'E Tre guappe ammartenate

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
[ 1 ]

’E

Tre guappe ammartenate

CON

PULCINELLA

Brillantissima Commedia in 1 atto


PERSONAGGI

Il Generale Stockmann
Pulcinella (suo servo)
Ninetta (giardiniera)
Sciarappo Serra-Serra
Sfratta-Campagne
Spezza-Colonne

La scena ha luogo in un paesello di campagna, nelle vicinanze di Napoli



NAPOLI

Tommaso Pironti, editore

Piazza Cavour 70

1909

[ 2 ]


ATTO UNICO

Camera nobile con poltrone, tavolino, candelieri e sedie

SCENA I.

il Generale Stockmann inOì Pulcinella

Gen. E Pulcinella non si vede ancora! Sono circa due ore che l’ho mandato a vedere se i briganti che infestano queste campagne si aggirano tuttora intorno al mio castello, e quell’animale non è più tornato! Intanto io mi veggo costretto ad accrescere il numero dei miei guardiani, per infliggere a questi arditi malviventi tale una lezione da far rimanere storico il nome del Generale Stockmann.

Pul. (d.d.) Nun mena, sino te uiengo’a capa appriesso, grannissemo mariunciello.

Gen. Se non erro, mi pare di udire la sua voce.

Pul. (e. s.) Che d’è, mo nun mine cchiù?.. Ah, aggio capito, te si puosto appaura ca te vuleva mena ’a capa appriesso...

Oen. Ma con chi diavolo si sta contrastando?

Pul. (fuori) Ora vedite si a n’ommo cumm’ ’a mine un» s’hanno ’a fa vede ’e ccose c‘ a prova.

Oen. Ma cosa ti é successo? Perchè cosi adirato?

Pul. E sicuro c’aggia sta stirato pe ehello ca m’è succieso.

Gen. Ma con chi ti altercasti? (lazzi)

Pul. Cu nu mariunciello. Gen. E come fu?

Pul. Mo ve conto. Avita sapé ca io so ghiuto da l’oste nemico cumm’avite ditto vuie, e valevo vede tutte’e ccose c’ a prova... Neh. chi! 1 u puorco scrianzato nun appena ha ntiso chesto, ha pigliato ’a varra e m’ha secutato.

Gen. L’Oste!.. E come mai questo?

Pul. Mo ve conto, lo so’ n’ommo. si patrò, ca quanno vece roste me vene nu curaggio peggio ’e nu lioue: e ine nfumo ’e na manera tale ca m’ ’o magnarria sano sano.

Gen. Come si vede sei molto coraggioso?

Pul. E a chi nun vene o coraggio vedenno l’Oste?

Oen. Bravo! E proprio dei prodi cosi...

Pul. Già. E io siilo vedennolo ine nfumaie’e na ninnerà tale... tanto cebiu ca >la tre ghiuorne...

Gen. Non avevi combattuto? [ 3 ]Pul. (Chisto che cancaro dice?) Già, già, combattuto. Isso non appena m’ha visto, m’ha fatto tanta cerimonie...

Gen. L’Oste a te?

Pul. Gnorsi, l’Oste, l’Oste. E accussi io subeto l’aggio ditto ca vuie m’aviveve ditto ’e vedé tutte cose c’ a prova.

Gen. E le vedesti? Pul. Tanto bello.

Gen. Ed egli te le fece vedere?

Pul. Se capisce. E po’ me l’aveva fa vede afforza pecche se trattava ’e Tutele suio.

Gen. Del suo utile? Io per me non capisco. Ma che cosa vedesti?

Pul. Accummenciaie a vedè apprimma d’’a caudara d’’e...

Gen. Caldaia!.. ah, si, si, la caldaia dei bitumi torse!

Pul. Nonsignore,non erano buttuue, erano scule e magna

Gen. Scule e magna! (Io perdo lo lesta) Beh. e che facesti?..

Pul. Per ubbidirvi facette ’a prova cu nu piattiello ** tre rotola.

Gen■ Tu che diamine affastelli! E poi?

Pul. E poi passaie a fa’ ’a prova d’ ’0 tiano.

Gen. Tegame! Ah, si, comprendo! Il tegame delln pece a pallottole.

Pul. Siente, ca erano pallottole nun t’ v. nego, ma però chelle erano chiene e...

Gen. Piene di pece?

Pul. Tu qua pece, chelle erano composte di carnem, passis; pignolis, cetronatus, pepus et salus. e sechiammaveno polpettus.

Gen. Polpette!

Gen- Già, già polpette, ca sulamente p’ e pruvà me n’aggio magnato 17 accumpagnannole cu quatto puniello ’e pane ’e munizione.

Gen. (Costui mi fa uscir matto /) E poi?

Pili. Po’ so’ passato a bedè ’a ratiglia.

Gen. Quella dove si tormentano i condannati a morte?

Pnl. Sissignore, erano cundannate a morte.

Gen. E dunque...

Pul. Però erano state accise primma e po’ arrustute.

Gen. Oh quale crudeltà!

Pul. Tu qua crudeltà. Chille erano na bellezza a mangiarle. [ 4 ]<ìen. Ma che sei forse antropofago che mangi carne umaua?

Pul. (Je t nun c’entra l’ astrologo pecché chille erano cìerte pullaste gruosse e grasse ca pe’ pruvà appena appena me n’aggio mangiato dudece.

Gen. Ma tu vaneggi? Io non capisco un epiteto.

Pul. (’A faccia ’e zieta! Vih che puorco)

Gen. E TOste?

Pul. E l’Oste vedeuuome accussi accrianzato, c’aveva pruvato a malappena ogne cosa e me ne vulev’ j’, ha afferrato ’a varra e m’ a vuleva mena appriesso.

