ffaccio cchiii.

£lVIRA — Si mammà perdonatelo, pecchè non è stata colpa soia.

Camilla — Lo perdono ad un sol patto, cioè che fra IO minuti si vesta e viene nella festa della Battaglia.

Fortunato — Sicuro che ci vengo. (Io mo tengo a chiave)

Camilla — Ricordatevi IO minuti, un minuto di piu e tutto è sconchiuso.

Fortunato —Va bene.

Camilla — Elvira seguitemi (entra con Elvira).

Fortunato — Mò arapo e me vesto subito subito. (per aprire) Chesta nun pò trasì, ma chesta è ’a chiava mia?

SCENA XXIV.

Irene e GIULIA di dentro e detto.

Giulia — Signore per carità non aprite, mio marito è furente.

Fortunato — Chesta nun me pare a voce ’e chella ca nce steva primma.

Irene —D. Fortunà non aprite, si no Temistocle m accide.

Fortunato —Meglio. Chesta è n’ata. Vuie quante site lloco dinto?

Giulia (di dentro) — Siamo due donne.

Fortunato —E chisto mi ha combinato un harem dint’a casa mia.

Irene — Pensate D. Fortunà che ne va della nostra vita.

Giulia — Ed anche della vostra.

Fortunato —Mò all’ultimo fernesce ca songo acciso.

SCENA XXIV.

Luciano e detto.

Luciano — Oh! Fortunà staie ccà, io te vaco truvanno a tanto tiempo.

Fortunato — Nè figlio è.... a chi e Purtato int a casa mia?

Luciano —Una signora molto distinta, è stato uno icKcrzo, T’è piaciuto?

Fortunato — Che ni ha da pi^ce, 1 arma e minimela! [ 40 ]Ccà si esce D. Camilla io sò rovinalo. Tr0V() (emmene Uà dinto. ° H

Luciano — Ddoie? lo una n’aggio posta, c H ata =,,, asciuta? e

Fortunato — ’O vuò sapè a me?

Luciano — Ed e bella la seconda femmcna che stà U ddinto?

Fortunato — Uh! mo sà che te dicevo, lo nun l’ao» vista. ’A chiave addò stà?

Luciano — ’A tengo dint’o chcmisc.

SCENA XXV.

Temistocle e detti.

Temistocle — Oh! Lucià te ne sei uscito dal Kallo >

Luciano — No, sto pigliando un poco d’ana qua fuori.

Temistocle —Io vado in cerca di D.Giulietta, na signora proprio chic I È scomparsa e nun a trovo cchiii.

Fortunato — Saccio io addò sta.

Temistocle — E dove stà?

Fortunato — Sta chiusa Uà ddinto.

Luciano —Tu ch’è cumbinato? Llà dinto nce sta ‘a mugliera.

Fortunato — (Io saccio ’e mbruoglie che i aie tu).

Luciano —Fortunato ha scherzato, la casa è vuota.

Fortunato — Già è vuota la casa, la casa c vuota.

Le DONNE (di dentro) — D. Fortuna, non aprite.

Temistocle —Com’è vuota se io sento delle voci di donne Ah 1 vuie tenite ’o contrabbando nascosto?

Fortunato —No, vi ho detto ca nun ce Sta nisciuno.

Temistocle —’O aprite o scasso la porta.

Luciano — D’altronde vuoi entrare, arape à porta e fallo trasì, chillo accide a te, pecch è a casa è i| toia.

Fortunato — Eh I anima ’e D. Nicola aiuteme tu.

Luciano — Statte, facimmo a vedè ca sè dato a Ifuoco ’o palazzo. Biase?

SCENA XXVI.

Biase e poi tutti.

Biase — Signuri?

Luciano — lu vide stu fummo? Stente sta pu2/J bruciato? [ 41 ]Fortunato — Overaniente lo senlo ua puzza

Biase — Sì ’a sento pur’io.

Luciano —Fuoco! fuoco! (a Fortunato) Falle scappa dint’ all’ ammuina.

Fortunato — Fuoco, se sta abbruscianno.

Flaviano — ’O ffuoco! addò stà >

Irene — ’O ffuoco!’O ffuoco!

Giulia — ’O ffuoco!’o ffuoco!

Flaviano — Che vedo muglierema Uà dinto.

Temistocle —Anche mia moglie là dentro.