Gen. Ma tu fosti dall’Oste?

Phi. Sissignore, e propriamente da chillo che sta dint’ ’o Castiello.

Gen. Come, come! L’Oste é già nel mio Castello?

Pul. E ch’é cosa nova? Chillo nce sta *a sett’anne.

Gen. (Povero me! Costui ha inteso diversamentej Ma tu di qual Oste parli?

Pul. I>"o Tavernaro.

• Gen. Del malanno che’ti colga, sciocco, inetto, imbecille, poltrone! Io ti dissi di andare a vedere se roste nemico ci tendesse qualche insidia, e ritornare da me con la prova...

Pul. E cchiù nemico d’’o tavernaro addò ’o truove? e spinalmente quanno tiene appetito e staie senza rìenare...

Gen. Ed è proprio per pietà se non ti butto dal balcone abbasso...

Pul. E non ve ncummodate, ca io mo me ne scengo p "a scalinata (per andarsene).

Gen. Resta qua. Io entro per poco nelle mie stanze, se viene qualcuno a cercarmi, tu tienimi tosto avvisato.

Pul. Comme, neh, signò, me stravesate?

Gen. Avvisato, avvertito, bestia. Hai capito?

Pul. Avvisato, gnorsi, aggio caputo (va trova chi sarrà mo st’avvisato,) (lazzi).

Gen. Sempre sciocco, sempre inetto, sempremelenso(tw

Pili. Comme! Sfelenza a mme! Io mo a chillo che risposta l’aveva dà? Nce vo pacienza! Ma che veco, »» bella pacchianella vene ’a chesta parte, e chi sarra» Forse quaccuna c’avarrà ntiso ’addore d’ ’a bellezza jnia e m’é venuta a truvà. [ 5 ]SCENA III. Ninetta, e detto.

Nin. Buou giorno, bello giò.

Pul. Buongiorno, nennella.

Nin. Nennella’. L’h, bello giovene mio cumtne si proprio pastenaca.

Pul. Meno male ca m’ ’o dice nfaccia!

Nìn. Io sò vedova ’e duje rnarite, e tn me chiamine nennella.

Pul. Agge pacienza. Ma siccome la tua circonferenza aveva ancora una certa suscettibilità, cosi io aveva pensato di formare un innesto di fecato fritto e baccalà...

Nìn. Bene mio, e comme si turzo, neh!...

Pul. Oiné, si non sbaglie tu me staie cuntanno tutt’ ’o rusario d’ ’e mmaleparole

Nin. lamino, chiammame nu mumento ’o patrone tuio ca l’aggia fa na mmasciata ’e premura.

Pul. E tu te vuò arresecà ’e par là cu nu guappo ca sulo guardannolo te fa veni ’e dulure ncuorpo?...

Nin. A chi? a ine! Ma tu nun saie c’ ’o primmo marito mio se chiammava Ciccio Rafaniello e pe soprannome ’o chiammavene l)ou Terribilio, pecche chillo nun s’appiccecava cu ’e mmane ma c’ ’a voce; e non appena deva u’allucco, vedive ’e fui..

Pul. ’E 1 lacerte?

Nin. No, vedive ’e fui...

Pul. ’E scarrafune?

Nin. Tu che dice! Vedive ’e fui ’e cummettive. Eh! uommene cumme a chille poco nce ne stanno...

Pul. Neh, ma pe ssapè tu che si benuto a ffa ccà?..

Nin. Io veramente nun t’’o vurrìa dicere, ma che saccio, tiene ’na certa grazia...

Pul. ’O bbi, l’aggio ditto io c’ aveva ntiso ’addore ■... V. che buò dicere cu chesto?...

Nin. Ma io aggio fatto vuto ’e rummanè vedova...

Pul. E io pure aggio fatto vuto ’e rummanè zetiello...

. • • « ■« * -M M • A • i

pozzo

cchiù chilli bellizze? No nasillo accussi prufilato, n’uocchio accussi mariuolo, na vucchella. c.i me pareva oh car#fano schiavone, na presenza’e Generale [ 6 ]na grazia, nu surriso... Ah! bene mio ca quanto no penzo me venene ’e llacreme a ll’uocchie... (piange)

Pul. (piangendo) Oh, oh... e comme, io... tu, oh, oh!..

Nin. Neh, bello giò, tu pecche chiagne?

Pul. Pe te fa cumpagnia.

Nin. Ma di ’a verità nun te siente ’e squartà’o core?

Pul. Comme tu che dice? Io sulo penzanuolo sento ca

’o fecato ha dato na scoppola ’a curatella, e l’ha fatta sbattere nfaccia ’o campanaro... Nzomma, tu he fatto vuto ’e nun mmaretarte cchiù?...

Nin. Ma te pare!..

Pul. E quanu’è chesto nun te mettere a parlà cu ll’uom» mene, sino po’ essere c’ ’o vuto se rompe ’e ggamme.

Nin. Nun avè appaura ca nun ce sta stu pericolo. Neh, a proposeto, tu si nzurato?

Pul. A chi? Io aggio fatto vuto ’e zetellanza.

Nin. E bravo! Sempe accussi, sà!...

Pul. Cumme te pare? Faccio buono?

Nìn. Benissimo! Tenarraje certamente a mmamiueta.

Pul. Sicuro.

Nin. E giovane? quant’ anne tene?

Pul. Quiunece anne.

Nin. Quinuece anne! E tu quant’ anne tiene?

Pul. Vintotto.

Niu. E mammeta ne tene quinnece! E cumrn’ è pus* sibile?

Pul. Mo te dich’io. Mammema se mmaretaie quanno teneva 26 anne e fìgliaie a paterno che teneva 3 anne e 7 mise. Pò ascette prena n’ata vota e facette a Vavene. Vavone facette a me e io fìgliaie a manunenia.

Nin. Uh, cumme si curiuso! Vavone facette a mine, io fìgliaie a paterno... Ah, ah, ah, eppure chist’uommene pazziarielle songo overameute ’a passione mia...

Pul. Tu overamente dice?.., Ma tu he fatto vuto e...

Nin. ’E vedovanza, io ve l’aggio ditto...

Pul. E io ’e zitellanza, me pare ca me sò spiegato apprimmo...

Nin. Non he fatto maie ammore, è ovè?

Pul. Uh, tu che vaie dicenno? Me faie piglià scuorno

Nin. Iammo, meh, dimmello...

Pul. Niné, vattenne. Io pò faceva sti ccose. Io nun ag’ gio maie guardato nfaccia a na femmena.

Nin. A una no-, ma a mille sì.,

Pul. E po chi vulive c’avesse tenuto mente a me ■ [ 7 ]nce vo tengo na faccia ca ine pare na mulignanella, no naso ca me pare nu puparuolo’e parula, na vocc.a larga larga, na capa ca chiacchiarea essa sola... Non tengo certamente na prospettiva cumui* ’a tiene tu, e che io guardannote sulamente già mi sento leso il gabinetto letterario. Io già mi sento schiavo della tua convalescenza, ed il mio termometro é giunto all’ultimo grado della zona torrida.

Nin. Ah, mariunciello, mariunciello!

Pm/. Ah bricconcella, bricconeria!

Nin. Tu si lino assaie...

Pul. E tu si bastantemente traseticcia.

Nin. Tu si maleziuso.

Pi</. E tu chiano chiano accuoste ’a palla nfacci’ ’o mieroo.

Nin. Ah, ca no marito curam’ a tte, sarria na gioia!

Pul. Na mugliera cumm’a tte, sarria na caramella p’ ’* tosse.

Nin. Aggraziato! (abbracciandolo).

Pul. Simpaticona! (e. s.)

Nin. Uh, e i’ aggio fatt’o vuto ’e vedovanza.

Pm/. E io aggio fatto vuto ’e zetellanza.

Nin. Ah, scuostete scuò, ca facimmo pimmece (allunitinandolo)

Pul. Arrassete arra, ca sguigliano ’e maruzze... (c. s’)

SCENA IV.

Il Generale e detti.

Gen. Ebbene, cosa si fa qui?

Pul. (E’ venuto sconceca juoco!)

Nin. Signò, ve vaso ’a mano.

Gen. Buon giorno, Ninetta. Che ti occorre!

Nin. Signore mio, i’ so’ venuto a consulta Vostr Eccelcellenza pe n’affare che me riguarda. Cumme sapite

io so’ vedova ’e duje marite salute a buie, e l’urbe* mo ch’era ciardeniero ’e Vostr’ Eccellenza marette affucato cu na brasciola ’ncanna.

Pul. Meno male, murette cu tutt’ ’o sfizio sui©.

Gen. Zitto tu. Ebbene? (a Nin.)

Nin. Embé mo me so’ asciute tre partite.

Gen. Tre!

Pt^. Scusate si é poco...

Gen. E tu avresti piacere [ 8 ]Nin. ’E ramaretarine n’ata vota, pecche vuie sapit? ca u’ommo int’ ’a casa sempe ce vo, e io so* sola...

Vvl. Neh, Niné, e ’o vuto ’e vedovanza?

Nin. Dice no gran poeta: cagnano’e salece... neh sigoò, cnmme se dice?

Gen. Il gran Metast&sio dice; « Cangiano i savii a seconda dei casi i loro pensieri >. Dunque v

Nin. Sti nnammurate mieje so tutte ’e tre spacca muntagne, ma ’e na manera tutta nova. A bon’ anetna ’e maritemo era guappo, e io pure a nu guappo me vurria spusà, ma nun saccio si chisti lloco songo overamente tale, pecchè me pareno tre sbruffane che parlano sempe e non oonchiudouo maie. ’Nzomma io vurria che Vostr’ Eccellenza eh’è guappo ’e nomme e ’o fatto, ’e mettesse a prova, e me sapesse a di a

• chi e tutt’ ’é tre in’ aggia spusà.

Geii. Bravo! mi hai addossato un impegno che con tutto il cuore sarà da me disimpegnato. Fa in modo che vengano alla mia presenza, senza però che l’uno sappia (’ella venuta dell’ altro, ed io poi mediante un mio stratagemma cercherò d’esperimentare la loro bravura.

Nin. Uno stà già abbascio ’o purtone e aspetta l’ordine vuosto pe sagli.

P ut. Neh, Ni nè, è venuto cu ttico? Nin. Sicuro.

Vul. E ’0 vuto ch’avive fatto?

Nin. ISmbè t’ hè scurdato ’o ditto e Metrastateco < Cagliano ’e salice, secuuno ’o ccaso e ’e pesielle. »

Cken. Va. dunque, Ninetta: e mandalo qui.

Nin. Sentite, siguò, si overarnente cumme aggio ponzato .so’ tre spaccapallune, ’e voglio dà tanta pacchere e tanta cauce ca l’aggia fà rummanè carreche ’e maraviglia, e po’... fui. E po’ ’e mannarraie a ffà squartà e ti applicherai a questo guappo economico. (mostrando sé stesso)

Nin. Uh! e ’o vuto c’avive fatto?

Vul. Dice Mitastrateco: « Cagnano ’e fave sicoudo ’e pesielle e ’o caso cuotto. >

Nin. Ah briccunciello, briccunciello!

Piti. Ah mariuncella, mariuncella t (abbro.cciandohi)

Gen. Ebbene?..