Camilla — Doie femmene Uà ddinto.

Elvira — Ah! scellerato, infame! (sviene)

Tutti — Acqua, acqua.

BlASE—(con gran secchia d’acqua) Mo’o stuto io mò ’o stuto io. (versa la secchia addosso a Fortunato, tatti gridano, movimento di scena)

fine dell’atto secondo. [ 42 ]ATTO TERZO

Camera in casa di Fortunato non ancora del tulio mobiglia^ mobili mezzi in disordine. La tapezzeria saro coperta dQ /edere bianche. Lume acceso in iscena me.sso su di un tavolino.

SCENA I.

Camilla, Elvira, Irene, Luciano, Fortin \to, Temistocle indi BlASE. Le 3 donne sono svenute sulle poltrone gli uomini sono vicino e le danno soccorso.

Fortunato (in mutande con covertino bianco, cd uno tovaglia ligata in testa) Elviru, Elvirù, gioia mia. nun è stato niente, nun te piglia paura.

Elvira Brr... o ffuoco... o ffuoco.

Fortunato — Non è ffuoco, è stato un sbaglio.

Elvira Brr... e fiamme, è fiamme!

Fortunato — Uh! povera figliola...e chesta me nion’ stanotte. Vedite che m’ha cumbinato Luciano.

Luciano Mamma, mammà, nun è niente nun ’l ^ gliate paura.

Camilla Brr... Doie femmene, doie femmene 1 •

Fortunato (Chella sta murenno e penza a ni*’)’

Luciano Fortunà, viene ’aiutà a mammà. -y

Fortunato — (Si muresse io pigliarria nu terno) y^.

Temistocle (passeggia agitato) —A me? e me se I*1 1 Io che ho fatto tremmà i primi schermitori d °

E mia moglie me cagna pe chiliu piezzo d a,.ll,-uji<1

Luciano Uh! chella povera Irene sta sola e n,sL l’aiuta. [ 43 ]Fortunato—Mo nce vaco io (via).

Temistocle — Vi proibisco di avvicinarvi amia moglie. Penzate ca tenite a morte ncopp a noce d o cuollo.

Fortunato — Perchè aggia muri?

Temistocle — Sicuro. All alba voi non esisterete piu, io vi avrò ucciso.

Fortunato — E chesto nce manca d’essere acciso appriesso.

BlASE— Eccome ccà, nun putevo veni cchiu ampresse aggio avuto correrà a Toledo, farmacia à cà tuorno steveno nzerrate.

Fortunato — Elvirù, Elviru addure nu poco.

Biase — Mettimencenne nu poco nfronte.

Fortunato — Sè dice buono.

BlASE— Nu poco addereto ’e rrecchie.

Fortunato —Ma che l’’e pigliate pe cane?

Biase — Nganna.

Fortunato —Mo t’ ’o mpizzo nu dito nganna, te ne vaie

o no?

Elvira — Ah! (sospira).

Fortunato — Elviru, Fortunato tuo stà vicino a te.

Elvira — Scostete, traditore nfame, che t’aggio fatto io ca ma tratte accussì?

Fortunato — Ma è stato nu sbaglio.

Elvira — No, è vero, l’aggio visto cu l’uocchie mieic. (pianse).

Fortunato — Siente a me.

Biase — Uh! e nun ’a tuccate. Chiagmte Signurì c avite ragione, è overo, è overo.

FPRTUNATO—Comme è overo? E tu che ne saie?

BlASE — Accussì se dice p’ ’a fa sfucà.

Fortunato —Mo sfogo io cu te e te faccio na cauciata.

Luciano — Fortunà, mammà nun rinviene, comme se fa?

Fortunato — A me che me ne preme ’e mammeta.

Luciano — Fa addurà nu poco ’e liquore anodino a Irene.

Temistocle — A voi non vi è permesso neanche di guardare da lontano mia moglie.

Fortunato — Chi a vò tenè mente?

Temistocle — Altrimenti invece di morire domani...

Fortunato —Moro stasera, è meglio, che nce campo a fa cchiìi.

Luciano —Mo l’aiuto io a Irene (va da Irene)

Temistocle — Tu si, tu sei il mio caro cugino, e in te ho tutta la fiducia.

Fortunato — Ah! nce lenite fiducia? e allora va bene. [ 44 ]LUCIANO— Fortuna io sto penzanno a Ircnc, va aiuta* mammà.