Pul. Scusate, Generà, m’era scurdato ’e vuie.

Gen. Dunque, Ninetta, non perder più tempo; va via, e conduci qua i tuoi pretendenti.

Nin. Mo vaco e ve servo, (via) [ 9 ]Gen. Questa si che sarà una bell’avventura per tanni ridere un poco. Li metterò alla prova; e se realmente hanno un discreto coraggio io li terrò in mia casa in qualità di guardiani e specialmente ora che ne ho urgente bisogno, se poi peccheranno di balordaggine, saranno subito scacciati da questa casa e perderanno l’innammorata..

Pul. Siguò, sento rummore.. Uh! Chisto sarrà ’o primnio guappo.

<ien. Oh che figura grottesca!..

SCENA V.

Sciarappo e detti.

Scia. Nuje abbiassemo l’onore è salutare a Vostr’ Eccellenza. Nuje siassemo venute, pecche abbiassimo saputo, ca ccà ncestiassino a cchiorma ’e malandrine e vuje jasseve cercanno gente ca ve guardiassino e spalle, e po’ pecchè noi abbiassimo il piacer? di sposarci a quella vedovella che dice dipendiasse da l’ordine e Vostr’Eccellenza. Signore, in brevi termini, nuie siassimo un guappo mordi conosciuto, per cui, per conseguenza, vuie cu nimico dint’ ’a casa vesta, nun avarrate appaura nemmeno ’e n’esercito armato e curazzato..

Gen. Bravo, accetto l’offerta, e se voi...

Scia. Vuie nun sapite ancora che specie’e guappo sough’io. Io quanno esco mmiez’ ’a strada a matina c’ ’o cappiello a viutitre ora e meza, e c’ ’o mustacciello ngrifato, tutte quante diceno: ’o villoco, ’o vi mo passa Sciarappa Serra Serra ’o figlio ’e Pieto Pieto. Basta dirve ca sulo na guardata d’ ’e meje ve fa trentmà tutt’ ’o quartiere...

Gen. Oh, vi credo, ma...

Scia. Si po’ pe ppoco caccio sulamente na puntella...

Gen. Come, come?

Scia. Si caccio ’a puntella d’ ’o cortelluccio... Uh. signore mio e che vediassive: io ’e stenno a duzzine ’e muorte pe’ terra, non ce sta nisciun’ommo ca me fa fronte, nisciuna forza ca me mantene... Basta, ve voglio cuntà nu piccolo fatticiello (.4 soggetto) L’altro giorno io stavo fermato vicino al Teatro Par[ 10 ]tenope a guardare i cartelloni, quando una chiorma di scugnizzi passando al mio fianco mi urtarono un poco. Non l’avessero maje fatto. ’E chiammaje nu mumento, Moro cercarono di fuggire, ma io li rincorsi, e avette il piacere di averne uno dint’ ’e minane: ebbene, io l’acchiappaie per la ponta del nasillo e, con un solo sbalzo, lo sbalanzaie sopra un albero di pigne; e fu tale la sbalanzatura che l’albero se sfuuuaie, e accedette a na famiglia sana sana di quat tordici perzone che in quel momento si trovavano a passa pe’ sott’a l’arbero.

(ieri, (quante sciocchezze 1) oh, lo credo lo credo. Intanto lasciate adesso che io parli, e ponete freno alle vostre parole. Fate che io assista a qualche vostro eroico fatto, e se avete il coraggio che dite, non solo vi terrò al mio servizio e vi farò sposare Ninetta, ma vi darò ancora il danaro per la dote. Dunque alla prova.

Scia. ’A me na prova? E che prova vulite ca cu nu caucio ve niengo sta casa nterra?

Gen. No, no, ecco ciò che voglio. Dovete sapere che essendo morto in questo giorno un mio domestico, ho fatto mettere il suo cadavere in una camera terrena per farlo sotterrare domani mattina. Io dunque desidero che voi questa notte restiate a guardare il morto, e mi basterà questa semplice prova per giudicare del vostro coraggio. Che rispondete?

Scia. E c’aggia risponnere? Me dispiace ch’é na cosa ’e niente. I’ m’aspettava na cosa cchiù grossa. Sissignore io vaco a guardà ’o muorto e pure mille diavole si accorre. Però, voglio ’a vuie nu piacere sulo.

Gen. E sarebbe?

Scia. ’E darme nu paro ’e butteglie ’e vino buono.

Gen. Tutto quello che volete. Dunque il vostro nome?

Scia. Sciarappa Serra-Serra.

Gen. Ah, pecchesto vaie truvanno ’o sciarappo?

Scia. Abbasta ca v’arricurdate d’ ’o figlio’e Pieto Pieto.

Gen, Dunque, ci siamo intesi? Da qui ad un’ altr’ ora vi dovete trovare nella sala dell’estinto.

Scia. Va benissimo, siamo intesi. Io mi ritiro e ’a ccà n’at’ora sarraggio a guardà ’o muorto. Baciassimo le mani a Vostra Signoria, (via caricatamente)

Put. Sigoò chist’è nu chiacchiaroue.

Gen. Me ne sono accorto, Intanto, Pulcinella... [ 11 ]Pul. Cumannate.

Gen. Prendi questa letterale unita al canario che sta nella mia camera, devi farli capitare nelle mani del mio amico che abita poco lungi da qui. Hai capito? O glie li porti tu o glie li mandi.

Pul. Va bene. Mo vaco e ve servo. Uh. si patrò, sta venenuo n’ato guappo.

Gen. Va a fare il tuo dovere.

Pul. Mo vaco e faccio tutto, (ria)

Gen. (guardando v. d.) Questa figura ini capacita.

SCENA VI.