Fortunato — Pe’ fforza me vuò manna Ila vicino. \] pecchè nun facite quacche cosa vuie pure, invece’e passia, nce state facenno avuta l’uocchie.

Temistocle — Io ho bisogno di moto, perchè debbo mf.

ditare la vendetta.

Camilla — Doie femmene! Doie femmene!

BlASE—Signurì datele nu poco ’e granudimo pure a essa

Fortunato — E si arrivato c’ ’o granudmio? Là nce vularria nu teniello ’e cocozza e vrenna. D. Carni, addurate nu poco.

Camilla — Ah! (sospira) ah! ah!

Biase — Ha iettato 3 suspire.

Fortunato — Chesta uno n’avarria iettà pè chello ch’ha fatto a me,

BlASE—Mo à faccio scetà io (ja il fischio per chiamarci cavalli).

Fortunato — Ma che l’ ’e pigliato pe cavallo?

BlASE — Quanno quacche vota l’è venuto a muglierema io accussì aggio fatto, c’ ’o sisco...

Fortunato — D. Carni come vi sentite?

Camilla —Male, male, (grida) Ah! ’o spinto di D. Fortunato

Fortunato — Meglio, mo m’ha pigliato pe’ muorto.

Luciano —Ma comme te vene ncapa ’e fa piglia paura a mammà.

Fortunato — Io ’a faccio piglià paura? Chella m ha pigliato pe’ nu spinto.

BlASE — Vuie state cumbinato è chesta manera (ride)Fortunato— 0 matmè m’ ’o vuò purtà si o no?

BlASE— 0 stà asciuttanno mogliema ncopp o ffuocoFortunato—E fa priesto, spicciete.

Camilla — Luciano, accostati qui.

Luciano —Mammà io sto ccà, che vulite?

Camilla —Tua madre è stata fra la vita e la mori»?’ ll13 non è morta!. *

Fortunato —(È ca chesta è stata ’a disgrazia ni’*’

Luciano — Mammà nun ’o ddicite ca io piango j0

Elvira — Luciano, vieni vicino a tua sorella, sei i - ^ che mi sia rimasto fedele, gli altri sono vili l’ fami.

Fortunato — Ma io nun ce aggio colpa.

BlASE — Stateve zitto, si no a facite chiagnere n ala

Fortunato — Aggia dà cunto pure ’o guardapor,J’

Luciano — Sora mia nun te piglià collera, tutto s a*-’ll’ [ 45 ]Elvira S acconcia? I aggio visto IO, cu l’uocchie micie a chillu scellerato.

Irene — Lucianiello, cugino mio, tu solo mi resti, non ho più marito, non ho più nessuno.

Temistocle Io non ho più moglie, voi siete morta per me.

Fortunato Elviruccia mia, non m’incolpare a torto.

Elvira — Vattenne, Spergiuro, traditore.

Fortunato Che posizione, e nun le pozzo di ’a verità. Mo vaco a du D. C amilla e le dico tutte cose. D. Carni, voi che siete madre.

Camilla —Madre? madre di ehi? Nun ’a dite più sta parola. Voi non siete degno di divenire mio figlio.

Fortunato — Ma io c aggio fatto dè passa tutte sti guaie?

BlASE— Passateve ’a mano p’ a cuscienza. Doie femmene teniveve nzerrate.

Fortunato — Ah! nun me ne fido cchiù.Tè pigliete chesto (lo piglia a calci) Ah! aggio sfucato!

Irene — Zia Carni, io mi metto sotto ’a prutezione vosta. Io me voglio spartere da Temistocle.

Temistocle — No, io cercherò la divisione, perche siete indegna di essere una moglie.

Elvira — Nè Irè, e tieni anche il coraggio di parlare? Tu sei mia cugina e viene a casa nosta pe t arrubbà ’o nnamnioiato mio.

Irene — Si m’arrubbavo stu bello mobbele chi ’o sape, chi maie l’ha guardato nfaccia?

Elvira — Comma ’o vuò pure negà?

Camilla —Nun se pò negà, nce stanno i fatti che parlano.

Irene (a Fortunato) — E vuie nun risponnite? Chesti iate dicenno ca io songo ’a nnammurata vosta?

Fortunato — A vuie chi ve sape? Io n ata vota ca ve veco sò doie vote.

Temistocle — Questo è quello che dite voi?Ma nun o ddico io.

Elvira — Già pe me t’ ’o può piglià pecchè io lo disprezzo.

Temistocle — Pigliare? e chi se piglia un cadavere.

Irene — Io me pigliavo a isso? Sciù d’a faccia toia.

Fortunato — (A me me piace ’a faccia tosta ’e Luciano, isso sente e se sta zitto, comnie nun fosse mente).

I EMISTOCLE — Avvocato io sono stanco di aspettare.

Fortunato — Se ve ne volete andare mi fate piacere.

Temistocle —Me ne vaco? Me ne vaco? Noi dobbiamo uscire insieme. Vi prevengo però, per vostra norma, che io con la pistola smorzo un lume.

Fortunato —Io lo smorzo con la bocca e me spiccio chiù priesto. [ 46 ]TEMISTOCLE— Per la sciabola è inutile parlarne, lo sono un all ievo di Masaniello.

Fortunato — Cu tutt’’e guaie ca sto passanno me facite ridere. Masaniello è morto da più di 4 secoli come siete stato allievo suo.

Temistocle —Voi sapete di quale Masaniello parlo io.

Io pretendo una riparazione. Lucià piglia gli accordi.

Fortunato — Ah! Luciano ha da piglia gli accordi? Va bene.

Luciano — Eccomi qua, sono pronto.

Fortunato — (Lucia me pare ca putarria ferni stu scherzetto, si no parlo e dico tutto).

Luciano — (Nun nce penzà ca io mo metto subito na pezza a culore).

Fortunato — (Na pezza! ccà nce vò na cuperta).

Luciano — Dimmi francamente, come hai più piacere di batterti?

Fortunato — Ma tu dice ovcro o pazzie?

Luciano — No, io dico seriamente.

Elvira — Mammà che cumpassione me fa chiliu povero D. Fortunato. Puvericllo, penzammo ca se và a battere, me vene a chiagnere.

Camilla — Che Cumpassione. Io ne avrei piacere se avesse na sciabolata nfaccia.

Temistocle — Na sciabolata? E che cosa è questa? Niente. L offesa è grave, ed io allora me cuntento quando lo resto sul terreno.

Elvira — Uh! povero Fortunato.

Camilla — Ecco dove conduce d vizio. Dopo la mala vita, la morte.

Irene — A me me dispiace? Ma Temistocle certo I ucciderà, chisto quanno o ddice ’o ffà.

Fortunato — (Lucià tu e ssiente, chiste me cluagnciio tutte quante pè muorto.)

Luciano — (Nun nce penzà, quanno staio cu me staie sicuro).

Fortunato —(Vuò sapè a verità, a ine nun me cunviene)Masamè io nun me voglio battere.

Temistocle — E avete l’ardire di dirmelo nfaccia.

Fortunato — Seh! mo V o marinavo a scrivere p ll Posta.

S EMISTOCLE— E quali sono le ragioni?

Fortunato — Pecchè io nun ve cunosco, nun v atfP10 fatto niente. Vuie che vulite a me?

Temistocle — Io v’obbligherò ’a farlo dandovi u"k schiaffo. [ 47 ]FORTUNATO lo ve chiavo na mazzata ncapa, ve sciacco, e ve manno ai Pellegrini.

Temistocle — Site nu facchino qualunque.

SCENA ll.

Biase e detti.

Biase — Ccà stà o soprabito.

Fortunato — Si, sò nu facchino, ma io nun pozzo chi agnere e guaie ch’hanno fatto H ate. D. Camilla a chella parte ca me pare na pantera, chell ata che picceja ’a stasera, senza ca io l’aggio fatto niente. D.

Irene che m ha combinato chisto servizio. Voi ca me state affliggendo c o duello. Chist ato piezzo e svergognato che tene na faccia cchiìi tosta isso ca na vreccia.

Camilla — Come, mio figlio? Il figlio di D. Nicola?

Fortunato — 0 figlio dell arma d a mamma e d o paté (a soggetto) ah! nun me ne fido cchiu (via).

Temistocle — Ah 1 s ’è gghiuto a vesti? Dopo lo forzerò a venire con me (ad Irene) Con voi signora e un altro affare, parleremo dopo.