Sfratta Campagna e detto.

S/rat. Salutammo assignuria. lo vengo da parte ’e Ninetta ’a ciardenera, pe parla cu Vostr’Eceellenza e conchiudere ipso facto il matrimonio. Essa m’ha fatto a capì ca vo nu guappo pe marito, e io ho l’onore di farvi sapere ca nu guappo comm’a mine nun se trova manco sotto ’a cemmenera d’ ’o «ole. Io sulamente cu nu sciuscio votto pe 1’ aria dudece o tridece perzune, e po’ tengo duie purmune ’mpietto ca si dongo sulamente n’allucco, faccio muri ’e paura a na cinquantina ’e perzune. E basta dirve ca na vota p’avè fatto nu sternuto, na femmena prena ‘e poche mise, ca se truvava affianco a mme, fìgliaie primma d’ ’o tiempo e n’ata figliola ca l’accunipagnava avetta correre ’e pressa a pigliarse na misturella tanto d’ ’a paura ca se mettette. Signò, nun ce penzate, ca stann’ io dint’ ’a casa vosta, v’assicuro ca nun ve guardarrà stuort© nisciuna perzona.

Gen. Accetto di buon cuore i vostri servigi, ma bramerei una piccola pruova del vostro coraggio,

Sfrat. Parlate, che vulite? qua prova? jate dicenno, chiacchiariate, cuntate; vulite ca v’accidoa na trentina ’e perzune e po’ v’ ’è ’nfilo dint’o spito a uno a uno.

Gen. No, no, non voglio tutto questo. Bramo una cosa semplicissima. I>a qui a pochi momeuti dovete calare in una mia stanza terrena, colà troverete apparecchiata una tavola con un gran lenzuolo, vi avvolgerete in esso e vi stenderete sulla tavola fingendo d’essere morto, e ciò servirà per esperimentare il coraggio di un vostro rivale che dovrà guardarvi tutta la notte— [ 12 ]però voi non dovete muovervi, dovete restar fermo come se realmente foste morto. x/’rat. Non dubitate, signò, ca io nun ine movo manco si vene nu battaglione ’e surdate a cavallo.

<*en. Dunque andate da quella parte in quella stanza e attendetemi un momento.

•S’/rat Ve servo vulanno... Servo ’e vostra Signoria’- (via) (ien. In questo modo conoscerò il coraggio di entrambi. Ma chi mai s’avanza? Forse sarà il terzo pretendente.

SCENA VII.

Spezza-colonna e detto.

.Spez. Me levo ’o cappiello, faccio n’ inchino e vaso ’a mano ad un sì nobile generale a cui io vengo ad offrire il mio braccio forte e potente. Avite ’a sapè ca pe mena prete non c’ é chi m’appassa, pecchè tanta prete meugo. tanta chiuove ’nchiovo nfacci’ ’o muro. Io si tengo mente a na cummettiva ’e giuvinotte ’annurate "e ft’accio veni ’a freva scarlatina. e quanno sputo a mano manca metto a rummore miezo munno, e si a uiente a niente faccio nu poco ’a campana quanno cammino vene ’a distruzione d’’o genere umano, chi fuie ’a ccà. chi tuie ’a Uà, chi s’ arrepara int’ a nu palazzo, chi si raunicchiola int’a nu spicolo’e muro, ecc. ecc. Figuratfcve ca na vota na rocchia’e mariuncielle atturniajeno ’a carrozza ’e nu signore e ’ovulevano scannà, embè bastaie sulo ’a presenza mia pe’ là pusà l’arme; però uno ’e llorome vulette fa’ ’o smaniuso e io cu nu dito ’o vutaie tuorno tuorno e ’o facette fà ’o irerro zerro pe n’ ora e meza. N’ ata vota po’ ca me facette sfui ’a cumbinazione ’e vuttà a nu cammurrista ncopp’ ’a lanterna ’o Muoio, p’ ’a bile vuttaie cu quatto [ionie nu palazzo ’e casa ’nterra, (i&n. Cospetto! Avete dunqne molta forza e molto coraggio?

Spez. Cheste (>e me so ccose semplicissime.

Gen. Bravo! Eppure io vorrei provare il vostro coraggio in una cosa molto più semplice.

Spez. Dicite che vulite ca ve faccio, eh’ io subeto ve servo.

Gen. lo, per esperimentare il coraggio d’un vostro collega, l’ho mandalo a guardare un morto in una camera terrena. [ 13 ]Spez. K vuje che vularrisseve eh io facesse 1

Oen. l>a grati tempo ho un vestito «la omora eh’ io mi feci lare per uno scherzo «li carnevale. Voi dovreste vestirvi coll’abito, andare nella stanza, lingendo <li volervi premiere il cadavere, dovete spaventare colui che lo guarda. Lo farete?

Spez. K che d’è, nce bisogna ca me T addimmeli nate? «jueste sono cose semplicissime, oh, ma po’ doppo ni»3 tacite spusà a Ninetta?

Gen. Si capisce.

Spez. E io ve ringrazio tanto tanto. Me dispiace sitamente ca Vostra Signoria m’ha dato proprio no culti an no e poco conto.

Gen. Va bene, in altra occasione poi vedremo di esperimentare maggiormente il vostro coraggio. Intanto é necessario che ritorniate «la qui ad una mezz’ora,

lo vi farò trovare l’abito e vi indicherò la sala.

Spez. Aggio capito tutte cose. Signò, nu: ce penzate ca a stu pover’ommo ’o voglio fa muri’e paura; Servo oscellenzia, vi bacio le inani. (via dimenandosi).

Gen" Questa notte voglio proprio divertirmi conquesti tre rodomonti.

t

SCENA Vili.