Irene —Aggià parlà io cu te pè chello ca m’ ’e fatto. Te credi ve ca io ero scema?T aggio pigliato ncastagna Me può negà che facive ’o vezzuso cu D. Giulia, la moglie di quel povero disgraziato.

Temistocle — Io non debbo dar conto a voi di queste cose.

Irene — E io manco t’aggia dà cunto a te e stammo pace.

Temistocle —No, voi, si. Io songo omino e vuie tenite a gunnella

Irene — Io sò venuta pe fa a spia a te, e t aggio visto al momento che t’appiccecave col marito di D.Giulia. Me lo puoi negare?

Camilla — E me Putite negà di avermi detto ch’eravate rimasto vedovo.

Irene —Ah! accussì ha ditto, ch’era vedovo? All’ossa toia. Io voglio campà n ati cient’anne.

Temistocle — Tutto questo è vero, ma io voglio sapè come stiveve chiusa dint a casa dell’avocato? A eh iave chi v’ha data?

Irene — Me l’ha data?

Luciano — Irè, statte zitta, si no pass io ’o guaio. [ 48 ]SCENA III.

Flaviano, Giulia e detti.

Flaviano — Signori buonanotte, scusate si ve vengo secca insieme a mia moglie.

Irene — Ah! eccola ccà D. Giulia, essa te pò dì, si io aggio ragione o tuorto.

Giulia — Oh! amica mia, in che momento strano nce simme cunusciute.

Irene — lo che faceva ’a spia a mio marito, e isso che ve faceva ’a corte.

Giulia — E che corte. Ma io me ne ridevo, perchè il vero scopo che io ero venuta a questa festa era di far pace col mio caro marito.

Flaviano —E ci sei riuscita.

Irene — Comme sò curiuse l’uommene, appena vedono na femmena sola, perdono a capa.

Giulia — Ma pò restano cu tanto nu naso (ridono).

Camilla —Elvirù pecche chiagne?

Elvira —Mammà lasciatemi stà.

Luciano — Sarria meglio si nce ne iessemo a casa.

Camilla —Ma ’a carrozza nce vene a piglia molto tardi

Luciano —Mo manno a piglia nu paro e carruzzelle e nce ne jammo.

Elvira — Si me ne voglio ì. Nun ce voglio sta cchiù. Penzanno ca chesta aveva essere ’a casa mia e di f °r’ tunato, e mò?

Camilla — Ecco, ecco che cosa sono gli uomini.

Flaviano — Cioè gli altri, perchè io non sono uomo. c mia moglie lo sà.

Luciano — Come non siete uomo?

Flaviano — Non sono uomo di fare queste cose. VogK’ bene la mia Giulia e nessuna più.

Camilla — Lucià fa chiammà subito sti carruzzelle*

Luciano — Biase? Biase?

SCENA IV.

Biase e detti.

BlASE—(dalla camera di Fortunato) Cummann*1*1 I

Luciano —Fa veni doie carrozzelle perchè le vogliono andà a casa.

Biase —Mo subeto ve servo. D. Fortunato ino vene i1 [ 49 ]fLAVlANO Ah! bravo, D. Fortunato sta dentro, Deve parlare nu poco cu me.

Temistocle — Signore, l’avvocato è impegnato prima con me.

Flaviano — Sapete io cu vuie nun nce voglio parlà.

Temistocle — Se vi siete offeso io so pronto a darvi soddisf azione.

Flaviano — Io non la voglio la soddisfazione.

Temistocle —Allora siete contento?

Flaviano — Uh! contentone pecchè ho fatto pace con mia moglie.

SCENA V.

Fortunato e detti.

Fortunato —Ccà sè aumentata a truppa. È venuto pure chisto d ’ ’e sanguette.

Flaviano —Signor avvocato delle mie ciabatte.

Fortunato —Badate come parlate.

Flaviano — Se io mi sono abbassato di venire in casa vostra è stato per chiedervi conto di un fatto che nu ha detto mia moglie qui presente.

Fortunato — Chesta ccà e ’a mugliera vosta?

Flaviano — Avete visto come siete rimasto di stucco

Fortunato — Vuie ’e inutile ca facite ’o gallo, io a vostra moglie nun a cunosco, mò a veco p a primma vota.

Flaviano — Giuliè, parla tu. Questo nun t ha visto mmiezz ’e. scale?

Giulia — Si, m’ha cellecata.

Flaviano — L’avite cellecata.