Pulcinella, con lettera, e detto.

P ni. (d. d.) Ebbi va, mo te voglio bene; vattenne deritto e nun te spenlere p’ ’a via.

Gen. Se non erro, tni pare di sentire la voce di Pulcinella.

Pul. Si patrò, aggio latto tutto chello che m’avite ordinato.

Gen. E come va che sei di ritorno cosi presto? L’hai forse mandato per uu altro?

Pul. Ma che altro e altro! lo ll0ll aggio voluto nconimodà a nisciuno. Povera bestia! a lettera non s’ è lìdato d’ ’a portà.

Oen. Come! la lettera non ce l’hai mandata?

Pul. E cumme nce l’aveva manna si cbella povera bestia non se fidava? Aggio manuato sulo a isso, e ’a lettera eccola ccà.

Oen. Ma di quale bestia tu parli ’

Pni. Comme! d’ ’o cauario! Vuie m’avite ditto ca si io [ 14 ]non ce voleva j\ l’avesse marinato, e io accussi aggio fatto. Me songo accustato ’a gaiola e aggio pigliato ’o canario p’ ’e scelle, e si vedisseve isso che. pressa purtava pe se ne j’, nce pareva proprio che era servizievole. Io pe ve (licere ’a verità, l’aggio fatto na strellata pecche isso nun voleva sentì ’a mmasciata, e accussi l amico ha capito ’o latino, e subetos’è accucchiuliato e me chianimava zi zio. Io nun appena aggio visto ca s’era pentuto, l’aggio ditto: chest’ é ’a lettera, portala a I’ amico d’ ’o patrone e statte tu pure Uà: l’aggio puosto a lettera sott’ e scelle e l’aggio lassato. Isso subeto se n’è fuiuto e m’ha ruminasi! ’a lettera nterra pecche nun se fidava d’ ’a purtà...

Gen. (Povero me. Costui un giorno o I’ altro mi farà perdere la testa! Ma voglio vendicarmi della sua balordaggine. ) Hai fatto fuggire il canario? Ebbene ascolta adesso la tua pena. Questa notte per castigo devi guardare un morto che poco fa hanno recato in una delle mie stanze a pian terreno.

Vul A me? E io me inetto appaimi.

Gen. Non sento ragioni..

Vul. E va buono. (Mo dico ca nce vaco e po nun ce vaco),

Gen. Ma bada bene di non mancare, poiché io verrò di persona a far la spia, e se non ti trovo ti farò saltare da un balcone.

Vul. Non dubitate, ca mo nce vaco.

Gen. Va bene. Hai capito? o guardare il morto o fare

il salto dal balcone, (via ripetendo le stesse parole).

Pni. (icontraffacendolo) 0 fare il salto dal balcone!... me l’aggio inparato a memoria. Tu vih cumme The venuto ncapo a chillo ’e farme guardà ’o muorto, quanno a me l’ato juorno me ’steveno guardanuo duje vive, cioè du/e carabiniere ca me volevano porta carcerati» pe’ debeto.

SCENA IX.

Ninett?, e eletto, indi Sciarappa. (in osservazione)

Ain, Neh, Pulecené...

Vul. Guè, core mio, che d’è?

Nin. Addo è giuto Sciarappa Serra Serra? [ 15 ]Vul. S’è ghiuto a piglià nu poco ’e liquore anodino pe se passà ’a convulsione...

Scia. (avanzandosi) Che dice stu sfelenza?

Vul. Guè, nun parlà ’e sfelenza, ca nuje fra guappe e guappe nce canuscimnie.

Scia. Chi é guappo?

Vul. Io!

Scia. Tu?

Pul. Sì, ma però io si guappo d’ato genere.

.Scia. Si guappo ’e curtiello tu?

Pul. Gnernò.

Scia. ’E pistola, ’e stocco?.. (lazzi).

Pul. Gnernò,

Scia, Embè che specie ’e guappo si?

Pul. Io so’ guappo ’e lopa.

Scia. Sango ’e no coccodrillo c’ ’a sciammeria e ’o cappiello a cilindro, tu m’arrepasse tu, ah ca te voglio..

Min. Neh. Sciarappo, Sciarà, che maniera è chesta? Tu hè ’a penzà a dà prove ’e curaggio pe’ t’acquistà ’a mana mia, e tu invece pien/e a t’appiccecà cu ’e serviture d’ ’o signore.

Scia. Haie ragione, core mio, fata mia, tesoro mio. Tut to farraggio pe tte,

Nin. Mo se vede si overament»; si guappo.

Seia. Io so’ stato cu raggi uso ’a cuorpo a mammema, ma mo, sulo penzanno ca t’aggia spusà ’o curaggio mio s’è avanzato ’e no parmo e miezo.

Pul. Sciarappa, Sciarà, abbada cumme parie, e penza ca il sangue già m’è sagliuto ’a parte ’o curnicione. E comme! tu nnanze a mme te permiette e fa’ ’o

- femmenella cu Ninetta?..

Scia. E chi si tu?.. (a Nin.) Gioia mia, core mio. (le bacia la mano).

Pul. Ah ca mo nun ne pozzo cchiù. Lassa sta mano.

Scia. E pecc-hè?..

Vul. Lassa sta mano, o trema del mio fulminante.

Nin. Zitte, zitte; ma pecchè facite sti chiacchiere ’...

Scia. Aspetta nu mumento,Ninè,io voglio sapè Chisto che pretenne. Comme! tu pure aspire a spusarte Ninetta?

Vul. Gui, rnossiù.