Fortunato —* Io ve faccio pazze a tutt’e dduie.

SCENA VI.

Biase indi Callisto t detti.

Biase — D. Fortunà, ccà nce stà nu Signore cha va truvanno a vuie nun m ’a saputo dicere o nomme.

Fortunato —Fallo trasl, sarrà quacc’auto ca ’o cielo me mena.

Biase — Signò trasite. Fosse chillu signore là?

Callisto — Per l’appunto, è lui (Biase via).

Fortunato — Uh! ’o maggiore... n’atu guaio. [ 50 ]CALLISTO — Prego questo signore, di cui non so il norp di presentarmi.

Fortunato — Io nun saccio manco a vuie, e stamme pace

Callisto — Ma io vi ho detto il mio nome.

Fortunato — E io nun m’arricordo cchiù.

Callisto — Ebbene mi presento io stesso. Ciberna Callisto maggiore in riserva. Io sono venuto qui a quest’ora perchè questo signore,che nun m ha ditto ancora ’o nomme suoio, sè permesso e cellecà mia moglie in mezzo alle scale.

Flaviano — Ed anche a mia moglie 1 ha cellecata.

Camilla — Abbiamo 2 mogli cellecate, e due nascoste.

Fortunato — Doie c alice e doie c’ a pummarola.

Callisto — Signore, di cui non so il nome...

Fortunato — Vuie site n’afflizione cu stu nomme. lo sono lavvocato Caramella.

Callisto —’Signor avvocato Caramella. Io non lio potuto farvi niente pecchè stevo cu Chiarina, ma mo che l’aggio pusata ’a casa sono venuto a mantenervi la promessa.

Fortunato — Quale promessa?

Callisto — Ricordatevi ca io ve dicette, che appena sarei stato richiamato, ve passavo ’o core da parte a parte.

Fortunato — Va bene quanno è tanno se ne parla.

Callisto —Ci siamo, è venuto il momento, perchè andando a casa ho trovato una lettera del Ministero che mi richiama in servizio attivo (lazzi avete letto bene).

Temistocle — Prego, il signore è.impegnato prima con me dopo di me ve lo potrò cedere.

Flaviano — E poi dopo di voi, passate a me.

Fortunato —Ma che sò nu giornale?

Callisto —Signori sbrighiamoci perchè Chiarina m aspetta a casa.

Temistocle — Deve prima venire con me. |

Callisto — Io sono un militare, debbo raggiungete 1 corpo non posso aspetta a voi.

Temistocle — Ma sapete che questo buffone ha certa1 di sedurre mia moglie?

Flaviano —Ha cellecato a mia moglie. n,

Callisto — Signori, bisogna punire questo Dda trivio. Egli si deve battere con tutti «* lreFlaviano — No, io mi ritiro

I EMISTOCLE — Ma io nun me pozzo ntirà.

Callisto — E io nemmeno. [ 51 ]LUCIANO — Oh! basta signori, fra tutti nce sto pur’io, che sò ò pri ni mo. Costui ha insultata mia madre, e ha tradito mia sorella, che nce aspetto.

Fortunato — Ma questo e d colmo della svergognatezza.

Camilla — È il sangue di D. Nicola che si è risvegliato.

Luciano — Allora faremo un duello all ultimo sangue.

Fortunato — (Guè io mo metto nterra, pecche nun ne pozzo cchiù).

Luciano — (Statte zitto, chesta è à pezza a culore).

Fortunato — (Ah! va bene) Si, si, un duello, all ultimo sangue o io accido a te, o tu accide a me.

Luciano —Alla pistola a venti passi.

Fortunato — Pure a 15 (u 7 lazzi).

Luciano —Temistocle ed il maggiore sono i miei testimoni, scegli i tuoi.

Fortunato —Uno è o sangucttaro.

Flaviano — A me? E che site pazzo, e chi ha visto maie ’o sangue.

Luciano —E l’altro?

Fortunato —Biase ’o guardaporta

Callisto — lo sono un maggiore, non posso stare a D fronte cu nu guardaporta.

Iljl FORTUNATO— Io ’o guardaporta tengo, si v’’o \ uhte piglia, v’ ’o pigliate.

I TEMISTOCL E — Siete pronti?

Elvira — No, non è possibile. Nu duello fra Luciano e

Fortunato. Uno m’è frate, n ato mi ha da essere marito. No. nun’ ’o ffacite si no moro appriesso a vuie.

Camilla — Elvì, lasciali andare, perchè so sicura chea

Luciano nun le succede niente.

Elvira — E si Fortunato mio muresse.

Camilla — E che fa? £ morto D. Nicola.

Fortunato — D. Carni chillo teneva 90 anne era nu passabrodo.

Luciano — Ma nun perdimmo cchiù tiempo.

Elvira — Ah!! nun ve muvite, si no io me jetto d a fenesta.

Fortunato — Ca nuie pazziammo.

/1 Temistocle—Pazziate?

Calisto — Con un militare nun se pazzeia.

/( Luciano—Dice isso che pazziammo, perchè vuol dire che per lui il duello è na pazzia. E difatti poi, cosi è(scgni).

Elvira — Almeno primma ca ve ne iate, facitemr di n* parola a fraterno. (Lucia io nun ce vcco chiaro, giurami ca tu non farai niente a Fortunato).

Luciano (Livi, nuie veramente pazziammo, pecche [ 52 ]tutto stu mbruoglio ’e venuto pe’ mo - A chia\ nce Saggio data io a Irene, po le fa fa ’a spia ’o mar,^

Fortunato nun no sapo niente).

Et.VIRA — (Chosto va bene. Ma isso pecchè ha ctll0Ciìt a tutte quante).

Luciano —(Pecchè ieva truvanno a chiava soia pe’ dint ’e rine d e ffigliole).

Elvira — (E a tenevo io).

Luciano — (Chillo nun ’o ssapeva).

Elvira — (E mò cornine faie?)

Luciano — (E chi ’o ssape. ’o ciclo ni a manna bhona).

Elvira — (Mò cumbino io) (forte) Di Temistocle una preghiera. Sapite chi ha chiusa Irene dint a a sta casa?)

Temistocle — (Don Fortuna si sà).

Elvira — No, sono stata io. per farle assicurare che voi andavate alla festa da ballo,

Temistocle —Quindi Irene ’c nuocente?

Elvira — Perfettamente.

Temistocle —E D. Fortunato?

Elvira — Non c’entra per niente.

Temistocle — E io l’aggio ditto tutte chello mmaleparolc!

Elvira —Cercatele scusa, me pare ca è giusto ’

Temistocle —Ma sicuro, (va da Fortunato—lazzi) Avvocato mio.

Fortunato — Nun nie tuccate ca chiammo ’e guardie

Temistocle — Vi voglia cerca scusa. Io ho saputo tutto

Fortunato — Viate a vuie, io nun saccio niente.

I EMISTOCI E — Lo so che voi non lo potete sapere, in* sono contento io e basta.

Cai ISTO — Ma io non sono contento niente affatto.

Luciano — Signor maggiore una preghiera. (Vostra moglie vi tradisce con uno studente, e por farvi uscii1ha inventato stu fatto d a collocata. Ma nun ce >tJ niente).

Calisto — Dite davvero?

Luciano — Verissimo.

CALISTO — Ma allora passerò a lui il cuore da p<*fU parte (via).

Fortunato — (Lucià che l’ ’e ditto ca se n’ò fuiuto) Luci ANO — (È stata na pozza a cui ore).

Elvira — Fortunà tu me vuò sempe bene? ()

Fortunato — Sempe, sempe, bellezza mia (/

Camilla — E voi ardite doppo chello c avite la**1 Io non lo voglio piu per mo genero.

Fortunato —(Lucià na pezza.,.) iJifl*0’

Luciano — (Mammà a Irene l’aggio chiusa io,l [ 53 ]Si nun o perdunate cbiUo dice tutte cose, p io mi debbo battere con Semistocta)CAMILLA—(Ab! birbantiello, birbantiello, chesto nun se fa) Vi ocrdono, abbasta che spusate e ve ne iate a dint a casa mia.

Fortunato — Si, è proprio chello che gghievo truvanno, pecche voglio sta lontano da voi, da o bs<li è D. Nicola, da o sanguettaro, da Masaniello, lontano da

Tutti.

Flaviano — Da tutti?

Fortunato — Si, da tutti.

Flaviano — Ancbe da questi Signori (indica il pubblico).

Fortunato — No, da questi signori mai lontano, sempre vicino, sempre vicino...

FIN E DELLA COMMEDIA [ 54 ] [ 55 ]