Scia. Vuie vedite, vuie vedite! ’E pulece pure teneno a tosse. lamrno, vattenne ca sino t’afferro cu nu dito e te faccio j’ a piglià pede vicino a statua ’e Mamozio a Pezzullo. [ 16 ]Pul. Tu me manne a piglià pede a Pezzullo? Io mo te metto una mano ’ncapo e te làccio cammenà curarii’ ’o tramine elettrico...

Scia. E tu si omino pe mme?

Pul. Io sì!..

Scia. Ma chi, tu proprio?.,

Pul. Proprio io si... (si guardano minacciosi)

Scia. Siente io n’aggio proprio cumpassione ’e te! E pirciò mo sa che faccio? cu na scoppola te manno setteciento miglia sotto terra e accussi te faccio truvà già seppellito.

Pni. Tu me faie truvà già seppellito? lo mo te souo ua capuzzata al basso ventre e non te làccio digerì cchiù ’e cicere cu ’e tagliarelle.

Scia. Ma comme, tu pure pretienne ’a mano ’e chesta?

Pul. Sissignore, sissignore e so’ centoeimjuantanove. Scia, E tu pure he ’a veni a la tenzone?..

Pn/. Io vengo a tezzune, a sarcenielle, vengo a tutto chello che buò tu.

Scia. Embè allora dimane nce ’a vedimmo a pponia.

Pni. Accetto.

Min. Ma c’accettà e accettà! Tu che cancaro dice!

Scia. Dimane nce ’a vedimmo ncopp’ ’o turreno.

Pul. Ncopp’’o turreno, ncopp’ ’e pprete, ucopp’’o fuoco, ncopp’ ’a IT acqua, addò cancaro vuò tu!..

Scia. Povera panza toia! A veco e ’a chiagno!

Pul, Povero tuo capezzale! ’O voglio fà addeveutà na scolamaccarone.

Scia. Tre botte: tà, là, tà, muorto nterra.

Pul. Tre fecozze: tò: tò, tò, scannarozzato in quel cantone.

Min. (durante tutta la scena cercherà sempre di frapporsi) Ma monsignore, vuie che «licite!/

Scia. Ciuccio!

Pt</. Puorto!

Scia. Cuniglio!

Piti. Marmotta!

Sciw a pponie. nce ’a vedimmo.

Pul. ’E fl’ecozze parlarranno, (si danno le inani) scia, (a Min ) Hai capito? Egli la disfida accetta!..

(via nella camera del Generale)

Pul. I)i noi due si vedrà chi ó più porpetta!.. (ponesi la coppola a sghembo, e via a braccetto con Min.) [ 17 ](Mutazione di scena)

Cantera terrena con tavola e lenzuolo pei il tnorf o*

Sfrat. (tremando con un Iwne in /nano) Mamma d’ a saletta, io ine sento treinmà ’e ggamme sotto...’A verità stu fatto ’e fa’ ’o muorto nun me va troppo a genio... Ma se tratta ’e spusà a Ninetta e perciò... guè, ma ’a tremmarella ’a cucilo nun se vò lu va... eh, coraggio, Sfratta campagna, e pienze a mostrarte guappo!.. (tremando c. s.) Ma clu* vo dicere sta paura i’ nun ’o ssaccio... Si nun sbaglio, chest’ è ’a tavola addò m’aggia mettere pe figurare muorto... Olà, coraggio!.. E che coraggio e coraggio I 1’ nun tengo’o core ’o fa <ta brutta funzione!.. Eh, ma ccà ’o curaggio neo vò atfor/.a peocliè se tratta ’e servi a nu patrone ricco e spusà a na vedovella siiupateca e cu ’e donare; e perciò abbesogna fà chesto e atoL Mine pare ’e sentì rummore... E chi sarrà?.. Ah, aggio capito forse sarrà chillo che m’ha da guardà stanotte. lamino, meh, accunciammoce e accumminciamnio a ll’à ’o muorto... (nell’ avvolgersi nel lenzuolo, spegne il lume) Mannaggia a l’arnia d’ ’o diavolo, mo so’ runimaso pure ’o scuro mo!.. E si quaccheduno trase e me lana bona paliata, i’ cumm’’o veco? Basta, chest’è tavola, mo m’ aeconcio cumme meglio pozzo, e ’o Cielo m’ ’a manna, bona!.. (si accomoda a suo modo)

Sciar, (con bottiglia e lanterna) Si nou me nganno, chillo è ’o muorto c’ aggi a guardà!.. Mamma mia, io nun tengo cchiù sango ncuollo... ’o core mpietto me

  • ’ è fatto quanto a no chiappariello. Neh, ma pe ssapè

po’ che vo’ dicere sta paura?.. Alla line nu muorto che me po’ fà? Basta, mettimmo sta lanterna ccà nterra e sta buiteglia ’e vino ’e Barletta mettimmola a chest’ ata parte... (esegue tremando) Si nun sbaglio pare ca m’aggio ntiso nu sisco ’a reto!.. Ma no, nuu pò essere ccà nun ce sta nisciuno! Forse sarrà ’a fantasia riscaldata... Pigliammoce mo sta seggia, e mettimmoce assettato ccà, ’e rimpetto ’o muorto. Mo sa celie faccio? Me vevo sta butteglia’e vino uno sciato pare c’accussi me mbriaco, piglio suonno e me sceto uua vutata a ghiuorno!.. Ma ’a verità voglio vede prjmmo stu muorto che faccia tene, (esegue) Mamma [ 18 ]mia, e quant’ è brutto!.. Puh, che puozz’ essere acciso!.. (lo spula in fofcia)

Sfrat. (Puozz’ ave na funa ’ncanna I) (lazzi a piacere) Sciar, (bevendo) Gué, ma stu vino è sapurito assaie!.. (dopo lazzi con Sfrat. si pone a dormire)

SCENA XI.

Pulcinella p. d. p. f. indi Spezzacolonna

Pul. (d. d.) Noce d’ ’o cuollo! Bene mio, m’ aggio rutto ’o frontespizio maggiore!.. Ahi, ahi, (esce) Che veco! Naso mio, e che vedite!.. Occhi miei, e che toccate!.. Quale antichità di Pozzuoli o di vascio Porto, io miro in questa fetentissima catacomba!.. Che scavamento di Pompei è mai questo? Oh, stelle della mia luna, proteggetemi voi. (tremando) Neh, Pulecenè, e pe’ ssapé, si tu o non si tu? E che vo’ dicere sta terzana «oppia che t’é afferrata? E che mmalora staie mbriaco? nun ’o vvide che alla fine se tratta ’e guardà nu muorto? Ebbene?.. Ebbene nun ’o vvide c’ ’o muorto sta Uà e ca tu U’ hè ’a guardà?.. L’aggia guardà io?.. E pecché?.. Uh; bene mio e che m’ è succido! Mannaggia l’ora e ’o mumento ca purtaieno ’o canario a Napole; pe’ ccausa soia mo stanotte m’ attocca a Uà cumrnertazioue cu ’e zoccole e c’ ’o muorto... ’o bello si è ca si ’o muorto se sose e me conosce ca quann’ isso era vivo n’aggio vuttato tutte ’e muofte suoie, chillo sa che scarrecata’e paccare me fa; e io po’ allora cumme faccio?..

Sciar. (sbadigliando) Auf!..

Put. Misericordia! ’o muorto è risuscitato!.. (tremando)

Sciar. Va, lassarne vevere n’ato bicchiere ’e vino... (bene)

Put. Uh, caspeta.’.s’ hanno scurdato ’e dà a bevere ’o muorto primm’ ’e muri... E chillo mo vularrà fa nu tuccariello cu mme.

Sciar. Si quaccheduno se piglia sulo l’ardire ’e veni ccà (Unto, io m’’o magno vivo, (gridando) Vivo, vivo, m’ ’o magno...

Pul. Uh, bene mio, e che famma che tene ’o muorto! Ma si nun faccio arrore, ’o muorto sta Uà, e a mine ne pare c’ ’a voce vene ’a chest’ ata parte... (osservando) Uh mmalora, ccà nce sta n’ omino vestuto ’a maseolo! Forse sarrà venuto pur’isso a guardà’o muorto. Meno male!.. Oh, mo che tengo cuinpagnia, [ 19 ]voglio vedè nu poco si ’o muorto s’ è ntesecato o sta muollo ancora... (Inzzi a piacere)

Spez. (/’arendo un gran rumore di catene) Spiriti d’abisso del pirlbisso e del più profondo abisso, fatevi avanti...

Sfrat. (svegliandosi) Misericordia! Che d’é stu rummoro?..

IW. ’O tiempo se sta ntruvulianno!..

Sfrat. lì che vò dicere stu caspeta ’e rummore?.. Uh, e ’a lenterna?.. Mo sò rummaso pure ’o scuro...

Vul. Ma io sento na voce... (camminando a tentoni s’incontrerà con Sfrat. col quale resterà abbracciato, tremando entrambi)

Spez. (d. d.) Astarotte, Barzabucco, Spirete d’ ’o nliprno, jammoce a piglià ’o muorto!.. (gran rumore di catene d. d.)

Vul. Mmalora! se ne sta venerino farfarieilo cu tutto’o segueto.

Sfrat. (tremaudo a verga) E che vo dicere sta facenna?..

Spez. (fuori con face accesa e vestito da ombra) Spirete ’e casa caura. venitemi? tutte quante appriesso...

Sfrat. (tremando) Misericordia!...

Vul. (c• s.) Mamma, mia, e cumm’ é brutto!..

Spez. (dopo lazzi gridando) Guè, i’ so’ vivo e nun so’ muorto!..

SCENA ULTIMA

Il Generale, Ninetta, (con lume) e detti.

(ìen. (ridendo) Ah, ah, ali, ecco i guappi!..

Nin. (c. s.) Ecco Tuonimene curaggiuse!..

S* fvCL t )

‘sciar ) i.es^a^ci Per sorpresa) Comme!..

Vul. (tremando più di tutti) Gué, vih chille cnmrne trenimano e che paura s’ hanno’pigliato!..

Nin. [deridendoliJ E vuie site ’e guappe, vuie site ’e curaggiuse, vuie site tanta chiacchiarune tanta ainmuinature; se n’erano venute: nuie facimmo chesto, nuie facimmo chello: sciù! che ve pozzano veni tanta canchere pe quant’ ove nce volino pe fà na frettata ’a ccà fino ’a Pusilleco... E io mo proprio nnauz’ O signore dongo ’a mano a...

Sciar. )

Sfrat. ) A me?

Spez. )

Nin. A Pulecenella mio ca voglio tanto bene, gii dà Iti manoj [ 20 ]Vul. Core mio bello! Ma si io l’aggio ditto ca ’e guapparie meie so’ canosciute

Sciar. (minacciando Vul.) A tte, scinne mmiez’a strada S/’rat. Te voglio taglia ’a faccia!..

(c. s.) Me voglio magna ’o core tu io mmiez’ a iiii sordo e pane.

Gen. Kh via, finitela, rodomonti, e vergognatevi di chiamarvi guappi. Oggi i veri guappi sapete ehi sono? Sono quelli che badano ai latti loro.

Vul. (imitandolo sconciamente) Eh via, fluitela, rompimenti, e vergognatevi di chiamarvi guappi! Oggi i veri guappi sapete chi sono?.. Sono quelli che sanno strappare almeno un solo applauso da questo rispettabile pubblico!..

Fine della Commedia